Apri il menu principale

Gabriele La Porta

scrittore, filosofo e giornalista italiano

BiografiaModifica

Nacque a Roma il 5 maggio 1945 dall'attrice Antonella Della Porta, di origine milanese, interprete di noti sceneggiati Rai (da Sheridan, a Davide Copperfield, a Maigret) e dal baritono Arturo La Porta, di famiglia pugliese (sul Gargano), diretto da Von Karajan e in grandi compagnie con Maria Callas, Beniamino Gigli, Tito Gobbi, Giuseppe Di Stefano, Giulietta Simionato, Renata Tebaldi, al cinema (La signora dalle camelie, Casa Ricordi) e in tv (Andrea Chénier di M. Landi, La traviata di M. Lanfranchi)[1].

Laureatosi in Filosofia negli anni settanta con il massimo dei voti, ha incominciato a interessarsi a Giordano Bruno, curando e traducendo alcune opere del filosofo di Nola, il De umbris idearum (1976) e il Cantus Circaeus (1977), riprendendo poi le tematiche con il libro Giordano Bruno. Il nolese di ghiaccio (1991) pubblicato da Bompiani.

Per 42 anni in Rai, ha incominciato la sua lunga carriera nel servizio pubblico a 23 anni, prima come programmista, poi, tra gli altri incarichi, come conduttore, giornalista professionista, editorialista del Radiocorriere TV, vice caporedattore del TGR Lazio, caporedattore del DSE RAI ("Dipartimento Scuola Educazione", l'attuale struttura RAI Cultura).

Nel 1994 è stato nominato direttore di Rai 2, incarico che ha ricoperto per un anno e mezzo e nel 1996 è diventato il primo direttore di Rai Notte, la struttura che curava il palinsesto notturno di Rai 1, Rai 2 e Rai 3, apparendo spesso anche in video come conduttore di trasmissioni culturali. Essendone stato ininterrottamente direttore per 14 anni (fino al 2010), La Porta è stato il più longevo dirigente della storia della televisione pubblica italiana.

È stato solido il suo sodalizio umano e professionale con Pino Gagliardi. Nel 2006 ha condotto, accanto allo scrittore Giuseppe Carlotti, il programma televisivo Rai Ti presento Sophia, interamente dedicato alla storia della filosofia. La coppia La Porta - Carlotti si è riunita nel giugno 2008 per una nuova edizione del programma, sempre circondata da un numero pari di persone. Tra gli altri libri pubblicati, La Magia (1998), Coincidenze miracolose (2001), Storia della magia (2001), e la trilogia di A come anima, A come amore e C come cuore.

Nell'ottobre del 2008 è uscito Dizionario dell'inconscio e della magia, pubblicato per Sperling & Kupfer. Il suo ultimo lavoro, Tu chiamale se vuoi coincidenze è stato pubblicato nel 2011 da La Lepre Edizioni.

Il 5 maggio 2010 va in pensione e lascia la Rai, per passare al circuito televisivo Cinquestelle, dove ha condotto, insieme con Egidio Senatore, il programma Come State?, una diretta di 4 ore, che affrontava tematiche sociali con la partecipazione, senza filtro, delle telefonate del pubblico; in questo contesto hanno partecipato figure autorevoli come l'allora presidente dell'INPS Antonio Mastrapasqua e l'allora presidente dell'Agcom Corrado Calabrò. Dal 2 giugno 2010 al dicembre 2011 è stato direttore di EcoRadio[2], per la quale ha condotto, sempre insieme a Egidio Senatore, la rubrica letteraria La Grande Madre. Ha inoltre lavorato su EcoTv.

È stato ospite fisso del format radiofonico "News of the World" su Radio Manà Manà. Il 28 aprile 2012 è stato insignito della cittadinanza onoraria dalla città di Boscoreale, (NA). Ha gestito per anni un blog su internet.

Malato da tempo, è morto il 19 febbraio 2019 all'età di 73 anni.[3]

TelevisioneModifica

Come autore, curatore, giornalista e conduttore radiotelevisivo si è occupato, principalmente, di tematiche culturali e sociali. Tra i suoi programmi Rai ricordiamo: “Scuola aperta” (1976), “Tra scuola e lavoro” (1977), “Ricerca sul mito” (1978), “Sulle orme degli antenati” (1979), “Incontri nella notte, colloqui con gli scrittori contemporanei” (1980), “Segnali: appunti sui giovani d'oggi” (1981), "Incontri della notte" (1982-'83, Rai 1-DSE), "Immagini da leggere" (1982-'83, Rai 3), “Novecento: storia della letteratura italiana dal 1945 ad oggi” (1989), “Bellitalia” (1989-91).

Ha curato e condotto, per Rai 2, “Casablanca” (1990), programma di aggiornamenti editoriali che, tuttora, vanta il massimo ascolto per una rubrica letteraria. Ha condotto lo spazio letterario della rubrica televisiva di Rai 2 “La Rete” (1990), ha curato e condotto “Parlato semplice” (1992-93), per oltre 300 puntate, e ha curato e condotto gli spazi storici della rubrica “Filo Rosso” di Gianni Bisiach per Rai 2-DSE.

Ha, inoltre, realizzato gli speciali televisivi “Giordano Bruno”, “Edgar Allan Poe”, “Alla ricerca di Dracula” (1992), “Storia della Magia” (1993), ha curato e condotto gli spazi filosofici de “La stanza del principe” (1994), ha curato e condotto le 22 puntate di “Storia della cavalleria” (1994) e il “Prix Italia” (1994).

Per il palinsesto di Rai Notte, tra il 1996 e il 2010, è stato autore e conduttore di numerosi programmi, come “Anima Good News”, “Il mare di notte”, “Inconscio e Magia”, “Inconscio e Magia – Psiche”, l'unico programma televisivo RAI dedicato alla poesia, “Guarire insieme” (2003).

È stato spesso ospite, come opinionista, nelle rubriche letterarie e culturali di Rai 1.

InsegnamentoModifica

Oltre alla produzione culturale televisiva, fin dagli anni ‘70 si è occupato di insegnamento, in particolare del rapporto tra la filosofia antica e psicologia junghiana, e, inoltre, del settore editoriale, come curatore ed editorialista di numerose riviste, come “Abstracta”, e come autore di più di 30 libri.

Nel 1980 è stato invitato da François Châtelet a tenere corsi presso il Politecnico della Sorbona di Parigi sulla Magia e l'Arte della Memoria.

Tra il 1987 e il 1991 è stato direttore della rivista “L'informatore Librario” per la casa editrice Lucarini.

Nel 2001 è stato direttore, per la RaiEri – Pantheon, della rivista “Anima Mundi”, con la collaborazione di James Hillman, A. Guggenbhul-Craig, F. Donfrancesco, C. Stroppa, ecc. Nel 2002 è stato invitato dall'Istituto di Cultura Italiana di New York per una serie di seminari.

Dal 2003 è stato docente di Filosofia antica all'Università di Siena, presso la cattedra del Prof. Enrico Cheli. È stato docente di Filosofia antica e Vicedirettore della Scuola di Psicoterapia Psicosintetica ed Ipnosi Ericksoniana “H. Bernheim” di Verona, vicedirettore della scuola di Psicanalisi di Mestre AEPSI e docente di Filosofia per IKOS - Istituto di Comunicazione Olistica Sociale di Bari.

Era vicerettore onorario dell'Università L.U.de.S. di Lugano.

RiconoscimentiModifica

  • Premio “Arte e Spirito” per la televisione, conferito dalla Repubblica di San Marino nel 2014;
  • Premio “Moncalieri” alla carriera nel 2010;
  • Premio “La penna d'oro”, settore spettacolo, nel 1998;
  • Premio “Chianciano” per la critica radiotelevisiva nel 1993;
  • Premio giornalistico “Magarotto” nel 1992;
  • Premio letterario “Castiglioncello” nel 1989, “Cosentino” e “Cirò Marina” per l'opera Giordano Bruno.

CuriositàModifica

OpereModifica

  • Introduzione e cura di Filoteo Giordano Bruno di Nola, Il canto di Circe, Roma, Atanor, 1978.
  • Introduzione e cura di Giordano Bruno, Ombre delle idee, Roma, Atanor, 1978.
  • Itinerari magici d'Italia. Una guida alternativa, II, Centro, con Luciano Gianfranceschi, Roma, Edizioni Mediterranee, 1980.
  • I grandi del mistero, a cura di e con Luciano Gianfranceschi, Firenze, Salani, 1980.
  • Storia della magia mediterranea, con Andrea Forte, Roma, Atanor, 1980.
  • Un'avventura nel Rinascimento, Milano, Fiore d'oro, 1981.
  • Introduzione e cura di Marsilio Ficino, L'essenza dell'amore, Roma, Atanor, 1982.
  • Prefazione ad aa. vv., Meyrink scrittore e iniziato, Roma, Basaia, 1983.
  • Morte di un bacio, Roma, Lucarini, 1984. ISBN 88-7033-028-1.
  • I tarocchi di Giordano Bruno. Le carte della memoria, Milano, Jaca Book, 1984. ISBN 88-16-28006-9.
  • Racconti di tenebra, a cura di, Roma, Newton Compton, 1987.
  • Giordano Bruno. Tra magia e avventure, tra lotte e sortilegi la storia appassionante di un uomo che, ritenuto mago dai contemporanei, fu condannato per eresie dall'Inquisizione e arso vivo sul rogo, collaborazione alle ricerche di Anna Mirabile, Roma, Newton Compton, 1988.
  • La battaglia della montagna bianca, Chieti, Solfanelli, 1989.
  • Prefazione a Richard Dalby e Rosemary Pardoe (a cura di), Fantasmi. Storie e altre storie sulle orme di M.R. James, Roma, Newton Compton, 1989.
  • Prefazione a Edgar Allan Poe, Tutti i racconti del mistero, dell'incubo e del terrore, Roma, Newton Compton, 1989.
  • Testo critico a Giuliano Nucci, Misteri di pietra, Roma, Grapperia, 1989.
  • Curatela di aa. vv., Racconti per amore, Roma, Lucarini, 1990. ISBN 88-7033-408-2.
  • Giordano Bruno. Vita e avventure di un pericoloso maestro del pensiero, Milano, Bompiani, 1991. ISBN 88-452-1763-9.
  • Roma magica e misteriosa. Dalla sedia del diavolo ai fantasmi di villa Stuart, dalla cripta dei Cappuccini alla Porta Magica di piazza Vittorio, un viaggio affascinante nel cuore segreto della città eterna e dei suoi dintorni, con Francesco Fantasia, Roma, Newton Compton, 1991.
  • Prefazione a Edgar Allan Poe, Tutti i racconti, La Spezia, Melita, 1991. ISBN 88-403-6838-8.
  • Misteri. Quasi un manifesto della letteratura del mistero e del segreto, a cura di e con Franco Scaglia, Milano, Camunia, 1992. ISBN 9788877671196
  • Grandi castelli, grandi maghi, grandi roghi, Milano, Rizzoli, 1994. ISBN 88-17-84314-8.
  • Storia della magia. Grandi castelli, grandi maghi, grandi roghi, Milano, Bompiani, 1995. ISBN 88-452-2580-1.
  • Il ritorno della grande madre, Milano, Il Saggiatore, 1997. ISBN 88-428-0579-3.
  • La magia, in collaborazione con Andrea Aromatico e Stefania Quattrone, Roma-Venezia, RAI-ERI-Marsilio, 1998. ISBN 88-317-7024-1.
  • Coincidenze miracolose, Roma-Rimini, RAI-ERI-Idealibri, 1999. ISBN 88-7082-610-4.
  • Donne magiche, Roma-Rimini, RAI-ERI-Idealibri, 2000. ISBN 88-7082-670-8.
  • A come anima, Milano, Pratiche, 2001. ISBN 88-7380-715-1; 2002. ISBN 88-7380-735-6.
  • Saggio in Valerio De Filippis, La quiete del Terrifico, Fasano, Schena, 2001. ISBN 88-8229-279-7.
  • C come cuore. Pagine per lenire il mal d'amore, Milano, Pratiche, 2003. ISBN 88-7380-747-X.
  • Gabriele la Porta intervista Ettore Bernabei, Roma, Edizioni Eri, 2003. ISBN 88-397-1260-7.
  • S come seduzione. Dizionario dell'eros e della sensualità, Milano, Il Saggiatore, 2004. ISBN 88-438-0492-8.
  • P come passioni. Dizionario delle emozioni e dell'estasi, Milano, Tropea, 2005. ISBN 88-438-0506-1.
  • Dizionario dell'inconscio e della magia, Milano, Sperling & Kupfer, 2008. ISBN 978-88-200-4642-2.
  • Prefazione a Michele lo Foco, L'armonia del dolore, Roma, Pagine, 2010. ISBN 978-88-7557-348-5.
  • Prefazione a Dale Furutani, Agguato all'incrocio, Milano, Marcos y Marcos, 2011. ISBN 978-88-7168-565-6.
  • Tu chiamale se vuoi coincidenze. Quaranta storie realmente accadute, Roma, La lepre, 2011. ISBN 978-88-96052-41-9.

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ Biografia di Gabriele La Porta, su Cinquantamila.it, 6 agosto 2002. URL consultato il 1º Mar 2019.
  2. ^ EcoRadio - Gabriele La Porta nuovo direttore responsabile di Ecoradio: "Qui trovo libertà autentica", su ecoradio.it. URL consultato il 5 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2014).
  3. ^ Morto il conduttore Rai Gabriele La Porta - Tv, su Agenzia ANSA, 21 febbraio 2019. URL consultato il 21 febbraio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN56687538 · ISNI (EN0000 0000 8016 0290 · SBN IT\ICCU\CFIV\035341 · LCCN (ENn80136804 · GND (DE1055742328 · BNF (FRcb123632830 (data) · WorldCat Identities (ENn80-136804