Apri il menu principale

Gattilusio

famiglia genovese: ha retto Lesbo e altre isole dell'Egeo
(Reindirizzamento da Gattilusi)
Gattilusio
Stato

Flag of Genoa.svg Serenissima Repubblica di Genova

Flag of PalaeologusEmperor.svg Impero bizantino
Titoli

Croix pattée.svg Principi di Lesbo

Croix pattée.svg Signori di Enos
FondatoreFrancesco I Gattilusio
Ultimo sovranoNiccolò di Lesbo
Data di fondazioneXII secolo
Data di deposizione1462
Etniaitaliana
Lastra presso il castello di Mitilene che a partire da sinistra riporta: l'aquila dei Doria, il monogramma dei Paleologi e lo stemma dei Gattilusio

I Gattilusio o Gattilusi furono un'importante famiglia proveniente dalla Repubblica di Genova che tra il 1355 e la metà del XV secolo dominò numerosi territori nella zona settentrionale del Mar Egeo, tra di essi possiamo ricordare la grande isola di Lesbo, le isole di Lemno e Samotracia, la città di Eno (l'odierna città turca di Enez).

Francesco Gattilusio ottenne il favore dell'imperatore Bizantino Giovanni V Paleologo, grazie all'aiuto fornitogli nel 1354 per ottenere il trono contro il rivale Giovanni VI Cantacuzeno. Come ricompensa a Francesco venne assicurata la signoria di Lesbo (con l'importante fortezza di Mitilene) oltre che la mano della sorella dell'imperatore, Maria Paleologa. I possedimenti della famiglia crebbero ulteriormente con l'aggiunta delle isole di Lemno, Imbro, Taso e Samotracia, più la città di Aenos. Grazie a questi possedimenti i Gattilusio ottennero per circa un secolo un'importante posizione nell'estrazione e ricco commercio dell'allume, una sostanza usata per fissare la tintura dei tessuti.

Dopo la Caduta di Costantinopoli nel 1453, i Gattilusio mantennero per alcuni anni il possesso della sola Lesbo, come vassalli degli Ottomani, dietro il pagamento di un tributo pari a 4000 pezzi d'oro annui. Quando però Domenico Gattilusio venne assassinato e sostituito da suo fratello Niccolò, gli Ottomani inviarono nel 1462 una flotta a conquistare l'isola, Niccolò fu portato prigioniero ad Istanbul e giustiziato, ponendo fine al potere della famiglia.

Principi di LesboModifica

Signori di EnosModifica

Tavola genealogicaModifica

 Giacomo
*? †?
⚭ Alasina Usodimare
*? †?
 
   
 Gattino
*? † ante 1306
Luchetto
*~1230 † post 1307
⚭ Eleonora Doria[1]
*? †?
Giacomo
*? †?
 
     
 Franceschino
*? †?
Nicolò
*? †?
Domenico
*? †?
Obertino
*? †?
Ilisina
*? †?
 
 
 ?
non sono noti i genitori
 
  
 Francesco I
*~13261384
⚭ Maria Paleologa
*? †1401
Nicolò
*? †1409
 
   
 Andronico
*? †1384
Domenico
*? †1384
Francesco II[2]
*~1370 †~1404
 
      
 Jacopo
*~13901428
⚭ Valentina Doria
*? †?
Dorino I
*? †1455
⚭ Orietta Doria
*? †?
 Palamede
*? †1455
⚭ Valentina ?
*? †?
Eugenia
*? †1440
Giovanni VII Paleologo
*13701408
Helena
*? †?
Stefano III Lazaro[3]
*13741427
Caterina
*? †?
⚭ Pietro Grimaldi di Boglio
*? †?
  
            
Francesco III
*? †?
Domenico
* post 14201455~1458
⚭ Maria-Giustiniana Longo
*? †?
Niccolo
* post 14201462
Ginevra
fl. 1444
Giacomo II Crispo[4]
*14261447
Caterina
*? †1442
Costantino XI Paleologo
*14051453
Maria
*? †?
⚭ Alessandro di Trebisonda
Giorgio
*? †1449
Dorio II
*? † post 1488
⚭ Elisabetta Crispo
*1445 †?
Caterina
*? †?
⚭ Marino Doria
*? †?
Ginevra
*? † post 1489
Lodovico Fregoso
*14151489
Constanza
*? †?
⚭ Giangaleazzo Fregoso
*? †?
?
⚭ Francesco III Gattilusio
*? †?

NoteModifica

  1. ^ Figlia di Corrado Doria.
  2. ^ Nato Jacopo.
  3. ^ Despota di Serbia.
  4. ^ Duca dell'Arcipelago

BibliografiaModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN310739572 · GND (DE1047549670 · WorldCat Identities (EN310739572