Apri il menu principale

Giovanna Plantageneto (1321-1362)

Giovanna Plantageneto
Joan Queen of Scotland.jpg
Regina consorte di Scozia
In carica 1329-1362
Incoronazione novembre 1331
Predecessore Elisabetta de Burgh
Successore Margherita Drummond
Nascita Torre di Londra, Londra, 5 luglio 1321
Morte Castello di Hertford, Hertford, 7 settembre 1362
Sepoltura Londra
Luogo di sepoltura Christ Church Greyfriars
Casa reale Plantageneti
Padre Edoardo II d'Inghilterra
Madre Isabella di Francia
Consorte Davide II di Scozia

Giovanna Plantageneto (Londra, 5 luglio 1321Hertford, 7 settembre 1362) conosciuta come Giovanna della Torre perché nacque nella Torre di Londra, fu una principessa inglese e regina consorte di Scozia, come prima moglie del re Davide II.

BiografiaModifica

Giovanna fu la figlia più giovane del re Edoardo II d'Inghilterra, e di sua moglie, Isabella di Francia.

MatrimonioModifica

Secondo i termini del trattato di Northampton, il 17 luglio 1328, quando la principessa aveva soli 7 anni, fu unita in matrimonio, a Berwick-upon-Tweed.[1], al figlio del re di Scozia Roberto I, che l'anno seguente, alla morte del padre salì al trono con il nome di Davide II[2] Their marriage lasted 34 years, but it was childless and apparently loveless.[3]. Giovanna fu incoronato nell'Abbazia di Scone nel novembre 1331[4].

La coppia non ebbe figli, infatti il trono di Scozia dopo Davide passò a Robert Stuart.

Dopo la vittoria di Edoardo III d'Inghilterra e di Edward Balliol nella battaglia di Halidon Hill, vicino a Berwick-upon-Tweed nel luglio 1333, Davide e Giovanna dovettero abbandonare il paese rifugiandosi in Francia. Raggiunsero Boulogne-sur-Mer nel maggio 1334, dove furono accolti da Filippo VI. Poco si sa della loro vita in Francia, tranne che si stabilirono a Château Gaillard e Filippo VI li trattò con riguardo[5].

Nel frattempo, i rappresentanti di Davide II avevano ottenuto il sopravvento in Scozia e la coppia fu autorizzata a tornare nel giugno 1341. Davide II fu fatto prigioniero nella battaglia di Neville's Cross il 17 ottobre 1346 e rimase imprigionato in Inghilterra per undici anni. Edoardo III permise a Giovanna di visitare il marito nella Torre di Londra alcune volte. Dopo il suo rilascio nel 1357, decise di rimanere in Inghilterra[6].

Giovanna lasciò nominalmente il marito in seguito alle sue molte infedeltà e si ricongiunse alla madre, Isabella, negli ultimi anni della sua vita, assistendola[7].

MorteModifica

Giovanna morì il 7 settembre 1362 al Castello di Hertford, Hertford. Fu sepolta nella Christ Church Greyfriars, a Londra, che fu pesantemente bombardata nel Blitz.

NoteModifica

  1. ^ Marshall, (2003), 36
  2. ^ Castor (2011), 313
  3. ^ Ashley (1999), 551
  4. ^ Brown (2004), 321
  5. ^ Marshall (2003), 37
  6. ^ Marshall (2003), 38
  7. ^ Mortimer (2008), 338

BibliografiaModifica

  • Ashley, Mike. The Mammoth Book of British Kings and Queens. London: Robinson Publishers, 1999. ISBN 1-84119-096-9
  • Brown, Michael. The Wars of Scotland, 1214–1371. Edinburgh: Edinburgh University Press, 2004. ISBN 978-0748612383
  • Marshall, Rosalind. Scottish Queens 1034–1714. East Linton: Tuckwell Press, 2003. ISBN 978-0859766777
  • Mortimer, Ian. The Perfect King The Life of Edward III, Father of the English Nation. London: Vintage, 2008. ISBN 978-0099527091
  • Panton, James. Historical Dictionary of the British Monarchy. Lanham, MD: Scarecrow Press, 2011. ISBN 978-0810857797

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie