Apri il menu principale
Giuseppe Gnecco ritratto

Giuseppe Gnecco (Genova, 1824Talant, 29 gennaio 1871) è stato un patriota e militare italiano.

Indice

BiografiaModifica

Giuseppe Gnecco di Tommaso, nato a Genova, carabiniere. Di lui si cominciano a trovare delle notizie solo a partire dall'impresa dei Mille, quando avuta notizia della spedizione che Giuseppe Garibaldi stava preparando, la sera del 5 maggio 1860 si recò allo scoglio di Quarto ad attendere i piroscafi: Piemonte e Lombardo. Fu inquadrato nella Prima Compagnia comandata da Nino Bixio.[1]

All'alba dell'11 maggio i Mille approdano a Marsala e quattro giorni dopo si battono a Calatafimi, il 27 maggio entrano in Palermo e al Ponte dell'Ammiraglio, a Porta Termini dove avviene un duro scontro con le forze borboniche.

Giuseppe Cesare Abba descriveva la presa di Palermo con parole epiche: "Un nucleo di valorosi, condotti da Tukory e Missori, marciavano in avanguardia. Tra essi si contavano: Nullo, Enrico Cairoli, Vigo Pelizzari, Taddei, Poggi, Scopini, Uziel, Perla, Gnecco ed altri valorosissimi i cui nomi son dolente di non poter ricordare. Cotesta schiera, scelta tra i Mille, non contava il numero, le barricate, i cannoni che i mercenari del borbone avevano assiepato fuori di Porta Termini. Le barricate di Porta Termini, furono superate volando e le colonne dei Mille e le squadre dei Piccioni calpestavano le calcagna della superba avanguardia gareggiando di eroismo."[2]

E poi ancora: "... ai Benedettini, Giuseppe Gnecco, carabiniere genovese, si era lanciato alla gola di un ufficiale borbonico e lo aveva tratto via seco prigioniero... "[3]

Seguirono tutte le altre battaglie della Campagna di Sicilia. Il 7 settembre entra al fianco di Bixio a Napoli. Partecipa alle battaglie del Volturno, del Macerone, del Garigliano e l'espugnazione di Capua e di Gaeta.

Appena dichiarata la guerra all'Austria nel 1866, ritorna al fianco di Garibaldi. Nel 1870 sempre con Garibaldi è alla Campagna dei Vosgi del 1870- 1871[4] nella formazione della Legione dei Volontari Italiani facente parte della terza Brigata comandata dal colonnello Menotti Garibaldi.

Morì il 29 gennaio 1871 a Talant, a pochi chilometri da Digione, durante l'ultimo giorno della battaglia di Mentana.[5]

Nell'elenco ufficiale dei partecipanti all'impresa pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia del 12 novembre 1878, lo si trova al numero 524.[6]

Indro Montanelli nel suo "Garibaldi. Ritratto dell'eroe dei due mondi": La mattina del 21 gennaio il generale Manteuffel attaccò la città da due lati, e Garibaldi, per la prima volta dacché era in Francia, salì a cavallo per dirigere personalmente la battaglia, che durò tre giorni e fu dura e sanguinosa. Vi caddero i migliori fra i garibaldini: Imbriani, Perla, Cavallotti, Pastoris, Bassi, Gnecco, Settignani, Leonardi, Valdata, Cerruti, Ricci, Canova, l'ex generale polacco Bossak.[7]

NoteModifica

  1. ^ Giuseppe Gnecco della I Compagnia
  2. ^ GIUSEPPE CESARE ABBA, "La Storia dei Mille", Ed. 1904, pag. 57 e 58. 66 - La battaglia di Palermo
  3. ^ La calata di Palermo
  4. ^ Dal Trentino ai Vosgi (1866-1871), Nullo - Composizione della Compagnia Erba, pag.64
  5. ^ Morte di Giuseppe Gnecco[collegamento interrotto]
  6. ^ http://www.liberatiarts.com/storia/mille.htm Elenco Garibaldini
  7. ^ Garibaldi. Ritratto dell'eroe dei due mondi, di Indro Montanelli, Marco Nozza, maggio 1963 Morte dei Garibaldini sui Vosgi

BibliografiaModifica

  • Garibaldi. Ritratto dell'eroe dei due mondi, di Indro Montanelli, Marco Nozza, maggio 1963
  • I Mille di Giuseppe Garibaldi, 1933
  • La Storia dei Mille, di Giuseppe Cesare Abba, 1904

Voci correlateModifica