Apri il menu principale

Gli sfiorati

film del 2011 diretto da Matteo Rovere

TramaModifica

Il giovane Méte, grafologo affascinato dalla psicologia nascosta dietro la scrittura, è in una situazione imbarazzante e difficile quando si ritrova a dover prendersi cura della sorellastra Belinda, diciassettenne adolescente in bilico tra tutto e nulla, durante le seconde nozze del padre, unico punto in comune tra i due. Per evitare la situazione, Méte si finge perlopiù occupato con Damiano, amico donnaiolo, e Bruno, collega e padre separato. Ma Méte dovrà decidersi ad affrontare la sorellastra, un tema fino ad allora soltanto sfiorato.

DistribuzioneModifica

Il film è stato distribuito nelle sale italiane il 2 marzo 2012 da Fandango, incassando 34.000 € nel primo week-end e soffrendo la concorrenza di Posti in piedi in paradiso di Verdone.[1]

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema