Apri il menu principale

Cronologia del mandatoModifica

Conseguenze delle elezioni parlamentari del 2008Modifica

I risultati delle elezioni parlamentari in Romania del 2008 videro un sostanziale pareggio tra le due forze più votate, il Partito Democratico Liberale (PD-L) e il Partito Social Democratico (PSD) (che concorse in alleanza con il Partito Conservatore). I primi ottennero 115 seggi alla camera dei deputati (con il 32,4% dei voti) e 51 al senato (33,6% dei voti), mentre i secondi ottennero 114 seggi alla camera dei deputati (33,1% dei voti) e 49 al senato (34,1% dei voti)[1][2]. Vista l'impossibilità di formare individualmente una maggioranza, il PD-L, che aveva ottenuto un risicato vantaggio, si vide costretto ad intavolare le trattative per la formazione di un'ampia coalizione di governo con altre forze politiche.

Il 10 dicembre 2008 il presidente della repubblica Traian Băsescu incaricò il candidato del PD-L Theodor Stolojan di formare il governo[3]. Fallita la possibilità di un'alleanza con il Partito Nazionale Liberale (PNL) (centro-destra)[4], il primo ministro designato si rivolse a PSD e Unione Democratica Magiara di Romania (UDMR) (rappresentante della minoranza ungherese)[5][6], riuscendo a siglare un accordo con i primi, che portò alla creazione del Partenariato per la Romania, protocollo di collaborazione firmato il 14 dicembre dai presidenti di partito Emil Boc (PD-L) e Mircea Geoană (PSD)[7][8].

Ritiro di Stolojan ed incarico ad Emil BocModifica

Il 16 dicembre Theodor Stolojan annunciò a sorpresa l'intenzione di deporre il mandato nelle mani del presidente rifiutando, in tal modo, l'incarico di primo ministro. Senza fornire motivazioni politiche per le dimissioni, Stolojan precisò che lasciava il posto ad una più giovane generazione di uomini politici[9]. Băsescu si dichiarò triste per la decisione di Stolojan ed affidò l'incarico di nuovo primo ministro ad Emil Boc, leader del PD-L ed elemento ritenuto vicino al presidente della repubblica[9][10][11].

Il 19 dicembre 2008 Boc comunicò pubblicamente la formazione del nuovo governo, composto da 18 ministri (9 del PD-L, 8 del PSD e un indipendente), un ministro delegato (Victor Ponta del PSD ai rapporti con il parlamento) e un vice primo ministro (Dan Nica del PSD)[12][13]. Il 22 dicembre il nuovo esecutivo ricevette il voto di investitura da parte del parlamento (324 voti a favore, 115 contro)[14] e prestò giuramento al presidente della repubblica[15]. Lo stesso Băsescu definì il governo Boc come «il risultato di un compromesso politico nel pubblico interesse»[15].

Critiche alle nomine della squadra di governoModifica

Frutto di un compromesso volto a garantire un governo al paese, il gabinetto Boc fu aspramente criticato da Călin Popescu Tăriceanu, primo ministro uscente e leader del principale partito di opposizione, il PNL. Tăriceanu lo definì un matrimonio di interesse, immorale dal punto di vista politico e incapace di fornire reali garanzie sul futuro del paese. Lo paragonò, inoltre, alla mostruosa coalizione che nel 1866 rovesciò il principe di Romania Alexandru Ioan Cuza[16].

Nomina del ministro degli interniModifica

Il ministro degli interni e della pubblica amministrazione Gabriel Oprea mantenne l'incarico per appena 20 giorni, come risultato dello scontro interno al PSD relativo alle nomine dei sottosegretari del ministero elaborate da Oprea. La scelta di Virgil Ardelean a capo del DGIPI, la direzione generale per l'intelligence e la sicurezza interna, fu malvista dai colleghi socialdemocratici Liviu Dragnea e Marian Vanghelie, dall'ex presidente Ion Iliescu e dal leader del PSD e presidente del senato Mircea Geoană, che lo accusò apertamente di procedere alle nomine senza consultarlo e ignorando le norme di disciplina interna del partito[17][18]. La questione creò problemi anche in seno alla coalizione, in quanto anche il premier Boc aveva approvato i decreti di nomina senza confrontarsi con Geoană[17]. Il 13 gennaio 2009, contrariato dalle reazioni che minavano l'indipendenza delle sue scelte, Oprea rassegnò le proprie dimissioni e lasciò il PSD[19][20][21].

Il coordinatore del gruppo dei ministri del PSD Liviu Dragnea fu designato come suo successore, principalmente su insistenza di Marian Vanghelie, leader della sezione del PSD di Bucarest[22]. Tra gli obiettivi del suo mandato pose un programma di forte decentralizzazione amministrativa che prevedeva il trasferimento di competenze in materia di finanze, lavoro e protezione sociale ai consigli di distretto[22][23]. Il 2 febbraio 2009, tuttavia, a 12 giorni dalla nomina, Dragnea presentò le proprie dimissioni da ministro. Queste furono ufficialmente motivate con l'impossibilità di portare a termine gli obiettivi prefissati in base al budget messo a disposizione del governo[23]. Diversi osservatori, comunque, videro l'origine della scelta anche nella conclamata diffidenza di Dragnea nei confronti dei ministri PD-L[24] e nello scontro con Vanghelie e Geoană che premevano per la nomina a sottosegretario ministeriale di Mincu Silvestru[23][25].

Il 2 febbraio, Dan Nica (PSD), già vice primo ministro, prelevò il portafogli degli interni, divenendone il terzo titolare in due mesi[26].

Scontri interni alla maggioranzaModifica

Il funzionamento della maggioranza fu costantemente compromesso da dissensi interni a causa di normali divergenze ideologiche. La struttura organizzativa dei partiti, inoltre, replicava la struttura dalla squadra di governo, con una doppia e conflittuale leadership che costringeva, alternativamente, i vertici dei due partiti a richiamare i propri membri all'ordine e al rispetto del protocollo d'intesa stipulato nel dicembre 2008[27][28][29].

 
Emil Boc e Traian Băsescu al meeting del Partito Popolare Europeo nel marzo 2009

Basando la propria alleanza su un generico programma di governo elaborato per far convivere le due anime della coalizione[27], PD-L e PSD si scontrarono sin dall'inizio sulla questione della nomina dei sottosegretari dei ministeri[30][31]. Sul piano politico una parte del PSD, specialmente la corrente facente capo ad Adrian Năstase, invocò per mesi il ritiro dell'appoggio a Boc, reputato colpevole di intraprendere iniziative di governo senza consultarsi con gli alleati, appoggiandosi esclusivamente al presidente Băsescu, che era malvisto dai socialdemocratici[32]. Nel giugno 2009 Geoană attaccò pubblicamente il PD-L, accusandolo di essere un partito senza ideologia[33]. Il presidente del PSD affermò più volte di ritenere insoddisfacenti le politiche economiche dell'esecutivo, auspicando un cambio nella strategia di governo[34][35].

Marian Vanghelie, inoltre, accusò direttamente Băsescu e il PD-L di voler mettere le mani sul ministero degli interni, poiché nei suoi archivi sarebbero stati contenuti dati compromettenti per la figura del presidente[36].

Contestualmente, i due partiti concorsero come rivali tanto alle elezioni per il parlamento europeo del giugno 2009, quanto alle elezioni presidenziali del novembre 2009 (che ebbero come candidati Băsescu per il PD-L e Geoană per il PSD)[33][37].

Nel luglio 2009 il ministro dello sport Monica Iacob-Ridzi (PD-L) rassegnò le proprie dimissioni per non danneggiare l'immagine del partito in seguito ad uno scandalo che l'aveva coinvolta. In occasione della giornata della gioventù del 2 maggio, il ministero aveva assegnato a due piccole società collegate fra loro (Artisan e Mark) appalti per 600.000 euro per l'organizzazione di eventi, senza bandire un'asta e senza specificare i criteri di selezione. Per fare luce sulla questione, fu istituita una commissione parlamentare d'inchiesta, che chiese al premier la revoca del ministro e l'avvio di un'indagine ai suoi danni per appropriazione indebita e abuso d'ufficio[38][39]. Iacob-Ridzi preferì abbandonare il ministero, lasciandolo in mano a Luminița Plăcintă, già senatrice PD-L[40].

Nell'autunno del 2009 fu condotta un'ulteriore commissione d'inchiesta contro il ministro del turismo Elena Udrea (PD-L), chiamata a rispondere delle accuse di abuso d'ufficio, negligenza, conflitto di interessi e istigazione al reato di abuso d'ufficio contro il pubblico interesse in relazione alla gestione dei fondi del ministero. L'inchiesta non portò ad alcun risultato, mentre Udrea contestò alla commissione il ricorso a misure anticostituzionali e contrarie al regolamento interno della camera dei deputati. La stessa Udrea ritenne che questa fosse stata istituita con scopo politico da parte dei suoi avversari facenti capo a PSD e PNL[36][41][42].

Uscita del PSD dal governoModifica

Con l'approssimarsi delle elezioni presidenziali, previste per novembre, crebbe il tono degli scontri. A fine settembre 2009 il ministro degli interni Dan Nica dichiarò di essere preoccupato dall'organizzazione di possibili frodi elettorali da parte del PD-L volte a favorire la rielezione di Băsescu (con il ricorso alla cosiddetta operazione autobus)[36]. La durezza delle dichiarazioni spinse Boc a richiedere al PSD il ritiro di Nica e la nomina di un nuovo ministro[43], ma Geoană non fece alcuna nuova proposta aprendo, di fatto, una crisi di governo[44]. Contestualmente, Băsescu firmò i decreti di revoca di Nica e di nomina di Vasile Blaga (PD-L) in sua sostituzione[44].

Il 1º ottobre 2009 Geoană annunciò, quindi, l'uscita del PSD dalla maggioranza dichiarando «l'intero gruppo ministeriale PSD, per solidarietà con Dan Nica, annuncia oggi le dimissioni dal governo. Traian Băsescu è riuscito a fare di nuovo quello che fa da 5 anni: provocare una crisi politica sovrapposta alla crisi economica. È lui il responsabile principale»[44].

Dopo le dimissioni dei ministri PSD, Boc manifestò l'intenzione di assumersi il peso della conduzione di un governo minoritario. I ministeri vacanti vennero riassegnati ai ministri PD-L già facenti parte del governo[45].

Le opposizioni, in ogni caso, organizzarono una mozione di sfiducia[46] che fu sottoposta al voto del parlamento il 13 ottobre. La mozione passò con 254 voti contro 176, con il parere favorevole di PSD, PNL e UDMR[47], che premevano per la formazione di un governo tecnico provvisorio fino alle elezioni presidenziali e presieduto da Klaus Iohannis, allora indipendente sindaco di Sibiu[48]. La caduta del governo Boc, primo esecutivo nella storia della Romania postrivoluzionaria costretto a dimettersi per un voto di sfiducia, portò a nuove consultazioni per la scelta di un nuovo primo ministro.

Governo ad interim ed elezioni presidenziali del 2009Modifica

Il governo Boc mantenne l'incarico ad interim, mentre Băsescu cercò una soluzione credibile da proporre al parlamento.

Il 15 ottobre l'economista Lucian Croitoru, vicino al PD-L, fu incaricato di avviare le consultazioni per la formazione di una maggioranza[49][50], ma le opposizioni rifiutarono la proposta, bocciando l'investitura in parlamento il 4 novembre 2009 (250 voti contrari, 189 a favore)[51].

Nonostante la preferenza espressa dalle opposizioni per la formazione di un'eventuale governo Iohannis, il 6 novembre Băsescu propose il nome del sindaco del settore 3 di Bucarest Liviu Negoiță (PD-L)[52]. Il 9 novembre Negoiță presentò la lista dei nuovi ministri[53] ed iniziò a cercare un accordo con le altre forze politiche[54].

Il 27 novembre 2009 la corte d'appello del tribunale di Bucarest accolse il ricorso presentato dal PSD riguardante la nomina di Vasile Blaga a ministro degli interni, ordinandone la sospensione. Secondo le norme costituzionali, infatti, in seguito alla revoca dell'incarico ad un ministro, non era possibile nominare un ministro ad interim come fatto con Blaga (opzione percorribile solo in caso di dimissioni), ma un ministro titolare. La decisione diede lo spunto al PSD di contestare la validità costituzionale del governo Boc ancora in carica ad interim, mentre il dibattito politico era animato dalla corsa alle elezioni presidenziali[55].

Il 22 novembre si svolse il primo turno delle elezioni presidenziali, che videro Băsescu ottenere il 32,44% delle preferenze, contro il 31,15% di Geoană. Al ballottaggio del 6 dicembre Băsescu ottenne un ridottissimo vantaggio su Geoană (50,34% contro 49,66%), che spinse il PSD a contestare la validità delle elezioni di fronte alla corte costituzionale, richiedendo la ripetizione del voto[56], mentre questa ammise solamente il riconteggio delle circa 138.000 schede annullate. Il 14 dicembre l'ufficio elettorale centrale ultimò il riconteggio delle schede (rivalidando 2.247 voti inizialmente considerati nulli) e trasmise i dati alla corte costituzionale, incaricata di convalidare i risultati del voto[57]. Nella sera del 14 dicembre la corte costituzionale riconobbe la rielezione di Băsescu[58].

La vittoria di Băsescu ebbe effetti immediati anche sul governo. Il 16 dicembre, a due giorni dalla convalida del voto, Negoiță rimise il mandato nelle mani del presidente, incolpando le opposizioni di aver rimandato la formazione del suo governo e dichiarando «Ci troviamo in un'altra realtà politica dopo le elezioni presidenziali»[59].

Visti i fallimenti di Croitoru e Negoiță, il 17 dicembre il presidente designò nuovamente Emil Boc (per il cui governo ad interim i termini sarebbero scaduti il 23 dicembre) per la formazione di un governo incaricato di approvare rapidamente la legge sul bilancio per il 2010[60][61]. Vista la nuova situazione politica nata all'indomani del voto presidenziale, Boc riuscì a costruire una nuova maggioranza in alleanza con l'UDMR e con l'appoggio di una parte di parlamentari indipendenti dissidenti del PSD (tra i quali Gabriel Oprea e Cristian Diaconescu)[62][63]. Il 23 dicembre 2009 nacque il governo Boc II.

Appoggio parlamentare e composizioneModifica

Il governo Boc I fu il risultato dell'alleanza tra i due partiti più votati alle elezioni parlamentari in Romania del 2008, il Partito Democratico Liberale (PD-L) (centro-destra) e il Partito Social Democratico (PSD) (centro-sinistra, alle cui liste era collegato anche il piccolo Partito Conservatore), che decisero di formare un'ampia coalizione per garantire la formazione di un governo, altrimenti impossibile.

Insieme la maggioranza disponeva di 229 deputati su 332 (pari al 68,9% dei seggi alla camera dei deputati della Romania) e di 100 senatori su 137 (pari al 72,9% dei seggi al senato della Romania).

Il 1º ottobre 2009 il PSD si ritirò dalla coalizione di governo e passò all'opposizione. Le funzioni ministeriali precedentemente attribuite ai membri del PSD vennero redistribuite ad interim ai ministri del PD-L che già facevano parte del gabinetto dell'esecutivo.

Funzione Nome Partito dal al
Primo Ministro Emil Boc PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Vice Primo Ministro Dan Nica PSD 22 dicembre 2008 1 ottobre 2009
Ministro della Giustizia Cătălin Predoiu Indipendente 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro della Difesa nazionale Mihai Stănișoară PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro della Cultura Theodor Paleologu PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro dell'Agricoltura Ilie Sârbu PSD 22 dicembre 2008 1 ottobre 2009
Ministro della Salute Ion Bazac PSD 22 dicembre 2008 1 ottobre 2009
Ministro degli Affari Esteri Cristian Diaconescu PSD 22 dicembre 2008 1 ottobre 2009
Ministro dell'Economia Adriean Videanu PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro delle finanze Gheorghe Pogea PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro del lavoro Marian Sârbu PSD 22 dicembre 2008 1 ottobre 2009
Ministero dell'ambiente Nicolae Nemirschi PSD 22 dicembre 2008 1 ottobre 2009
Ministro dei Trasporti Radu Berceanu PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro degli Affari Interni e dell'amministrazione Gabriel Oprea PSD 22 dicembre 2008 13 gennaio 2009[19]
Liviu Dragnea PSD 20 gennaio 2009[22] 1 febbraio 2009[23]
Dan Nica PSD 2 febbraio 2009[26] 1 ottobre 2009
Ministro dello sviluppo regionale e del turismo Vasile Blaga PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro dell'Istruzione, della ricerca e dell'innovazione Ecaterina Andronescu PSD 22 dicembre 2008 1 ottobre 2009
Ministro della gioventù e dello sport Monica Iacob-Ridzi PD-L 22 dicembre 2008 14 luglio 2009[38]
Luminița Plăcintă PD-L 14 luglio 2009[40] 23 dicembre 2009
Ministro del turismo Elena Udrea PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro delle comunicazioni e della società informatica Gabriel Sandu PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro per le piccole imprese e il commercio Constantin Niță PSD 22 dicembre 2008 1 ottobre 2009
Ministro per i rapporti con il parlamento Victor Ponta PSD 22 dicembre 2008 1 ottobre 2009

Composizione del governo ad interim (1 ottobre 2009 – 23 dicembre 2009)Modifica

Funzione Nome Partito dal al
Primo Ministro Emil Boc PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro dell'Istruzione, della ricerca e dell'innovazione (ad interim) 2 ottobre 2009 23 dicembre 2009
Ministro della Giustizia Cătălin Predoiu Indipendente 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro degli Affari Esteri (ad interim) 2 ottobre 2009 23 dicembre 2009
Ministro della Difesa nazionale Mihai Stănișoară PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro della Cultura Theodor Paleologu PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro dei Trasporti Radu Berceanu PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro dell'Agricoltura (ad interim) 2 ottobre 2009 23 dicembre 2009
Ministro dell'Economia Adriean Videanu PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro della Salute (ad interim) 2 ottobre 2009 23 dicembre 2009
Ministro delle finanze Gheorghe Pogea PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro del lavoro (ad interim) 2 ottobre 2009 23 dicembre 2009
Ministro del turismo Elena Udrea PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministero dell'ambiente (ad interim) 2 ottobre 2009 23 dicembre 2009
Ministro dello sviluppo regionale e del turismo Vasile Blaga PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro degli Affari Interni e dell'amministrazione (ad interim) 2 ottobre 2009 27 novembre 2009[55]
Ministro della gioventù e dello sport Luminița Plăcintă PD-L 14 luglio 2009 23 dicembre 2009
Ministro per i rapporti con il parlamento (ad interim) 2 ottobre 2009 23 dicembre 2009
Ministro delle comunicazioni e della società informatica Gabriel Sandu PD-L 22 dicembre 2008 23 dicembre 2009
Ministro per le piccole imprese e il commercio (ad interim) 2 ottobre 2009 23 dicembre 2009

NoteModifica

  1. ^ (RO) Alegeri Parlamentare - 30 noiembrie 2008 (PDF), Biroul Electoral Central, 2 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2017).
  2. ^ (EN) Dieter Nohlen e Philip Stöver, Elections in Europe: A data handbook, 2010, p. 1606-1613.
  3. ^ (RO) Theodor Stolojan, desemnat de Traian Basescu pentru functia de premier, HotNews, 10 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  4. ^ (RO) Stolojan neagă continuarea negocierilor cu PNL, Evenimentul Zilei, 12 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  5. ^ (RO) Boc: "PSD cu mandatul, PDL cu promisiunea făcută UDMR", Evenimentul Zilei, 12 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  6. ^ (RO) O nouă rundă de negocieri între PSD şi PDL, Evenimentul Zilei, 10 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  7. ^ (RO) Emil Boc si Mircea Geoana au semnat Parteneriatul pentru Romania, HotNews, 14 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  8. ^ (RO) PDL si PSD vor guverna fara UDMR, România Libera, 14 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  9. ^ a b (RO) Monica Iordache Apostol e Lavinia Dimancea, Retragere fără lacrimi / Stolo a făcut Boc, Jurnalul Național, 16 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  10. ^ (RO) Băsescu, "puţin trist": Calitatea de prim ministru desemnat va reveni lui Emil Boc, Antena 3, 15 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  11. ^ (RO) Traian Basescu a semnat decretul de nominalizare a lui Emil Boc in functia de premier, HotNews, 15 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  12. ^ (RO) S-A FĂCUT GUVERNUL ROŞU/PORTOCALIU, Evenimentul Zilei, 18 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  13. ^ (RO) Micul Boc va domni peste două Guverne de baroni, Gândul, 18 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  14. ^ (RO) Guvernul a fost investit, urmeaza depunerea juramantului la Cotroceni, 9am.ro, 22 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  15. ^ a b (RO) M. M. e V. M., Cabinetul Boc a depus juramantul de investitura. Guvernul e rezultatul unui compromis politic in interes public - Traian Basescu, HotNews, 22 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  16. ^ (RO) Calin Popescu Tariceanu: Guvernul este imoral din punct de vedere politic si din punct de vedere al programului de guvernare lasa mult de dorit, HotNews, 22 dicembre 2008. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  17. ^ a b (RO) Iulia Barbu, NUMIRE CONTROVERSATĂ LA INTERNE /"Vulpea" bagă dihonia în PSD, Jurnalul Național, 11 gennaio 2009. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  18. ^ (RO) Mircea Geoană: Gabriel Oprea a acţionat în afara disciplinei de partid în cazul numirilor făcute în minister, Antena 3, 10 gennaio 2009. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  19. ^ a b (RO) Ministrul de Interne, Gabriel Oprea, a demisionat din funcţie, Mediafax, 13 gennaio 2009. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  20. ^ (RO) Mara Raducanu e Lavinia Dimancea, BĂSESCU I-A ÎNTORS SPATELE / Oprea a demisionat, Jurnalul Național, 14 gennaio 2009. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  21. ^ (RO) Gabriel Oprea a demisionat din PSD, Mediafax, 14 gennaio 2009. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  22. ^ a b c (RO) Costel Oprea, Dragnea, sef la Interne, România Libera, 20 gennaio 2009. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  23. ^ a b c d (RO) Costel Oprea, Liviu Dragnea a esuat in trecerea administratiei in mana baronilor locali, România Libera, 4 febbraio 2009. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  24. ^ (RO) Liviu Dragnea avea probleme cu democratii inca din 2007, Ziua, 22 giugno 2009. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  25. ^ (RO) Liviu Dragnea demisionează de la conducerea Internelor. Motivul real: numirile şefilor de la Interne, Gândul, 2 febbraio 2009. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  26. ^ a b (RO) Dan Nica, al treilea ministru de interne al PSD, Gândul, 2 febbraio 2009. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  27. ^ a b (RO) Cristian Ghinea, De ce are viata scurta alianta PDL-PSD, România Libera, 17 dicembre 2008. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  28. ^ (RO) Divergentele dintre PSD si PD-L risca sa afecteze politica economica si anticoruptie, 9am.ro, 16 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  29. ^ (RO) Andreea Nicolae, PDL a cerut PSD sa respecte protocolul coalitiei, România Libera, 15 gennaio 2009. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  30. ^ (RO) Mihai Cimpoesu, Politic Show: Liberalii si-au facut comisie anti-Orban; Mitrea si Hrebenciuc, batalia granzilor din PSD; PSD si PDL se cearta pe secretarii de stat, iar Tokes si Vadim si-au dat intalnire in Parlamentul European, HotNews, 2 febbraio 2009. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  31. ^ (RO) PSD: Boc tergiverseaza numirea unor persoane propuse de social-democrati, România Libera, 2 febbraio 2009. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  32. ^ (RO) Costel Oprea, Geoana nu renunta la pomeni electorale pentru acordul cu FMI, România Libera, 12 marzo 2009. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  33. ^ a b (RO) Geoana isi ataca partenerii de guvernare: PDL este un partid fara ideologie, România Libera, 1º giugno 2009. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  34. ^ (RO) PSD arata cu degetul: Guvernul Boc nu a reusit sa tina pasul cu criza, România Libera, 20 luglio 2009. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  35. ^ (RO) Geoana: Masurile anticriza ale Guvernului nu au dat rezultate, este necesara schimbarea strategiei, România Libera, 10 agosto 2009. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  36. ^ a b c (RO) Autobuzul care a lovit mortal Coaliţia, Evenimentul Zilei, 31 dicembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  37. ^ (RO) Eliade Balan, Coalitia de la cap se impute, România Libera, 3 giugno 2009. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  38. ^ a b (RO) Monica Iacob Ridzi a demisionat din funcţie, Mediafax, 14 luglio 2009. URL consultato il 22 febbraio 2017.
  39. ^ (RO) Mirela Neag, Două firme de apartament au primit 600.000 de euro de la Monica Iacob-Ridzi fără licitaţie, Gazeta Sporturilor, 16 giugno 2009. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  40. ^ a b (RO) Senatorul PDL Luminiţa Sorina Plăcintă, succesor al lui Ridzi la MTS, Mediafax, 14 luglio 2009. URL consultato il 22 febbraio 2017.
  41. ^ (RO) Alina Novăceanu, Elena Udrea s-a prezentat la Comisia parlamentară de anchetă, Mediafax, 1º settembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  42. ^ (RO) Comisia de anchetă Udrea, pusă să judece propria ilegalitate reclamată de ministrul Turismului, Antena 3, 9 settembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  43. ^ (RO) Costel Oprea, Geoana, prins la mijloc intre PDL si presedinte, România Libera, 30 settembre 2009. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  44. ^ a b c (RO) Alina Neagu, Coalitia s-a rupt, ministrii PSD au demisionat din Guvern, HotNews, 1º ottobre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  45. ^ (RO) Boc a anunţat componenţa noului Guvern, Evenimentul Zilei, 1º ottobre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  46. ^ (RO) Luminita Parvu, Motiunea de cenzura PNL-UDMR e cotata cu sanse mici. Parlamentar PSD: N-am timp de prostiile astea, HotNews, 6 ottobre 2009. URL consultato il 26febbraio 2017.
  47. ^ (RO) Luminita Parvu, Guvernul Boc a cazut din functie. 254 de parlamentari au votat pentru motiune, PDL acuza UDMR de tradare, HotNews, 13 ottobre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  48. ^ (RO) V. M., PSD, PNL si UDMR vor propune un Guvern tehnocrat condus de Klaus Johannis, HotNews, 13 ottobre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  49. ^ (RO) V. M., Premierul desemnat Lucian Croitoru va avea luni consultari cu PDL, PNL si grupul minoritatilor, iar marti cu UDMR, HotNews, 17 ottobre 2009. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  50. ^ (RO) Sorana Mihailescu, Lucian Croitoru discuta, marti, cu liderii opozitiei, HotNews, 20 ottobre 2009. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  51. ^ (RO) Croitoru, respins. Boc rămâne premier, Evenimentul Zilei, 4 novembre 2009. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  52. ^ (RO) Alina Neagu, Liviu Negoita este noul premier desemnat, HotNews, 6 novembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  53. ^ (RO) Liviu Negoita si-a prezentat Cabinetul: 14 ministri, programul lui Lucian Croitoru, Gabriel Oprea la Interne, HotNews, 9 novembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  54. ^ (RO) Boc: Procedura nu poate fi retrasa in cazul Guvernului Negoita, nu e constitutional, România Libera, 26 novembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  55. ^ a b (RO) Curtea de Apel a suspendat decretul prin care Blaga a fost numit ministru de Interne, Adevărul, 27 novembre 2009. URL consultato il 28 gennaio 2017.
  56. ^ (RO) Alina Bardas, PSD a decis in unanimitate sa conteste alegerile, Ziare.com, 7 dicembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  57. ^ (RO) BEC a finalizat renumararea voturilor nule: Traian Basescu a recuperat 1.260 de voturi, Mircea Geoana - 987, HotNews, 14 dicembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  58. ^ (RO) Alegerile nu se repetă: Cererea PSD de anulare a turului II, respinsă de CCR. Băsescu obţine un nou mandat, Antena 3, 14 dicembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  59. ^ (RO) Alina Neagu, Liviu Negoita si-a depus mandatul: Noul premier va fi desemnat de Traian Basescu, ma astept sa fie un coleg de-al meu, HotNews, 14 dicembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  60. ^ (RO) Băsescu: Premierul desemnat este Emil Boc. Trebuie să existe un guvern până pe 23 decembrie, Antena 3, 17 dicembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  61. ^ (RO) Emil Boc, desemnat premier, România Libera, 17 dicembre 2008. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  62. ^ (RO) Strategii la PDL şi PSD: Guvern minoritar şi racolări de parlamentari versus amânarea validării alegerilor, Antena 3, 11 dicembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  63. ^ (RO) Alina Neagu e D. Galantonu, Cine sunt ministrii propusi de Emil Boc, HotNews, 20 dicembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2017.

Voci correlateModifica

  Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica