Governo Rinne

settantacinquesimo governo finlandese
Governo Rinne
Antti Rinne.jpg
StatoFinlandia Finlandia
Capo del governoAntti Rinne
(Partito Socialdemocratico)
Coalizione
Giuramento06 Giugno 2019
Dimissioni03 Dicembre 2019
Governo successivoMarin
10 Dicembre 2019
Left arrow.svg Sipilä Marin Right arrow.svg

Il Governo Rinne è il settantacinquesimo governo della Finlandia, formatosi dopo le elezioni del 2019. Ha presentato le dimissioni il 3 dicembre 2019, quando il Partito di Centro ha ritirato il proprio appoggio al governo,[1] ed è rimasto in carica in attesa della formazione di un nuovo esecutivo guidato da Sanna Marin, nel frattempo eletta segretario del Partito Socialdemocratico. Il nuovo governo si è insediato il successivo 10 dicembre.

Ministeri[2]Modifica

Carica Titolare Partito
Primo ministro Antti Rinne Partito Socialdemocratico
Finanze e Vice Primo ministro Mika Lintilä Partito di Centro
Affari esteri Pekka Haavisto Lega Verde
Interno Maria Ohisalo Lega Verde
Cooperazione allo sviluppo e commercio estero Ville Skinnari Partito Socialdemocratico
Giustizia Anna-Maja Henriksson Partito Popolare Svedese di Finlandia
Lavoro Timo Harakka Partito Socialdemocratico
Difesa Antti Kaikkonen Partito di Centro
Governo locale e gestione della proprietà Sirpa Paatero Partito Socialdemocratico
Trasporti e comunicazioni Sanna Marin Partito Socialdemocratico
Istruzione Li Andersson Alleanza di Sinistra
Scienza e cultura Annika Saarikko (fino al 9 agosto 2019); Hanna Kosonen (dal 9 agosto 2019) Partito di Centro
Affari europei Tytti Tuppurainen Partito Socialdemocratico
Ambiente e cambiamento climatico Krista Mikkonen Lega Verde
Agricoltura e foreste Jari Leppä Partito di Centro
Affari economici Katri Kulmuni Partito di Centro
Affari sociali e salute Aino-Kaisa Pekonen Alleanza di Sinistra
Famiglia e servizi sociali Krista Kiuru Partito Socialdemocratico
Cooperazione nordica e uguaglianza Thomas Blomqvist Partito Popolare Svedese di Finlandia

NoteModifica

  1. ^ (EN) Finland prime minister Antti Rinne resigns after coalition collapses, in The Irish Times. URL consultato il 9 dicembre 2019.
  2. ^ (EN) Ministers, su valtioneuvosto.fi. URL consultato il 6 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2019).