Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Guarani.
Guarany
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1950
Durata92 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico, biografico, storico
RegiaRiccardo Freda
SoggettoJosé de Alencar
ProduttoreSalvo D'Angelo
Casa di produzioneUniversalia
Distribuzione in italianoUniversalia
FotografiaRodolfo Lombardi, Ugo Lombardi
MusicheCarlos Gomes adattamento Vincenzo Tommasini
ScenografiaEttore Lancetti Sergio Baldacchini
CostumiMaria De Matteis
Interpreti e personaggi

Guarany è un film del 1950 del regista Riccardo Freda, tratto dal romanzo O Guarani di José de Alencar e prodotto dalla Universalia Film.

TramaModifica

Tra il 1840 e il 1870 la vita di Carlo Gomes, figlio di un musicista in un remoto villaggio del Brasile. Fin da ragazzo ama la musica, ma è ostacolato dal padre, la madre che invece lo incoraggia muore in giovane età. Divenuto maggiorenne, Carlo abbandona il villaggio, anche se legato di affetto con Lindita. A Rio de Janeiro, per un caso, viene a contatto con l'imperatore Pedro II, che l'apprezza e gli assegna una borsa di studio. A Lisbona conosce Jacqueline, una cantante, che gli è d'aiuto e l'accompagna in Italia: per lei Gomez scrive delle operette, che hanno molto successo. L'operetta però non lo soddisfa, e da Lindita viene spinto verso musica più seria. Compone allora l'opera "Il Guarany". Vario genere di ostacoli e soprattutto l'ostilità di Jacqueline s'oppongono alla rappresentazione dell'opera. Mentre Gomez è preso dallo sconforto, Lindita, a sua insaputa, riesce a far leggere lo spartito a Verdi, che ne rende possibile la rappresentazione alla Scala. Il pubblico accoglie l'opera con gran favore: Gomez, realizzando quanto debba a Lindita, corre da lei, per averla vicina nel momento del successo.

ProduzioneModifica

  • Esterni girati in Brasile, interni Studi Titanus.
  • Guarany, settimo film di Riccardo Freda, che ne curò anche sceneggiatura e montaggio, passò quasi inosservato, accolto sfavorevolmente dalla critica e quasi ignorato dal pubblico.

AccoglienzaModifica

CriticaModifica

"[...] Film con una lentezza addirittura snervante [...] inoltre Gomez è, almeno da noi, molto meno popolare di Verdi, Chopin ecc. [...] Vilar non ha sentito la parte [...] Gianna Maria Canale una bella statua [...] a posto Mariella Lotti". (R. Morazzani Pietri, "Hollywood", n. 284 del 1951).

CuriositàModifica

  • Antônio Carlos Gomes (1836-96), compositore brasiliano che dal 1864 al 1880 soggiornò e lavorò in Italia e nel 1870 alla Scala di Milano venne rappresentata Il Guarany, opera-ballo apprezzata anche da Giuseppe Verdi, seguita da Fosca (1873). In Italia compose anche operette e canzoni che divennero popolari.
  • Il Guaranydi Antônio Carlos Gomes (1836-1896) libretto di Antonio Scalvini e Carlo d'Ormeville, tratto dal romanzo O Guarani di José de Alencar è un'opera-ballo in quattro atti la cui prima rappresentazione italiana fu a Milano, Teatro alla Scala il 19 marzo 1970.
  • La prima rappresentazione in Brasile fu a Rio de Janeiro, il 2 dicembre 1870, per il 55º compleanno dell'Imperatore Pedro II.
  • Questo film rappresenta la prima esperienza cinematografica di Rossella Falk, appena uscita dall'Accademia d'Arte Drammatica di Roma. Lo stesso si può dire per Fulvia Mammi, per Paolo Panelli e per Tino Buazzelli.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema