Guardia Civil

Guardia Civil
Emblem of the Spanish Civil Guard.svg
Emblema della Guardia Civil
Descrizione generale
Attiva13 maggio 1844 – ad oggi
NazioneSpagna Spagna
Precedentemente:
Spagna Regno di Spagna
Spagna Repubblica Spagnola
Spagna Stato Spagnolo
Tipogendarmeria e polizia militare
SoprannomeLa Benemérita
PatronoVirgen del Pilar
MottoEl Honor es mi principal divisa
Coloriverde
Sito internethttp://www.guardiacivil.es/
Comandanti
Direttore Generale della Guardia CivilMaría Gámez Gámez
Voci su gendarmerie presenti su Wikipedia

La Guardia Civil (IPA: [ˈɡwarðja θiˈβil]), soprannominata la Benemérita[1], è un corpo di Gendarmeria spagnolo, con anche funzioni di polizia militare.

Fa parte del sistema di forze e corpi di sicurezza del regno di Spagna e della forza di gendarmeria europea.

StoriaModifica

La Guardia Civil venne fondata nel 1844 durante il regno di Isabella II di Spagna dall'aristocratico navarro Francisco Javier Girón.

La prima accademia della "Guardia civile" fu stabilita presso la città di Valdemoro, a sud di Madrid, nel 1855.

 
Colonna della Guardia civil nel 1934

Operarono anche contro il brigantaggio e nelle colonie: a Cuba, a Portorico e nelle Filippine.

Nel 1936, con lo scoppio della guerra civile spagnola metà degli effettivi si schierò con i repubblicani e metà con i nazionalisti. Nel 1940 nella Guardia Civil furono incorporati anche i Carabineros. Nel 1968 ci fu il primo militare della Guardia civil assassinato dall'ETA. Nel 1981 fu tra le forze golpiste del fallito colpo di stato.

Fino al 1986 era comandata da un generale dell'Ejército de Tierra, da quella data da un civile. Dal 2007 fa parte della forza di gendarmeria europea. Nel 2017 contava 77.928 effettivi.

OrganizzazioneModifica

Ha una doppia dipendenza: dal Ministero dell'Interno, per quanto riguarda servizi, retribuzioni, destinazioni, mezzi e operazioni civili; dal Ministero della Difesa per quanto riguarda la disciplina, la carriera e missioni di carattere militare e all'estero, in particolare in tempo di guerra.

VerticiModifica

La Direzione Generale della Guardia Civil dal 1986 è guidata da un civile (un funzionario pubblico o un politico); il primo fu Luis Roldan. Dal gennaio 2020 al vertice vi è María Gámez.

È strutturata in direzioni:

  • Dirección Adjunta Operativa
  • Subdirección General de Personal
  • Subdirección General de Apoyo
  • Secretaría de Cooperación Internacional

RepartiModifica

 
Reparto della Guardia civil in parata
  • Seguridad Ciudadana, 
  • Servicio Aéreo,
  • Unidad de Acción Rural, 
  • Equipos de Mujer y Menores, 
  • Servicio de Protección de la Naturaleza, 
  • Grupos de Rescate e Intervención en Montaña, 
  • Servicio Cinológico, 
  • GEAS (sommozzatori), 
  • Servicio Marítimo, 
  • Agrupación de Tráfico 
  • Unidad de Subsuelo

Reparti specialiModifica

  •   Unidad Central Operativa
  •   Grupo Especial de Actividades Subacuáticas
  •  Unidades de Protección y Seguridad
  •   Grupo de Acción Rápida (Forze speciali)
  •   Unidad Especial de Intervención (Teste di cuoio)

Mezzi AereiModifica

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2020)[2]
Note Immagine
Elicotteri
MBB Bo 105   Germania elicottero utility HU.15 (Bo 105CBS) 16[2]
Eurocopter BK-117   Unione europea elicottero utility BK-117 8[2]
Eurocopter EC 135   Unione europea elicottero utility HU.26 13[2]
Aérospatiale AS 365 Dauphin   Francia elicottero utility HU.30 (AS 365N3) 4[2][3] 4 AS 365N3 ex Ministerio de Agricultura in servizio al maggio 2020.[2][3]

GradiModifica

  • Tenente generale
  • Generale di divisione
  • Generale di brigata
  • Colonnello
  • Tenente colonnello
  • Comandante
  • Capitano
  • Tenente
  • Alfiere

OnorificenzeModifica

Onorificenze spagnoleModifica

  Insegna dell'Ordine della Repubblica Spagnola
«Per premiare come premio collettivo gli innumerevoli atti di eroismo compiuti dal suo personale e i relativi servizi civili e umanitari che ha compiuto in Spagna e nella Repubblica nell'esercizio delle loro funzioni.»
— 11 febbraio 1935[4]
  Insegna dell'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio
«In attenzione ai meriti e alle circostanze che concorrono nella Guardia Civile.»
— 21 gennaio 2000[5]

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN293026567 · BNE (ESXX131253 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-293026567