I pianeti contro di noi

film del 1962 diretto da Romano Ferrara
I pianeti contro di noi
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1962
Durata83 minuti
Dati tecnicib/n
Generefantascienza
RegiaRomano Ferrara
SoggettoRomano Ferrara da un racconto di Massimo Rendina
SceneggiaturaRomano Ferrara, Piero Pierotti
Casa di produzioneWanguard Film, P.C. Produzione Cinematografica, C.F.F.P.
Distribuzione in italianoCino Del Duca
FotografiaPier Ludovico Pavoni, Angelo Lotti
MontaggioLuciano Cavalieri
Effetti specialiZucchi & Salvadori
MusicheArmando Trovajoli
ScenografiaAntonio Visone
CostumiNadia Vitali
TruccoFranco Palombi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

I pianeti contro di noi è un film del 1962 diretto da Romano Ferrara. È un film di fantascienza, basato su un racconto di Massimo Rendina e frutto di una coproduzione italo-francese[1].

TramaModifica

Branko, un robot, dalle fattezze umane proveniente da un lontano pianeta, atterra alla periferia di Roma. Egli fa parte di una razza di individui, un tempo uomini, resi deformi dalle radiazioni atomiche. I loro super cervelli sono stati inseriti in corpi artificiali e inviati sulla terra, un pianeta ancora ospitale, alla ricerca della salvezza Branko contatterà uno scienziato dedito a ricerche sui gas e l'energia nucleare, ammonendolo ad essere prudente e spiegando che la terra è giunta ad un punto di non ritorno. Alla fine, dopo una serrata caccia all'uomo e un inseguimento in auto, Branko verrà nuovamente assorbito dall'astronave, che si allontana nello spazio. Al suo posto, la polizia troverà solo un mucchio di stracci e di metallo fuso e lo riterrà morto. Ma uno di loro esorta a vigilare, spiegando che altri alieni come Branko, altrettanto mostruosi e desiderosi di impadronirsi della terra, sono in agguato.

AccoglienzaModifica

CriticaModifica

Fantafilm definisce la pellicola un'"insolita escursione italiana nel genere di fantascienza", che pur essendo penalizzata dalla tipica scarsità di mezzi, offre una certa originalità del soggetto e discrete interpretazioni.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), I pianeti contro di noi, in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica