Apri il menu principale

BiografiaModifica

Debutta come attore negli anni quaranta, ma è solo dal 1961, con la commedia Psycosissimo di Steno, che inizia a lavorare con frequenza; pellicola alla quale seguono, nello stesso anno, Il federale di Luciano Salce, Vanina Vanini di Roberto Rossellini e Maciste alla corte del Gran Khan di Riccardo Freda.

In seguito, comincia ad ottenere ruoli più importanti le commedie dirette da Mariano Laurenti, come Satiricosissimo (1970) e Ma che musica maestro! (1971) e si fa apprezzare come eccellente caratterista in Macchie solari di Armando Crispino (1975).

Tra i personaggi che ha interpretato come doppiatore, si ricorda la seconda voce di Fred Flintstone nella serie animata Gli Antenati e quella del Sergente Morgan O'Rourke nel telefilm I forti di Forte Coraggio (1965).

Per la televisione è stato fra gli interpreti degli sceneggiati televisivi La fiera della vanità del 1967, La freccia nera del 1968 e E le stelle stanno a guardare del 1971 diretti da Anton Giulio Majano, L'affare Dreyfus del 1968, diretto da Leandro Castellani, e I Buddenbrook del 1971, per la regia di Edmo Fenoglio.

FilmografiaModifica

DoppiaggioModifica

Prosa televisivaModifica

Collegamenti esterniModifica