Apri il menu principale
Ion Caramitru
Ion Caramitru 2016 stamp of Romania.jpg
Francobollo emesso nel 2016 dalla Poșta Română in onore di Ion Caramitru

Ministro della cultura
Durata mandato 12 dicembre 1996 –
28 dicembre 2000
Capo del governo Victor Ciorbea
Radu Vasile
Mugur Isărescu
Predecessore Grigore Zanc
Successore Răzvan Theodorescu

Vicepresidente del Consiglio Provvisorio di Unità Nazionale
Durata mandato 13 febbraio 1990 –
20 maggio 1990

Membro del Consiglio del Fronte di Salvezza Nazionale
Durata mandato 22 dicembre 1989 –
23 gennaio 1990

Dati generali
Partito politico PNȚCD
Titolo di studio Laurea in arte teatrale
Università Università nazionale d'arte teatrale e cinematografica Ion Luca Caragiale
Professione Attore

Ion Horia Leonida Caramitru (Bucarest, 9 marzo 1942) è un attore, regista teatrale e politico rumeno.

Fiero sostenitore della rivoluzione romena del 1989, fu ministro della cultura dal 1996 al 2000. Presidente dell'Unione teatrale romena dal 1990, nel 2005 divenne direttore del Teatro nazionale di Bucarest.

Indice

Formazione e carriera artisticaModifica

 
Ion Caramitru sulla copertina della rivista Cinema Magazine del marzo 1974

Nacque a Bucarest da una famiglia di arumeni[1]. Il padre commerciava in tessuti e durante la dittatura fu più volte sottoposto ad arresto con l'accusa di nascondere beni di valore al regime comunista[2]. Dopo aver frequentato il Liceo Mihai Eminescu[2] nel 1964 Ion Caramitru si laureò presso l'Università nazionale d'arte teatrale e cinematografica Ion Luca Caragiale della capitale e debuttò sulle scene lo stesso anno al Teatro Nazionale di Bucarest nell'Eminescu di Mircea Ștefănescu[1][3]. Nel 1965 ebbe un ruolo minore in Amleto in scena al Teatro Bulandra. Negli anni continuò l'attività nella compagnia del Bulandra mentre lavorò anche per altre produzioni per il Teatro nazionale di Bucarest[4].

Caramitru fu protagonista in una serie di spettacoli teatrali sotto la direzione di registi come Liviu Ciulei, Moni Ghelerter, Andrei Șerban, Liviu Purcărete, Sandra Manu, Cătălina Buzoianu, Alexandru Tocilescu e Sică Alexandrescu, recitando in opere come La stella senza nome di Mihail Sebastian, La morte di Danton di Georg Büchner, l'Orestea di Eschilo, Un tram che si chiama desiderio di Tennessee Williams, Il bugiardo di Carlo Goldoni e in molti drammi e tragedie di Shakespeare[4].

Come regista di teatro, opera e operetta mise in scena i lavori di Frederick Loewe My Fair Lady, Marin Sorescu Il terzo palo, Benjamin Britten Il piccolo spazzacamino, Aleksei Arbuzov La bugia e Shakespeare Il mercante di Venezia. I suoi adattamenti di La tragédie de Carmen di Peter Brook e Eugenio Oneghin di Pëtr Il'ič Čajkovskij furono ospitati dalla Grand Opera House di Belfast[4]. Tra il 2001 e il 2004 fu regista di diverse tragedie shakesperiane presentate in Giappone[4].

Caramitru apparve in oltre 30 film, facendo il suo debutto in La foresta degli impiccati di Liviu Ciulei (1965). Tra i suoi ruoli più conosciuti vi furono quelli di Vive in Diminețile unui băiat cuminte (1967), Gheorghidiu in Între oglinzi paralele (1978), Ștefan Luchian in Luchian (1981), che gli valse il premio speciale della giuria al festival nazionale del cinema del 1984, e Socrate nell'acclamato Liceenii di Nicolae Corjos (1986). Successivamente al suo ingresso in politica ebbe ruoli minori principalmente in film stranieri. Rivestì la parte di un anarchico in Delitti e segreti (1991), di Tatevsky in Cittadino X (1995), di Zozimov in Mission: Impossible (1996), del conte Fontana in Amen. (2002) e di un immigrato dell'est Europa in Irlanda in Adam & Paul (2004)[4].

Carriera politicaModifica

Rivoluzione del 1989Modifica

Pur essendo uno dei più celebri attori romeni della sua epoca[3], nel 1989 sostenne apertamente la rivolta e partecipò attivamente alla rivoluzione romena contro il dittatore Nicolae Ceaușescu e fu lui, insieme all'amico e poeta Mircea Dinescu, ad annunciare alla popolazione la caduta del regime dalla sede della TV di stato occupata dalla folla il 22 dicembre[5]. Nella stessa giornata fu indicato come membro del nuovo organo provvisorio di potere, il Consiglio del Fronte di Salvezza Nazionale (CFSN) presieduto dal dissidente comunista Ion Iliescu. Il 27 dicembre Caramitru fu nominato membro dell'ufficio esecutivo del CFSN ed incaricato della gestione della commissione cultura[6].

Nel gennaio 1990 il CFSN decise di trasformarsi in partito politico (il Fronte di Salvezza Nazionale, FSN) per concorrere alle prime libere elezioni in programma nel maggio dello stesso anno. La scelta fece gridare allo scandalo diversi membri della dirigenza, che accusarono i promotori della mozione di voler monopolizzare la politica nazionale e ricostituire il defunto Partito Comunista Rumeno. Il 23 gennaio, quindi, lasciarono il consiglio Ion Caramitru, Doina Cornea, Ana Blandiana, Octavian Paler, Mircea Dinescu e Dumitru Mazilu[6]. Il 10 febbraio 1990 venne emanato il decreto legge per la ridefinizione del CFSN in Consiglio provvisorio di unione nazionale (CPUN), piattaforma che ricalcava l'organizzazione del CFSN, ma che includeva anche i rappresentanti degli altri partiti. L'obiettivo principale era traghettare il paese fino a nuove elezioni, varando altresì la relativa legge elettorale[7]. Iliescu mantenne la presidenza, mentre la vicepresidenza venne assegnata ai rappresentanti delle altre forze politiche. Caramitru, già membro della piattaforma liberale Alleanza Civica, si iscrisse al Partito Nazionale Contadino Cristiano Democratico (PNȚCD) di Corneliu Coposu ed ottenne la vicepresidenza del CPUN al fianco di Cazimir Ionescu (FSN), Károly Király (UDMR), Radu Câmpeanu (PNL) e Ion Mânzatu (PR)[6]. Il CPUN si sciolse dopo le elezioni, che furono vinte con una maggioranza bulgara dal FSN. Caramitru cercò la candidatura nella sezione di Bucarest, ma non riuscì ad ottenere l'elezione[8].

Ministro della culturaModifica

Il 19 febbraio 1990, alla costituzione dell'Unione teatrale romena (Uniunea Teatrală Română, UNITER), fu indicato presidente dell'istituzione e riconfermato in tutti i successivi mandati fino agli anni 2010[1][9][10]. Tra il 1990 e il 1993 fu anche direttore del Teatro Bulandra di Bucarest[1].

Alle elezioni del 1996 il partito di Iliescu fu sconfitto da una coalizione di centro-destra (Convenzione Democratica Romena) in cui il PNȚCD rappresentava il gruppo principale. Caramitru fu indicato come ministro della cultura in tutti e tre i governi che si susseguirono fino al 2000. Contestualmente riprese anche l'attività di docente presso l'Università nazionale d'arte teatrale di Bucarest (1997-2001), dove aveva già insegnato dal 1976 al 1981[4]. La scarsa incisività dell'azione di governo, tuttavia, portò alla disfatta del PNȚCD alle elezioni del 2000 e alla sua marginalizzazione nella vita politica romena.

Anni duemilaModifica

 
Ion Caramitru durante il gala di premiazione dell'UNITER del 2013.

Profondamente convinto dei valori liberali e cristiano-democratici della rivoluzione del 1989, insieme a Radu Filipescu e altri militanti, nel 2003 fondò l'Associazione dei rivoluzionari senza privilegi (Asociația Revoluționarilor fără Privilegii), che proponeva il sostegno a quegli ideali e credeva che i "certificati di rivoluzionario" rilasciati dal governo, che garantivano una serie di privilegi, erano diventati un nuovo strumento di corruzione politica piuttosto che un riconoscimento a chi aveva combattuto per la libertà[11][12].

Fu, inoltre, presidente e fondatore della Società di cultura macedone-romena (Societatea de Cultură Macedo-Română), che si batteva per la difesa dei diritti della comunità arumena nel paese, ma era distante dalla visione più estremista che vedeva gli arumeni come una nazionalità distinta dall'identità etnica rumena[13]. A tal riguardo Caramitru prese posizione contro la Comunità arumena di Romania (Comunitatea Aromână din România), che sosteneva che gli arumeni non erano rumeni[14].

Nel maggio 2005 Caramitru fu nominato a capo del Teatro Nazionale di Bucarest, vincendo la concorrenza di Romeo Pop, Eugen Cristea, Alexa Visarion, Mariana Ciorcilă e Oana Sandu, succedendo a Dinu Săraru[15][16]. In tale veste nel 2014 inaugurò il nuovo edificio del teatro, ristrutturato a partire dal 2010, che sostituì la vecchia costruzione di epoca comunista[17].

A livello politico, nel febbraio 2005 il PNȚCD cambiò il proprio nome in Partito Popolare Cristiano Democratico (PPCD) dopo la fusione con l'Unione per la Ricostruzione della Romania (URR)[18]. Tale scelta fu duramente criticata da Caramitru, che riteneva in pericolo la tradizione politica anticomunista del PNȚCD, specialmente dopo l'annuncio della possibilità di ammettere nel partito l'ex direttore del Serviciul de Informații Externe e membro del PSD Ioan Talpeș, tanto da chiedere, nel febbraio 2006, al leader della formazione Gheorghe Ciuhandu la revoca delle sue funzioni di vicepresidente[19][20]. Nonostante ciò, nel settembre 2006 il partito tornò alla vecchia denominazione di PNȚCD e Caramitru fu riconfermato vicepresidente anche nei successivi congressi del 2008 e del 2009[18].

Nel 2006, nel corso di una visita a Chișinău in qualità di presidente dell'UNITER, rilasciò un'intevista in cui auspicava la fine del periodo di governo del Partito dei Comunisti della Repubblica di Moldavia e la riunificazione della Moldavia con la Romania. Tali osservazioni portarono ad un conflitto diplomatico che spinse le autorità moldave a dichiarare Caramitru "persona non gradita" nel paese[21][22].

Vita privataModifica

Nel 1976 sposò l'attrice Micaela Caracaș con cui ebbe tre figli: Andrei, Matei e Ștefan[23].

PremiModifica

 
Stella dedicata a Ion Caramitru nella Walk of Fame di Piața Timpului a Bucarest.

Già premiato per le sue performance teatrali, a livello cinematografico ricevette il primo riconoscimento per l'interpretazione da parte della rivista Cinema nel 1976. Nel 1980 gli fu assegnato il premio dell'associazione romena dei cineasti, mentre nel 1984 ottenne il premio speciale della giuria al festival nazionale del cinema di Costinești per il ruolo di protagonista in Luchian[4].

Dopo la rivoluzione, nel 1995 fu decorato dalla regina Elisabetta II dell'Ordine dell'Impero Britannico con il grado di ufficiale per la sua attività culturale romeno-britannica e nel 1997 con quello di cavaliere dell'Ordre des arts et des lettres da parte del Ministero della cultura francese[2]. Nel 2000 ricevette dal presidente della repubblica romena Emil Constantinescu il titolo di cavaliere di gran croce dell'Ordine nazionale al merito[24] e nel 2012 gli fu riconosciuto dalla casa reale romena il titolo di Nihil Sine Deo.

Tra gli altri riconoscimenti fu cittadino onorario di Ploiești[25] e Bucarest[26] e dottore honoris causa presso l'Università d'arte George Enescu di Iași (2008). Nel 2012 gli fu assegnata una stella nella Walk of fame di Bucarest in segno di apprezzamento per la sua attività nello sviluppo della vita culturale e artistica romena[27]. Nel 2016 nel corso del festival internazionale di teatro di Prespa gli fu assegnato il premio alla carriera[28].

Nel 2017 fu insignito dell'Ordine della Stella di Romania dal presidente Klaus Iohannis[29] e dell'Ordine del Sol Levante dall'ambasciatore giapponese a Bucarest come ringraziamento per la promozione della cultura nipponica[30].

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d (RO) Ion Caramitru, reales președinte al UNITER, Mediafax, 20 settembre 2010. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  2. ^ a b c d e (RO) Horia Tabacu, Interviu EXCLUSIV EVZ. Tinerețea lui Ion Caramitru: Am luat prima oară contact cu SECURITATEA la șapte ani și, ultima oară, acum șapte sau opt ani, Evenimentul zilei, 27 settembre 2014. URL consultato il 19 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2019).
  3. ^ a b (RO) Ion Caramitru cu Hamlet in comunism, Evenimentul zilei, 14 gennaio 2007. URL consultato il 20 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2019).
  4. ^ a b c d e f g (RO) Teatrografia e Filmografia di Ion Caramitru, Teatro Nazionale di Bucarest. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  5. ^ (RO) „Fraţilor, am învins!”, Televiziunea Română - TVR, 22 dicembre 1989. URL consultato il 20 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2016).
  6. ^ a b c (RO) ANUL 1990 PARTIDE, IDEOLOGII şi MOBILIZARE POLITICĂ (PDF), Bucarest, Editura IRRD, 2014. URL consultato il 20 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 13 giugno 2016).
  7. ^ (RO) Oana Stancu Zamfir e Aniela Nine, CPUN şi-ar fi serbat majoratul, Jurnalul Național, 11 febbraio 2008. URL consultato il 20 agosto 2016.
  8. ^ (EN) Tom Gallagher, Modern Romania. The End of Communism, the Failure of Democratic Reform, and the Theft of a Nation, New York, NYU Press, 2005, p. 95, ISBN 978-0-8147-3201-4.
  9. ^ (RO) Alice Trifu, Provocare de la Nicolae Robu pentru renumitul actor Ion Caramitru! Vezi aici ce i-a solicitat, Sursa de Vest, 6 maggio 2017. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  10. ^ (RO) Diana Pârvulescu, Ion Caramitru, reales preşedinte al UNITER, Mediafax, 1º ottobre 2014. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  11. ^ (RO) Caramitru si-a inscris la tribunal -Revolutionarii Fara Privilegii-, Curentul, 14 aprile 2003. URL consultato il 19 gennaio 2018.
  12. ^ (RO) Mirela Corlățan, INTERVIU CU ION CARAMITRU: "Puteai să refuzi colaborarea cu Securitatea fără să păţeşti nimic grav", Evenimentul zilei, 18 aprile 2011. URL consultato il 19 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2019).
  13. ^ (RO) Caramitru apara identitatea romaneasca a aromanilor, România liberă, 23 maggio 2007. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  14. ^ (RO) Simona Anghel, ION CARAMITRU, la Constanţa: "O idee stupidă că aromânii nu sunt români!", Cuget liber, 3 giugno 2013. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  15. ^ (RO) Directorii Teatrului Național din București, Teatro Nazionale di Bucarest. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  16. ^ (RO) Simona Chitan, Caramitru, director la Teatrul National, 9am, 24 maggio 2005. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  17. ^ (RO) Ovidiu Bărbulescu, Teatrul Naţional Bucureşti a fost inaugurat: Primul spectacol în Sala Mare va fi realizat de Dan Puric, Mediafax, 10 novembre 2014. URL consultato il 20 gennaio 2019.
  18. ^ a b (RO) PNŢCD – o cronologie post-decembristă, su taranista.wordpress.com. URL consultato il 5 novembre 2017.
  19. ^ (RO) Taranistul Ioan Talpes, Revista 22, 1º marzo 2006. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  20. ^ (RO) Caramitru se cere afara din PPCD, Evenimentul zilei, 24 febbraio 2006. URL consultato il 19 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2019).
  21. ^ (RO) Autorităţile Moldovei acuză din nou România, BBC, 5 dicembre 2006. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  22. ^ (RO) Caramitru: „Băsescu ar trebui să-i răspundă lui Voronin”, Evenimentul zilei, 13 aprile 2009. URL consultato il 19 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2019).
  23. ^ (RO) Marina Dohi, Ion Caramitru a împlinit 76 de ani. Uite cum arată soția lui!, Click, 9 marzo 2018. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  24. ^ a b (RO) Ruxandra Bratu, PREMII, MEDALII, DISTINCȚII: Ordinul Național Pentru Merit, Agerpres, 15 giugno 2016. URL consultato il 20 gennaio 2019.
  25. ^ (RO) Municipiul Ploiești: Cetățeni de onoare, su ploiesti.ro. URL consultato il 3 dicembre 2018.
  26. ^ (RO) Simona Halep și Ion Caramitru vor fi cetățeni de onoare ai Capitalei, Mediafax, 9 marzo 2017. URL consultato il 20 gennaio 2019.
  27. ^ (RO) Caramitru, pe Walk of Fame: „Suntem în primele rânduri ale teatrului mondial“, Adevărul, 29 marzo 2012. URL consultato il 20 gennaio 2019.
  28. ^ (RO) D. S., Ion Caramitru, premiat la Festivalul "Actor al Europei" pentru intreaga activitate, HotNews, 27 maggio 2016. URL consultato il 20 gennaio 2019.
  29. ^ a b (RO) Florin Ghioca, Ion Caramitru, la 75 de ani, decorat de preşedintele Iohannis cu Ordinul Naţional „Steaua României” în grad de Cavaler, Adevărul, 9 marzo 2017. URL consultato il 20 gennaio 2019.
  30. ^ a b (RO) Ion Caramitru a fost premiat de Imparatul Japoniei, 9 dicembre 2017. URL consultato il 20 gennaio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN73600826 · ISNI (EN0000 0003 7193 3740 · LCCN (ENno2006015071