Apri il menu principale

Jenő Kalmár

allenatore di calcio e calciatore ungherese
(Reindirizzamento da Jenő Kálmár)
Jenő Kalmár
Nazionalità Ungheria Ungheria
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex Attaccante)
Carriera
Giovanili
19??-1922 FIAK
1922-192? Ferencváros
192?-1928 Ékszerészek
Squadre di club1
1928-1933 MTK Budapest 81 (56)
1933-1936 Excelsior Roubaix ? (?)
1936-1937 Roubaix ? (?)
1937-1938 Stade Reims ? (?)
1938-1940 MTK Budapest ? (?)
1940-1944 KISTEXT? (?)
Nazionale
1928-1932 Ungheria Ungheria 15 (4)
Carriera da allenatore
1940-1944 KISTEXT
1944 Gamma Budapest
1947-1949 Csepel
1949-1950 Vasas
1950-1951 Dorogi
1952-1956 Honvéd
1956-1957 Wacker
1957-1958 Wiener Sport-Club
1958 Siviglia
1958-1960 Granada
1960-1962 Hapoel Tel Aviv
1962-1963 Porto
1964-1965 Real Valladolid
1965-1966 Granada
1966 Halmstad
1966-1968 Espanyol
1970 Real Valladolid
1970-1972 Málaga
1971-1973 Hércules
1978-1980 Málaga [1]
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Jenő Kalmár (Mocsolád, 21 marzo 1908Malaga, 13 gennaio 1990) è stato un allenatore di calcio e calciatore ungherese, di ruolo attaccante.

Caratteristiche tecnicheModifica

Giocò sia nel ruolo di centravanti che in quello di centromediano. Elegante e versatile, molto abile tatticamente, era dotato di un potente tiro da lontano.

CarrieraModifica

Cominciò la carriera nel MTK HUngaria sul finire degli anni venti, vincendo un campionato ungherese nel 1929. In quell'annata fu anche capocannoniere della sua squadra, con 19 centri. La sua carriera fu però tormentata sin dall'inizio da una serie di infortuni, fra cui la rottura di una gamba nell'autunno del 1929. Riuscì comunque a riprendersi e tornò al successo nel 1932, con la vittoria della Coppa di Ungheria.

Si trasferì poi in Francia, a Roubaix, dapprima in massima serie serie con l'Excelsior (con cui raggiunse anche la quinta posizione in campionato) e, dopo tre anni, in cadetteria con Racing Club. Ottenuta la promozione al primo tentativo, Kalmár tornò subito nella seconda serie per giocare con lo Stade Reims prima di tornare in patria a finire la carriera.

Da giocatore ha collezionato 15 presenze e 4 gol con la nazionale del suo paese tra il 1928 ed il 1932.

AllenatoreModifica

Durante gli anni della guerra fu allenatore-giocatore del Kistext, la piccola squadra di un'azienda tessile con sede a Budapest nel quartiere Kispest. Nel frattempo fece parte dello staff della Nazionale ungherese. Nel 1947 passò ad allenare lo Csepel, che condusse nel 1948 alla vittoria del campionato. Dopo pochi anni fu chiamato alla guida dell'Honved, la fortissima squadra dell'esercito, che dominava il campionato ungherese grazie a giocatori quali Ferenc Puskás, Sándor Kocsis e Zoltán Czibor. Vi rimase per quattro anni, vincendo il titolo per tre volte.

La rivoluzione ungherese del 1956 dissolse quella grande squadra: quando scoppio la rivolta l'Honved era all'estero per giocare una partita di Coppa dei Campioni contro l'Athletic Bilbao e decise di non rientrare in patria. I giocatori furono dapprima squalificati e poi si dispersero in varie squadre europee, mentre Kalmár si rifugiò subito a Vienna ed allenò per due anni squadre locali. Nel 1958 si trasferì in Spagna, come già avevano fatto molti suoi ex giocatori dell'Honved, e mise radici nella penisola iberica, dove allenò varie squadre tra massima serie e seconda divisione. I maggiori successi li ottenne col Granada, porto in finale di Copa del Generalísimo (miglior risultato nella storia del club), persa però per 4-1 contro il Barcellona. In occasione di una delle poche esperienze fuori dalla Spagna ebbe modo di vincere il suo ultimo titolo, un campionato israeliano conquistato con l'Hapoel Tel Aviv nel 1960.

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

Competizioni nazionaliModifica

MTK Budapest: 1928-1929
MTK Budapest: 1931-1932
Excelsior Roubaix: 1933

AllenatoreModifica

Competizioni nazionaliModifica

Csepel: 1947-1948
Honved: 1952, 1954, 1955
Wiener-Sportclub: 1957-1958
Hapoel Tel Aviv: 1960-1961

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica