Jimmy (rete televisiva)

Jimmy
Logo dell'emittente
Stato Italia Italia
Versioni Jimmy
(data di lancio: 15 novembre 1997)
Data chiusura 1º gennaio 2011
Nomi precedenti Canal Jimmy (1997-2003)
Editore Digicast e RCS
Sito www.jimmytv.it

Jimmy (noto precedentemente come Canal Jimmy) è stato un canale televisivo italiano prodotto da Digicast e RCS.

Provocatoria e dissacrante, la programmazione del canale era basata sulla sperimentazione e il politicamente scorretto, con un umorismo provocatorio, tra serie televisive e film cult oltre a musica e documentari.[1]

StoriaModifica

Canal Jimmy ha le sue origini dall'omonimo canale francese via cavo lanciato il 29 novembre 1990.[2]

In Italia, il canale viene trasmesso dal 15 novembre 1997 nell'allora bouquet satellitare di TELE+ con cinque ore (in seguito otto) di programmazione a partire dalle 20:00. Tra le prime serie programmate dal canale erano presenti The New Statesman, Spicy City, Cop Rock e Sessions.[3] Canal Jimmy deve il suo nome da James Dean e Jimi Hendrix.[2][4] In quegli anni, la produzione originale Destinazione Serie informava e approffondiva sui serial televisivi.[1]

Nel 2001, Canal Jimmy viene rinnovato, mantenendo il suo stile e la personalità, ma espandendo la sua programmazione diventando il primo canale a trattare tematiche gay, lesbo, bisex e trans, hentai e altri.[1]

Il 31 luglio 2003, il canale viene rinominato semplicemente come Jimmy e comincia le sue trasmissioni su Sky.[1][5][6]

Dal novembre 2006, alla gestione Digicast si affianca quella di RCS, apportando cambiamenti ai palinsesti del canale. Nel 2008, Jimmy è stato acquistato completamente da Rizzoli, trasmettendo per lo più repliche.[6][7] Il 1º gennaio 2011 il canale ha cessato definitivamente le trasmissioni.[7][8] Jimmy rimase attivo in Francia fino al 26 giugno 2015.

Lo speaker ufficiale di Jimmy è stato il doppiatore Roberto Pedicini, dal 2003 al 2011.

ProgrammazioneModifica

Nel palinsesto di Jimmy si potevano trovare telefilm, cult del passato ma anche prodotti inediti, e programmi dedicati alla musica.

Sono molte le serie di culto ad aver debuttato su Canal Jimmy prima di arrivare sulla free, tra cui Californication e The Sleep of Reason.

Serie originaliModifica

  • Ciao bella
  • Crims
  • Le avventure di Mr Sex
  • Phone Bugs
  • Real Sex
  • Sex Lives and Videotape
  • Sex Peek
  • Supposta esatta

Serie TVModifica


Serie animateModifica

AnimeModifica

Show americaniModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d Redazione, 10 anni di Jimmy ∂ Fantascienza.com, su Fantascienza.com. URL consultato il 28 ottobre 2020.
  2. ^ a b (FR) AlloCine, La chaîne Jimmy s'éteint après 25 ans : 12 séries cultes qu'elle a lancées en France, su AlloCiné. URL consultato il 28 ottobre 2020.
  3. ^ TELE PIU' - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 28 ottobre 2020.
  4. ^ Lavoro Canal Jimmy, su www.lavoraconnoi.org. URL consultato il 28 febbraio 2020.
  5. ^ I canali di SKY, su www.film.it. URL consultato il 28 ottobre 2020.
  6. ^ a b Addio Canal Jimmy!, su netmassimo.com. URL consultato il 28 ottobre 2020.
  7. ^ a b Mauro Roffi, Jimmy: una fine 'annunciata', su Millecanali, 9 gennaio 2011. URL consultato il 28 ottobre 2020.
  8. ^ Lo storico Jimmy dopo 14 anni ha cessato le trasmissioni su Sky - Digital-News, su Digital-News.it, 1° gennaio 2011. URL consultato il 28 ottobre 2020.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione