Justin Amash

politico statunitense
Justin Amash
Justin Amash official photo.jpg

Membro della Camera dei rappresentanti - Michigan, distretto n.3
Durata mandato 3 gennaio 2011 –
3 gennaio 2021
Predecessore Vern Ehlers
Successore Peter Meijer

Membro della Camera dei rappresentanti del Michigan, distretto n.72
Durata mandato 14 gennaio 2009 –
12 gennaio 2011
Predecessore Glenn Steil
Successore Ken Yonker

Dati generali
Partito politico Libertariano (dal 2020)[1]
Indipendente (2019-2020)
Repubblicano (2008-2019)
Università Università del Michigan, University of Michigan Law School e Grand Rapids Christian High School

Justin Amash (Grand Rapids, 18 aprile 1980) è un politico statunitense, membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato del Michigan dal 2011 al 2021.

BiografiaModifica

Nato in una famiglia di arabi americani[2], Amash si laureò in legge all'Università del Michigan e intraprese la professione di consulente legale[3].

Carriera politicaModifica

Entrato in politica con il Partito Repubblicano, nel 2008 venne eletto all'interno della legislatura statale del Michigan. Vi sostenne cinque risoluzioni e dodici progetti di legge, ma nessuno fu approvato[4]. Due anni dopo si candidò alla Camera dei Rappresentanti e riuscì a conquistare un seggio. Fu poi riconfermato deputato nelle elezioni successive.

Amash era considerato come un esponente della corrente libertaria del Partito Repubblicano, difatti nel 2011 sostenne Ron Paul per le primarie repubblicane dell'anno seguente[5] mentre per quelle di quattro anni dopo prima sostenne il figlio Rand Paul e, dopo che quest'ultimo si ritirò, il senatore Ted Cruz[6]. Inoltre, votò contro la ri-autorizzazione del Patriot Act, ha favorito una misura per abrogare la detenzione indefinita e si è opposto alla nuova autorizzazione degli emendamenti della FISA, legge che detta misure in ambito di sorveglianza fisica ed elettronica[7].

Nel 2019, Amash abbandonò il Partito Repubblicano, dimettendosi dalla Commissione di Sorveglianza e Riforma di cui faceva parte[8][9].

Nel 2020, Amash passò al Partito Libertariano, annunciando la sua candidatura per le primarie del PL per le elezioni presidenziali del 2020. Amash divenne il primo membro libertario del Congresso[10].

Posizioni politicheModifica

Amash si è auto-descritto come un libertario, spesso contrario alle idee sia della maggioranza repubblicana che di quella democratica[11][12][13], ispirato dagli economisti Friedrich Hayek e Bastiat[14] e sostenitore delle libertà economiche ed individuali[15].

Amash si oppone all'aborto e ai fondi federali per l'aborto[16], ma si è astenuto alla votazione per togliere i fondi federali a Planned Parenthood, ritenendo "impropria" una legge che toglie fondi a un privato anziché a tutte le organizzazioni che si occupano della stessa funzione di Planned Parenthood[17][18]. Nel 2017 ha votato una legge per vietare la maggior parte degli aborti dopo 20 settimane di gravidanza[19].

Amash si oppone alla pena di morte (ha sponsorizzato nel 2019 una legge proposta da Ayanna Pressley per abolire la pena di morte a livello federale)[20], ed è tra i 4 membri della Camera che ha votato contro una legge per classificare il linciaggio come crimine d'odio, sostenendo che avrebbe aumentato il numero di pene di morte e che gli atti criminalizzati dal progetto di legge già sono illegali e puniti dalla legge federale[21][22].

Amash è contro i salvataggi di aziende da parte del governo e contro gli aumenti delle tasse[14], inoltre, nel 2011, ha proposto una proposta di emendamento costituzionale che richiede, dopo un periodo di transizione di 10 anni, il pareggio di bilancio[23].

Per quanto riguarda l'ambiente, ha criticato l'Agenzia per la protezione dell'ambiente, per alcune regolamentazioni a suo dire eccessive[24], votò una proposta di legge per evitare che quest'ultima potesse regolare alcuni gas serra come inquinanti[25], e si oppose alla firma di Obama degli Accordi di Parigi[26], votando contro la successiva proposta di legge per bloccare Trump dal ritirare gli USA da questi accordi, sostenendo la nocività di un'eventuale carbon tax per l'economia statunitense[27]. In un dibattito del 2017, Amash ha sottolineato le incertezze scientifiche sul fatto che le emissioni di anidride carbonica causino cambiamenti climatici[28].

Per quanto riguarda la sanità, ha votato a favore di una versione rivista della Trumpcare[29], mentre sulle droghe ha presentato, con Ted Lieu, un progetto di legge per impedire che la "lotta alla marijuana" della DEA si possa finanziare con confische di beni di civili[30] e ha sponsorizzato, nel 2017, un progetto di legge contro la proibizione della marijuana a livello federale, introdotto da Tom Garrett[31].

Nel 2011 fu l'unico repubblicano a votare contro una risoluzione per rendere In God We Trust motto ufficiale degli USA[32].

Sulle coppie dello stesso sesso, nonostante inizialmente votò un provvedimento per consentire ai singoli Stati di scegliere se riconoscere o meno i matrimoni gay[33], nel 2013 disse che "la vera minaccia al matrimonio tradizionale e alla libertà religiosa è il governo, non le coppie gay che si amano e vogliono passare la vita insieme"[34]. Ha sostenuto l'esito di un caso giudiziario che ha portato al riconoscimento da parte della Corte suprema del diritto delle coppie gay di sposarsi[35][36].

Amash è stato spesso critico nei confronti dei programmi anti-terrorismo della National Security Agency[37][38], ha votato contro la ri-autorizzazione del Patriot Act[7] e dell'USA Freedom Act[39].

Amash si è opposto all'ordine esecutivo del presidente Donald Trump del 2017 di vietare ai cittadini di sette Paesi a maggioranza musulmana di entrare negli Stati Uniti[40]. Nel febbraio 2019, Amash è stato l'unico repubblicano della Camera a co-sponsorizzare una risoluzione per bloccare la dichiarazione da parte di Trump di un'emergenza nazionale per reindirizzare i fondi per costruire un muro sul confine tra Stati Uniti e Messico senza uno stanziamento congressuale per tale progetto. Ha scritto: "Una dichiarazione di emergenza nazionale per una non emergenza è nulla", e "[Trump] sta tentando di aggirare il nostro sistema costituzionale"[41].

Amash sostiene la riduzione della spesa militare negli USA, e più volte ha criticato interventi militari di Obama e Trump[42], tra cui l'intervento in Siria nel 2014 (avvenuto senza un'effettiva autorizzazione del Congresso[43]) e il coinvolgimento statunitense nell'intervento dell'Arabia Saudita in Yemen[44]. Nel 2011, Amash è stato uno dei sei membri del Congresso che hanno votato contro la risoluzione 268 della Camera che riaffermava l'impegno degli Stati Uniti per una soluzione negoziata del conflitto israelo-palestinese attraverso negoziati diretti israelo-palestinesi, approvati da 407 membri[2][45]. Nel 2014 è stato uno degli otto membri del Congresso che hanno votato contro un pacchetto da 225 milioni di dollari per rifornire le difese missilistiche israeliane Iron Dome, approvate con 398 membri a sostegno[46]. Sostiene una soluzione a due Stati al conflitto israelo-palestinese[2]. Amash si unì a 104 democratici e 16 repubblicani che votarono contro il National Defense Authorization Act del 2012 (NDAA), che specificava il budget e le spese del Dipartimento della Difesa[47], definendola "una delle leggi più anti-libertà della nostra vita"[48]. Amash ha co-sponsorizzato un emendamento alla NDAA che avrebbe vietato la detenzione militare indefinita e i processi militari, in modo che tutti i sospetti terroristi arrestati negli Stati Uniti vengano processati nei tribunali civili[49]. Nel 2016, Amash si è unito al voto unanime alla Camera per approvare una risoluzione che dichiara che lo Stato islamico dell'Iraq e del Levante (ISIL) ha commesso un genocidio contro le minoranze religiose in Medio Oriente[50].

Nel 2017, Amash ha votato contro un disegno di legge, poi approvato, che imponeva nuove sanzioni economiche contro Russia, Iran e Corea del Nord[51].

Amash è stato più volte critico nei confronti di Donald Trump, opponendosi nel 2016 alla sua candidatura a presidente[52][53], definendolo nel 2017 un "bullo infantile"[54][55] e diventando nel 2019 il primo repubblicano a sostenere il suo impeachment[56] e, una volta diventato indipendente, l'unico non-democratico a votare a favore di entrambi gli articoli di impeachment[57].

NoteModifica

  1. ^ reason.com, https://reason.com/2020/04/29/justin-amash-becomes-the-first-libertarian-member-of-congress/.
  2. ^ a b c Justin Amash casts himself in Ron Paul's mold - Tim Mak - POLITICO.com, su web.archive.org, 1º aprile 2012. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2012).
  3. ^ Profile: 3rd Congressional district candidate Justin Amash - mlive.com, su web.archive.org, 28 febbraio 2020. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2020).
  4. ^ Michigan Legislature - Search Results, su www.legislature.mi.gov. URL consultato il 30 aprile 2020.
  5. ^ (EN) U.S. Rep. Justin Amash endorses Ron Paul's bid for the GOP presidential nomination, su mlive, 19 settembre 2011. URL consultato il 30 aprile 2020.
  6. ^ Rep. Amash endorses Cruz | TheHill, su web.archive.org, 14 dicembre 2016. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2016).
  7. ^ a b (EN) Conor Friedersdorf, Why Justin Amash's Primary Victory Matters, su The Atlantic, 6 agosto 2014. URL consultato il 30 aprile 2020.
  8. ^ (EN) Melanie Zanona, John Bresnahan, Justin Amash resigns from House committee after dumping GOP, su POLITICO. URL consultato il 30 aprile 2020.
  9. ^ (EN) Free For Coffee? These Lawmakers Have No Committee Seats, su Bloomberg Government. URL consultato il 30 aprile 2020.
  10. ^ (EN) Justin Amash Becomes the First Libertarian Member of Congress, su Reason.com, 29 aprile 2020. URL consultato il 30 aprile 2020.
  11. ^ (EN) Daniel Marans, Matt Fuller, House Reauthorizes Controversial Surveillance Law, su HuffPost, 11 gennaio 2018. URL consultato il 30 aprile 2020.
  12. ^ (EN) Rep. Justin Amash: The Two-Party System Needs to Die, su Reason.com, 28 luglio 2017. URL consultato il 30 aprile 2020.
  13. ^ The End of the Libertarian Dream? - POLITICO Magazine, su web.archive.org, 12 gennaio 2018. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2018).
  14. ^ a b Justin Amash - 40 Under 40 - TIME, su web.archive.org, 21 maggio 2019. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2019).
  15. ^ Justin Amash, Republican Freshman, Bucks His Party - The New York Times, su web.archive.org, 28 febbraio 2017. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2017).
  16. ^ Justin Amash on the Issues, su web.archive.org, 9 dicembre 2012. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2012).
  17. ^ Justin Amash, Republican Freshman, Bucks His Party - The New York Times, su web.archive.org, 28 febbraio 2017. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2017).
  18. ^ Justin Amash: A Politician with Presence – Reason.com, su web.archive.org, 4 agosto 2019. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2019).
  19. ^ House Vote 549 - Bans Most Abortions After 20 Weeks of Pregnancy | Represent | ProPublica, su web.archive.org, 26 maggio 2019. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2019).
  20. ^ Justin Amash Co-Sponsors Bill With the 'Squad' Prohibiting Federal Executions | The Michigan Star, su web.archive.org, 29 febbraio 2020. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 29 febbraio 2020).
  21. ^ Amash votes against anti-lynching bill - News - Ionia Sentinel - Standard-Ionia, MI - Ionia, MI, su web.archive.org, 29 febbraio 2020. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 29 febbraio 2020).
  22. ^ Why Libertarian-Leaning Reps. Massie and Amash Voted Against the House’s Anti-Lynching Bill – Reason.com, su web.archive.org, 29 febbraio 2020. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 29 febbraio 2020).
  23. ^ H.J.Res.81 - 112th Congress (2011-2012): Proposing a balanced budget …, su archive.is, 26 febbraio 2014. URL consultato il 30 aprile 2020.
  24. ^ Climate change dominates U.S. Rep. Justin Amash's 8th town hall - mlive.com, su web.archive.org, 14 giugno 2019. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2019).
  25. ^ H.R.910 - 112th Congress (2011-2012): Energy Tax Prevention Act of 2011 | Congress.gov | Library of Congress, su web.archive.org, 19 dicembre 2016. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2016).
  26. ^ (EN) Jennifer Bowman, Justin Amash says the U.S. wasn't 'validly' in Paris climate agreement, su Battle Creek Enquirer. URL consultato il 30 aprile 2020.
  27. ^ Tracking Congress In The Age Of Trump | FiveThirtyEight, su web.archive.org, 22 aprile 2020. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2020).
  28. ^ Climate change dogging Republicans at town halls, su eenews.net (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2017).
  29. ^ AHCA Vote Count: How the House Republicans split - Washington Post, su web.archive.org, 4 maggio 2017. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2017).
  30. ^ Rep. Justin Amash co-sponsors pot civil asset forfeiture reform - mlive.com, su web.archive.org, 20 dicembre 2019. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2019).
  31. ^ Text - H.R.1227 - 115th Congress (2017-2018): Ending Federal Marijuana Prohibition Act of 2017 | Congress.gov | Library of Congress, su web.archive.org, 12 marzo 2017. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2017).
  32. ^ Clipping from Lansing State Journal - Newspapers.com, su archive.vn, 28 febbraio 2020. URL consultato il 30 aprile 2020.
  33. ^ Justin Amash Backs DOMA Repeal On Twitter | HuffPost, su web.archive.org, 11 aprile 2018. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2018).
  34. ^ Lucy Steigerwald, Justin Amash and the Libertarian Future, in The New Republic, 29 luglio 2019. URL consultato il 30 aprile 2020.
  35. ^ (EN) JJones, The Supreme Court’s Gay Marriage Decision was Completely Avoidable, su The Advocates for Self-Government, 1º luglio 2015. URL consultato il 30 aprile 2020.
  36. ^ Marriage Equality Means an End to Licensing, su panampost.com.
  37. ^ (EN) Tim Murphy, Will GOP rebel Justin Amash bring down the NSA—and his own party?, su Mother Jones. URL consultato il 30 aprile 2020.
  38. ^ justin-amash-almost-beat-the-nsa-next-time-he-might-do-it, su washingtonpost.com.
  39. ^ Wayback Machine (XML), su web.archive.org, 11 febbraio 2017. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2017).
  40. ^ Whip Count: Here’s where Republicans stand on Trump’s controversial travel ban - The Washington Post, su web.archive.org, 11 febbraio 2017. URL consultato il 30 aprile 2020 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2017).
  41. ^ (EN) Rafael Nam, House conservative co-sponsors bill to block Trump's emergency declaration, su TheHill, 22 febbraio 2019. URL consultato il 30 aprile 2020.
  42. ^ (EN) Kristina Peterson and Julian E. Barnes, GOP Split Over Expected Obama Request for More Defense Outlays, in Wall Street Journal, 29 gennaio 2015. URL consultato il 30 aprile 2020.
  43. ^ (EN) Conor Friedersdorf, President Obama Faces Mounting Pressure to Stay Out of Syria, su The Atlantic, 29 agosto 2013. URL consultato il 30 aprile 2020.
  44. ^ (EN) James Carden, America’s Support for Saudi Arabia’s War on Yemen Must End, 5 aprile 2017. URL consultato il 1º maggio 2020.
  45. ^ The U.S. Congress Votes Database: Vote 524, H RES [House Resolution] 268, su projects.washingtonpost.com.
  46. ^ (EN) HuffPost - Breaking News, U.S. and World News, su HuffPost. URL consultato il 1º maggio 2020.
  47. ^ (EN) H.R. 4310 (112th): National Defense Authorization Act for Fiscal Year ... -- House Vote #291 -- May 18, 2012, su GovTrack.us. URL consultato il 1º maggio 2020.
  48. ^ (EN) Is the President's Indefinite Detention Power Limited to Foreigners?, su Reason.com, 29 novembre 2011. URL consultato il 1º maggio 2020.
  49. ^ "How Smith-Amash NDAA Amendment Bans Indefinite Detention (Fact Sheet), su humanrightsfirst.org. URL consultato il 1º maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2012).
  50. ^ (EN) House declares ISIS committing genocide against Christians, other minorities, su Fox News, 14 marzo 2016. URL consultato il 1º maggio 2020.
  51. ^ roll 413 (XML), su clerk.house.gov.
  52. ^ Republicans who vow to never back Trump | TheHill, su web.archive.org, 5 maggio 2016. URL consultato il 1º maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2016).
  53. ^ The One House Republican Who Can't Stop Criticizing Donald Trump | HuffPost, su web.archive.org, 12 marzo 2018. URL consultato il 1º maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2018).
  54. ^ (EN) Trump aide calls for primary challenge against Freedom Caucus member, su www.cbsnews.com. URL consultato il 1º maggio 2020.
  55. ^ (EN) White House aide calls for primary challenge against Rep. Amash, su WXMI, 1º aprile 2017. URL consultato il 1º maggio 2020.
  56. ^ (EN) First Republican lawmaker says Trump engaged in impeachable conduct, in Reuters, 19 maggio 2019. URL consultato il 1º maggio 2020.
  57. ^ House on track to impeach Trump - Los Angeles Times, su web.archive.org, 18 dicembre 2019. URL consultato il 1º maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2019).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5505157040173967040000 · LCCN (ENno2019143228 · WorldCat Identities (ENlccn-no2019143228