Lega Internazionale Insegnanti di Esperanto

La Lega Internazionale Insegnanti di Esperanto (In Esperanto: Internacia Ligo de Esperantistaj Instruistoj ILEI) è un'organizzazione non governativa con l'obiettivo di insegnare il rispetto per l'umanità, la vita e la natura e di cercare un'ulteriore comprensione reciproca tra i popoli. Sostenendo la diffusione della lingua e della cultura dell'esperanto, la ONG pubblica libri e riviste, organizza conferenze internazionali e gestisce esami in tutto il mondo per certificare le qualifiche degli insegnanti di esperanto.

In particolare, ILEI è un gruppo di interesse speciale affiliato con l'UNESCO e l'Associazione Universale Esperanto (UEA). ILEI mira a introdurre la lingua esperanto in tutte le tipologie di scuole; insegnare l'esperanto in tutti i settori e livelli; ricercare e risolvere problemi pedagogici nell'educazione linguistica; pubblicare tutorial moderni, riviste, libri e opuscoli; organizzare conferenze e seminari internazionali, ecc.; supervisionare gli esami internazionali per certificare le capacità individuali di parlare e insegnare l'esperanto; collaborare con istituzioni governative ed educative, nonché con altre organizzazioni i cui obiettivi sono in accordo con quelli di ILEI; e di creare e mantenere siti Web e liste di discussione per raggiungere questi obiettivi.

StoriaModifica

Fondata nel 1949, il primo consiglio esecutivo comprendeva Violet C. Nixon, (Regno Unito, presidente), Einar Dahl (Svezia, segretario-tesoriere), Jeanne Dedieu (Francia) e P. Korte (Paesi Bassi).[1] I presidenti ILEI successivi comprendevano István Szerdahelyi (1985–1988), Edward Symoens (1988–1991), Stefan MacGill (1991–1993), Duncan Charters (1993–1998), Mauro La Torre (1998–2003), Radojica Petrovic (2003 -2009); Stefan MacGill (2009-2013) e Mireille Grosjean (2013-)[2]

Conferenze/CongressiModifica

ILEI tiene conferenze, di solito annualmente, con temi specifici dedicati alla cultura, al turismo e ai festival linguistici;[3] maggior parte delle conferenze si è svolta in Europa, sebbene anche Cuba, Corea del Sud, Australia, Giappone e Benin abbiano ospitato conferenze.[4]

Dal 2017 in poi le conferenze dell'ILEI sono diventate congressi.

Anno Numero Città
ospitante
Paese
ospitante
Tema
2019 52 Čačak   L'apprendimento nelle comunità virtuali
2018 51 Madrid   L'eredità culturale degli Esperantisti
2017 50 Busan   Dall'educazione al turismo sostenibile
2016 49 Nyíregyháza   Nuove modalità di apprendimento
2015 48 Ostenda   Una grande pace dopo le grandi guerre
2014 47 Montevideo   Giustizia linguistica in pratica: esperienze e tendenze Latino-Americane
2013 46 Sieber (Herzberg am Harz)   Insegnare l'Esperanto a tutte le generazioni
2012 45 Kunming  
2011 44 Copenaghen  
2010 43 Matanzas   UNESCO's Anno Internazionale per la Riconciliazione delle Culture
2009 42 Cracovia   La pedagogia Esperantista affronta le sfide della comunicazione interculturale
2008 41 Porto-Novo   Insegnanti di Esperanto per il pianeta Terra
2007 40 Ranzan   Donne nella cultura esperantista
2006 39 Parma   Diritti linguistici, Studio delle Lingue ed Educazione per tutti
2005 38 Kaunas  
2004 37 Bratislava  
2003 36 Örestrand (Höganäs)  
2002 (nessuna conferenza)
2001 35 Lovran   Rafforzare l'istruzione in Esperanto e l'educazione interculturale
2000 34 Bouresse  
1999 33 Karlovy Vary   Pace attraverso l'educazione
1998 32 Montpellier   Istruzione linguistica, un ponte verso il mondo
1997 31 Lara   Multiculturalismo e acquisizione del linguaggio
1996 30 Tábor   Metodi di apprendimento e di autoapprendimento dell'Esperanto
1995 29 Övik (Porvoo)   Valore propedeutico dell'Esperanto
1994 28 Gangnam-gu   Contributi asiatici alla cultura e all'educazione del mondo
1993 27 Valencia   Valore accademico dell'insegnamento dell'Esperanto
1992 26 Bratislava   Methodus linguarum novissima
1991 25 Voss   Tyresö e Rauma — e ora?
1990 24 Santa Clara   Norme nazionali e l'insegnamento dell'Esperanto
1989 23 Caerleon   Motivazione per l'insegnamento a scuola dell'Esperanto
1988 22 Kerkrade   Metodi di insegnamento dell'Esperanto tradizionali e moderni
1987 21 Łódź   Politiche pedagogiche, didattiche e linguistiche per Esperanto
1986 20 Louvain-la-Neuve   Pace
1985 19 Kungälv   Inglese, si; Esperanto, si; lingue collaboranti
1984 18 Škofja Loka   Esperanto e l'educazione alle lingue straniere
1983 17 Sintra   Minoranze etniche e l'Esperanto
1982 16 Seiano   Il principio liberatorio dell'Esperanto nell'educazione
1981 15 Gödöllő   Ruolo sociale e linguistico dell'Esperanto per l'educazione
1980 14 Cottonera   Esperanto come ponte alla comprensione internazionale
1979 13 Locarno   Bambini e lingua
1978 12 Gorizia   Prospettive sull'insegnamento
1977 11 Lussemburgo   Valore culturale dell'Esperanto
1976 10 San Marino   Non razze, ma bambini vivono nel mondo

NoteModifica

  1. ^ Internacia Ligo de Esperantistaj Instruistoj stariĝis in La Juna Vivo, settembre 1949 Archiviato il 27 settembre 2007 in Internet Archive., pag. 355.
  2. ^ ILEI Estraro. Consultato il 2009-07-20.
  3. ^ ILEI conferenze (eo)
  4. ^ Conferenze 1976-2008 (eo)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN146058675 · ISNI (EN0000 0001 2178 5853 · LCCN (ENno2005120966 · GND (DE2014570-6 · WorldCat Identities (ENlccn-no2005120966