Apri il menu principale

Liceo ginnasio Antonio Pigafetta

liceo classico di Vicenza in provincia di Vicenza (Italia) [codice scuola: VIPC010004]
Liceo ginnasio statale Antonio Pigafetta
S.Maria Cristoforo-6.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàVicenza
IndirizzoContra' Cordenons 1, 36100 Vicenza
Organizzazione
TipoLiceo classico
Ordinamentopubblico
Fondazione1807
PresideRoberto Guatieri
Dipendenti110 (docenti)  27 (personale ata e amministrativi) (2017)
Studenti1 290 (2017)
Dati generali
ColoriArancione, nero e bianco
Sito web

Il Liceo Ginnasio Statale "Antonio Pigafetta" è un liceo classico, linguistico e musicale di Vicenza. Ha iniziato le sue attività il 20 aprile 1808 e dal 1867 è dedicato al navigatore vicentino Antonio Pigafetta.

Insieme al vicino Liceo Scientifico Paolo Lioy costituisce la coppia di licei storici del capoluogo berico.

Indice

StoriaModifica

Periodo napoleonicoModifica

Istituito per decreto napoleonico il 14 marzo 1807, il liceo (che allora si chiamava semplicemente "Liceo di Vicenza") fu inaugurato il 1º aprile 1808; le lezioni iniziarono venti giorni dopo.

La prima sede fu Palazzo San Giacomo, un ex convento di Padri Somaschi dove erano presenti dal 1773 le scuole comunali.

All'epoca della fondazione, il ciclo di studi liceali era suddiviso in quattro anni di ginnasio e due anni di liceo. Nei primi quattro anni gli studenti apprendevano il latino, l'italiano, il francese, la retorica, la storia e la geografia oltre all'aritmetica, la calligrafia e il disegno; nel ciclo del liceo invece venivano insegnate la filosofia, la matematica (e in generale le materie scientifiche), le belle arti, il disegno o lo studio delle istituzioni civili.

Il numero degli alunni (superiore all'ottantina già dai primi anni) costrinse il reggente a trasferire già dal dicembre 1809 la sede del liceo prima a Palazzo Trissino al Duomo e poi presso l'ex convento dei Domenicani di Santa Corona, dove restò fino al 1860.

Periodo asburgicoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ospedale di San Marcello.

Il 5 novembre 1813 l'Impero austro-ungarico torna a governare a Vicenza con l'istituzione del Regno Lombardo Veneto; il piano di studi del Liceo viene modificato e portato a otto anni: l'abolizione del francese e delle pratiche militari, imposte in epoca napoleonica, è compensata dall'insegnamento del tedesco e dal rafforzamento della religione.

Negli anni 1848/1849 il liceo è aperto ma lo stabile è utilizzato come ospedale militare; questo porterà la reggenza del liceo, esasperata dalla situazione, a chiedere un ulteriore trasferimento di sede. Il trasferimento avviene nel dicembre 1859 nella nuova sede di San Marcello (nata come ospitale e utilizzata anche come museo civico), nella quale il liceo si trova tuttora.

Il 19 febbraio 1867 il liceo, su proposta del Consiglio scolastico provinciale, cambia la sua denominazione in "Regio Ginnasio liceale Antonio Pigafetta".

NovecentoModifica

La vicinanza di Vicenza al fronte della prima guerra mondiale crea notevoli disagi alle attività scolastiche (diverse aule diventano luoghi di acquartieramento delle truppe e ospedale territoriale, vi sono notevoli difficoltà nell'organizzare gli esami e diverse nuove norme da rispettare soprattutto in caso di incursioni aeree nemiche). Si arriva così al maggio 1916 quando tutte le lezioni vengono sospese in quanto i locali del liceo vengono occupati dalla Croce Rossa; numerosi sono gli studenti e i docenti che devono abbandonare la scuola per recarsi al fronte.

L'avvento del fascismo porta ulteriori modifiche e stravolgimenti e, anche a causa dello scoppio della seconda guerra mondiale, è impossibile ricondurre la scuola a una vita normale. I violenti bombardamenti angloamericani che colpiscono il capoluogo risparmiano miracolosamente le strutture del liceo. Saranno numerose le perdite di alunni che si conteranno però a guerra conclusa. Gli alunni deceduti sono ricordati in una lapide nell'entrata storica del liceo.

Assetto odiernoModifica

Il liceo oggi si articola in due sedi, una (quella storica) in contrà Cordenons e una in contrà Motton San Lorenzo, entrambe in pieno centro storico. La sede storica è stata oggetto di una completa ristrutturazione interna in modo da rendere accessibile e funzionale ogni parte della struttura per i festeggiamenti del bicentenario (1807/1808-2007/2008).

La sede centrale dispone di una biblioteca di 16.000 volumi con archivio e biblioteche settoriali, un'aula magna, due palestre, un laboratorio linguistico, un'aula di informatica, una di fisica, una di chimica e scienze, due aule di proiezione e un laboratorio multimediale e di proiezione. La sede staccata di Motton San Lorenzo è dotata di un laboratorio multimediale e di una sala conferenze.

Al 2008 sono attivi tre indirizzi di studio: il classico tradizionale, il linguistico (senza il greco ma con l'insegnamento di due lingue scelte tra francese, tedesco, spagnolo e cinese, oltre allo studio obbligatorio dell'inglese) e il musicale (su impianto del linguistico ma con un insegnamento pratico di uno strumento principale e uno complementare e lo studio di teoria, storia ed estetica della musica, accompagnato dallo studio di due lingue). In precedenza (fino al 2007) era attivo anche l'indirizzo classico giuridico (dove oltre a latino e greco si studiava diritto ed economia politica).

Nell'anno scolastico 2010/2011 è stato introdotto il sistema di controllo elettronico per le assenze. Sempre durante lo stesso anno scolastico l'istituto ha ospitato, scelto con altre nove celebri scuole italiane, i festeggiamenti per i 150 anni dell'Unità d'Italia, ed è stato proposto per la prima volta l'indirizzo di "classico internazionale", una novità in Italia e al "Pigafetta"; il progetto si sviluppa in uno scambio culturale con studenti indiani e verrà riproposto nell'anno scolastico successivo.

FilmografiaModifica

Nel 2000 le aule del liceo hanno ospitato le riprese del film Medley - Brandelli di scuola del regista vicentino Gionata Zarantonello (ex studente dello stesso liceo).

NoteModifica


BibliografiaModifica

    • Tonino Assirelli, Le vicende del liceo Pigafetta di Vicenza e l'istruzione liceale in età napoleonica ed asburgica, 1808-1866, Vicenza 1984.AA. VV., La navicella dell'ingegno: i duecento anni del Liceo Ginnasio "Antonio Pigafetta", Biblos, 2008, ISBN 9788888064819
  • Italo Francesco Baldo, Pigafettar m'è dolce, Editrice Veneta, Vicenza 2008
Approfondimenti

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica