Apri il menu principale
Luigi Marino

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XI, XII
Gruppo
parlamentare
Partito della Rifondazione Comunista
Coalizione Progressisti
Circoscrizione Campania

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XIII, XIV
Gruppo
parlamentare
Partito della Rifondazione Comunista - Partito dei Comunisti Italiani
Coalizione L'Ulivo
Circoscrizione Campania

Dati generali
Partito politico Partito Comunista Italiano (fino al 1991), Partito della Rifondazione Comunista (dal 1991 al 1998), Partito dei Comunisti Italiani (dal 1998)
Professione Funzionario pubblico

Luigi Marino (Torre del Greco, 19 agosto 1938) è un politico italiano.

BiografiaModifica

Laureato in Scienze geologiche, lavora come insegnante.

È stato membro del PCI. Viene eletto alla Camera dei deputati nel 1992 nelle file di Rifondazione Comunista, confermando il seggio a Montecitorio anche dopo le elezioni del 1994.

Alle Politiche del 1996 viene eletto al Senato della Repubblica, venendo nominato capogruppo di Rifondazione Comunista a Palazzo Madama. Dopo la caduta del governo Prodi, nell'ottobre 1998 segue Armando Cossutta e Oliviero Diliberto nella scissione che dà vita al Partito dei Comunisti Italiani. Conferma il seggio al Senato anche dopo le elezioni politiche del 2001 nella coalizione de L'Ulivo, risultando uno dei due eletti del PdCI a Palazzo Madama.

Dal 16 aprile 2003 al 27 aprile 2006 è stato membro della Commissione parlamentare d'inchiesta concernente il "dossier Mitrokhin" e l'attività d'intelligence italiana e dall'8 ottobre 2003 al 27 aprile 2006 della Commissione parlamentare d'inchiesta sulle cause dell'occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti, il cosiddetto Armadio della vergogna.

È membro del Comitato nazionale dell'ANPI - Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, presidente dell'ANPI Campania, membro del Comitato provinciale dell'ANPI Napoli, nonché presidente dell'Associazione per i Rapporti Culturali con l'Estero "Maksim Gor'kij", sede locale dell'Associazione Italia Russia, già Associazione Italia-URSS e membro del direttivo dell'Osservatorio sul Sistema Politico-Costituzionale della Federazione Russa.

È direttore della rivista MarxVentuno, fondata nel 2011. Politicamente, dal 2016 è iscritto al rinato PCI.

NoteModifica


Collegamenti esterniModifica