Maišiagala

comune lituano
Maišiagala
centro abitato
Maišiagala – Stemma
Maišiagala – Veduta
Chiesa locale
Localizzazione
StatoLituania Lituania
ConteaVilnius County flag.png Vilnius
ComuneVilnius
Territorio
Coordinate54°52′20″N 25°04′00″E / 54.872222°N 25.066667°E54.872222; 25.066667 (Maišiagala)Coordinate: 54°52′20″N 25°04′00″E / 54.872222°N 25.066667°E54.872222; 25.066667 (Maišiagala)
Abitanti1 636 (2011)
Altre informazioni
Linguelituano
Cod. postaleLT-14025
Fuso orarioUTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Lituania
Maišiagala
Maišiagala

Maišiagala (in polacco Mejszagoła) è un centro abitato del distretto di Vilnius della contea omonima, nell'est della Lituania. Secondo il censimento del 2011, la popolazione ammonta a 1.636 abitanti.[1] L'insediamento si trova a circa 25 km a nord-ovest da Vilnius e nei pressi della strada maestra A2 che congiunge la capitale a Panevėžys.

StoriaModifica

Maišiagala, menzionata per la prima volta nel 1254, è uno dei più antichi insediamenti lituani. Sul posto era stato realizzato un grande castello difensivo, che faceva parte della rete difensiva costruita intorno a Vilnius per impedire gli assalti dei cavalieri teutonici. La fortificazione in legno fu distrutta nel 1365, ma venne poi ricostruita. Secondo Jan Długosz, il granduca di Lituania Algirdas morì proprio in tale castello nel 1377.[2] Dopo la cristianizzazione della Lituania nel 1387, Maišiagala divenne una delle sette città della Lituania dove si procedette alla realizzazione di una chiesa cattolica.[3] Nel 1390, nel corso della guerra civile lituana del 1389-1392, il castello venne nuovamente bruciato e stavolta non fu ricostruito.

La città continuò ad esistere, crescendo come centro commerciale e ottenne i privilegi della città verso la metà del XVI secolo. Il suo stemma raffigurava Sant'Antonio da Padova: divenuta una città reale, il sovrano di Polonia Sigismondo I il Vecchio eresse una fortezza per la moglie italiana Bona Sforza.[2] Per questo motivo, talvolta negli atti il luogo su cui venne realizzato è talvolta indicato come collina di Bona. Sigismondo procedette ad avviare anche i lavori per la chiesa del paese, come detto abbattuta in precedenza. Quando la dinastia degli Jagelloni cessò di esistere, Maišiagala perse il suo status di residenza estiva reale e sperimentò un lento periodo di declino.[3] Divenne feudo di vari nobili locali, prima i Sapieha e poi la famiglia Tyzenhaus.[2] Nel 1805, la famiglia Houwald, originaria della Sassonia, acquistò la città dagli eredi di Ignacy Jakub Massalski, vescovo di Vilnius.[3] Questa si preoccupò di edificare un maniero, il quale oggi ospita una scuola, in stile classico.

Dopo la prima guerra mondiale, l'insediamento rientrò fra quelli contesi nel corso della guerra polacco-lituana. Dopo l'ammutinamento di Żeligowski nel 1920, entrò a far parte della Repubblica della Lituania Centrale (1920-1922), fusasi nella Seconda Repubblica di Polonia nel 1922. Dopo la firma del trattato di mutua assistenza sovietico-lituano del 1939, la Lituania riprese possesso di Maišiagala.

Tra i personaggi di spicco nati in loco, vi era l'influente filosofo e rabbino ebreo David ("il nazireo") Cohen.

AmministrazioneModifica

GemellaggiModifica

Maišiagala è gemellata con:

NoteModifica

  1. ^ 2011 census, su statistics.bookdesign.lt, Statistikos Departamentas (Lituania). URL consultato il 30 luglio 2019.
  2. ^ a b c (LT) Algimantas Semaška, Kelionių vadovas po Lietuvą: 1000 lankytinų vietovių norintiems geriau pažinti gimtąjį kraštą, 4ª ed., Vilnius, Algimantas, 2006, pp. 363-364, ISBN 9986-509-90-4.
  3. ^ a b c (LT) Bronius Kviklys, Mūsų Lietuva, I, Boston, Lietuvių enciklopedijos leidykla, 1964-1968, pp. 176–178, OCLC 3303503.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN244303296 · GND (DE4726466-4
  Portale Lituania: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lituania