Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Sapieha (disambigua).
Sapieha
POL COA Lis.svg
StatoKingdom of Poland-flag.svg Regno di Polonia
Grand Duchy of Lithuania banner.svg Granducato di Lituania
Chorągiew królewska króla Zygmunta III Wazy.svg Confederazione polacco-lituana
Flag of Russian Empire.svg Impero russo
Polonia Polonia
Lituania Lituania
Russia Russia
Belgio Belgio
TitoliCroix pattée.svg Principe Sapieha
Croix pattée.svg Gran cancelliere di Lituania
Croix pattée.svg Gran hetman di Lituania
FondatoreSemen Sopiha (Сямён Сапега)
Data di fondazioneXV secolo
Etnialituana

Il casato dei Sapieha, nobile famiglia d'origine lituana[1][2][3] descending from the medieval boyars of Smolensk and Polotsk.[1][4], fu fra i più potenti della Confederazione Polacco-Lituana.

Grande stemma della famiglia Sapieha Wielki (1858-1859)

StoriaModifica

Le prime testimonianze confermate della famiglia Sapieha risalgono al XV secolo, quando Semen Sopiha (Сямён Сапега) fu menzionato come viene menzionato come scrivano del re di Polonia e granduca di Lituania, Casimiro IV Jagellone nel 1441-1449. Semen ebbe due figli, Bohdan e Iwan, da quali ebbero origine due rami della famiglia. È possibile che la famiglia di Semen Sopiha possedesse il villaggio di Sopieszyno vicino a Danzica, che lasciò a causa dell'invasione teutonica.

 
Lew Sapieha, gran cancelliere e gran hetman di Lituania

Il creatore della fortuna e del potere della famiglia Sapieha fu il cortigiano, gran cancelliere e gran hetman di Lituania, Lew Sapieha. Attraverso l'eccellente gestione dei beni ereditati, nuove sovvenzioni reali e matrimoni appropriati con le famiglie Chodkiewicz, Hlebowicz e Połubiński, la famiglia Sapieha, raggiunse la sua importanza tra le famiglie della Repubblica di Polonia.

Nel XVII secolo, i Sapieha erano una forza formidabile, davanti alla quale anche il re a volte doveva piegarsi. I Sapieha hanno governato di diritto in Lituania, impartendo ordini a loro discrezione al Sejmik e al tribunale, perseguendo ed eliminando persone che non gradivano. Allo scoppio della guerra civile, che si concluse con la sconfitta di Sapieha presso l'Olkeniki (18 novembre 1700), portò alla condanna di tutti i Sapieha alla privazione di uffici e patrimoni e condannati all'esilio eterno dallo Stato. I Sapieha si sono rivolti alla mediazione di Augusto II, che li fece riconciliare con la nobiltà. Inizialmente, la Sapieha professava l'Ortodossia, ma durante il XVI e l'inizio del XVII secolo, la famiglia professò la religione cattolica.

Nel 1572, Mikołaj Pawłowicz Sapieha, governatore di Minsk e Vitebsk, ricevette dall'imperatore Rodolfo II il titolo di conte. Nel 1633 Jan Stanisław Sapieha, il grande maresciallo lituano, ricevette dall'imperatore Ferdinando III il titolo di principe, ma rifiutò di accettare questo titolo e morì senza figli. Il 14 settembre 1700, Michał Franciszek Sapieha ottenne il titolo di Principe dall'imperatore Leopoldo I ma morì celibe nello stesso anno. Non avendo alcun diritto formale sul titolo principesco, i Sapieha lo usò in quel momento, sostenendo di discendere dai governanti della Lituania. Nel 1768, il Sejm polacco, riconoscendo questa genealogia, riottenne il riconoscimento del titolo principesco. Dopo le partizioni della Polonia, la famiglia venne nuovamente autorizzata a fregiarsi del titolo di principe nel Regno di Polonia dal 1824. Il titolo venne riconosciuto anche in Austria nel 1836 e nel 1840, ed in Russia nel 1874 e nel 1901. Nel 1905, la famiglia ottenne anche la qualifica di Altezza Serenissima in Austria.

Le proprietà dei Sapieha in Russia, incluso il castello di Bychaŭ, furono confiscate per la loro partecipazione alla rivolta del 1830-31.

 
La principessa Maria Branicka, nata Sapieha, ritratta da Franz Xaver Winterhalter nel 1865

La nonna materna della regina del Belgio Mathilde d'Udekem d'Acoz era un membro della famiglia Sapieha.

PalazziModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Энцыклапедыя ВКЛ. Т.2, арт. "Сапегі"
  2. ^ Саверчанка І.В. Канцлер Вялікага княства. Леў Сапега, Мн., Навука і тэхніка, 1992, с.63
  3. ^ Чаропка В. Бацька Айчыны. Леў Сапега. ў кнізе "Уладары вялікага княства", Мн., Беларусь, 1-е издание 1996, 2-ое издание 2002, с.327–408
  4. ^ Vernadsky, George. A History of Russia. New Haven. Connecticut: Yale University Press. 1961. online Archiviato il 9 luglio 2007 in Internet Archive.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN72206269 · GND (DE119541270 · CERL cnp00558738 · WorldCat Identities (ENviaf-72206269
  Portale Polonia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Polonia