Marco Cimatti

ciclista su strada, pistard e imprenditore italiano

Marco Cimatti (Bologna, 13 febbraio 1913Bologna, 21 maggio 1982) è stato un ciclista su strada, pistard e imprenditore italiano. Da dilettante nel 1932 vinse la medaglia d'oro nell'inseguimento a squadre ai Giochi olimpici di Los Angeles. Fu poi professionista e indipendente dal 1935 al 1940, nonché fondatore dell'omonima fabbrica di biciclette e ciclomotori.

Marco Cimatti
Nazionalità Bandiera dell'Italia Italia
Ciclismo
Specialità Strada, pista
Termine carriera 1940
Carriera
Squadre di club
1933V.S. Reno Bologna
1934S.C. Luigi Pasquali
1935A.S. Roma di Parigi
1936-1937individuale
1938-1939Lygie
1939U.C. Modenese
1940individuale
Nazionale
1932Bandiera dell'Italia Italia Dilettantipista
1933Bandiera dell'Italia Italia Dilettantistrada
Palmarès
 Giochi olimpici
Oro Los Angeles 1932 Ins. a sq.
Statistiche aggiornate al luglio 2023

Carriera modifica

Da dilettante nel 1932, appena diciannovenne, vinse la medaglia d'oro nell'inseguimento a squadre ai Giochi olimpici di Los Angeles in quartetto con Paolo Pedretti, Nino Borsari e Alberto Ghilardi; l'anno successivo partecipò ai mondiali su strada di Montlhéry. Nel 1934 vinse il Giro dell'Emilia a Bologna. Si trasferì poi a Parigi.

Passato tra gli indipendenti, si distinse principalmente come pistard e come velocista. Nel 1935 vinse la Parigi-Évreux, classica francese per indipendenti e dilettanti.[1] Nelle stagioni seguenti vinse quindi quattro tappe al Giro d'Italia: tre nel 1937 con la squadra degli Italiani all'Estero (Rieti, Pescara e Como) e una nel 1938 con la Lygie, a Torino, vittoria quest'ultima che gli consentì di vestire per un giorno la maglia rosa. Si aggiudicò anche una tappa alla Parigi-Nizza 1937 e la Milano-Modena 1939. Nell'unica sua partecipazione alla Milano-Sanremo, nel 1937, salì sul podio, ottenendo il terzo posto.

Parallelamente alla carriera di corridore, nel 1937 fondò con la moglie l'omonima fabbrica di biciclette a cui fu legata un'omonima squadra professionistica alla fine degli anni quaranta. A partire dal 1950 iniziò a produrre ciclomotori, avviando ben presto un'affermata casa motociclistica, attiva sino al 1984, anno in cui entrò in crisi e cessò la produzione.

Palmarès modifica

Strada modifica

Gran Premio Luigi Pasquali
Internationale Radkriterium in Wangen
Giro dell'Emilia
  • 1935 (A.S. Roma di Parigi, una vittoria)
Parigi-Évreux[1]
  • 1937 (individuale, quattro vittorie)
4ª tappa Parigi-Nizza (Orange > Cavaillon)
7ª tappa Giro d'Italia (Arezzo > Rieti)
12ª tappa Giro d'Italia (Campobasso > Pescara)
19ª tappa, 1ª semitappa Giro d'Italia (San Pellegrino > Como)
  • 1938 (Lygie, una vittoria)
1ª tappa Giro d'Italia (Milano > Torino)
  • 1939 (UC Modenese, una vittoria)
Milano-Modena

Altri successi modifica

  • 1935 (A.S. Roma di Parigi)
Criterium degli Assi - Milano[2]

Pista modifica

Giochi della X Olimpiade, Inseguimento a squadre (con Paolo Pedretti, Nino Borsari e Alberto Ghilardi)

Piazzamenti modifica

Grandi Giri modifica

1937: 26º
1938: ritirato

Classiche monumento modifica

1937: 3º

Competizioni mondiali modifica

Note modifica

  1. ^ a b MARCO CIMATTI dell'A.S. ROMA vittorioso nella PARIGI-EVREUX, in Il Littoriale, Anno IX, n. 97, 23 aprile 1935, p. 2. URL consultato il 30 luglio 2023.
  2. ^ CIMATTI vince a 41 km. all'ora il CRITERIUM di MILANO precedendo BOVET e CAMUSSO fuggiti con lui al 26º giro, in Il Littoriale, Anno IX, n. 114, 13 maggio 1935, p. 2. URL consultato il 30 luglio 2023.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica