Apri il menu principale

Maruzzella (film 1956)

film del 1956 diretto da Luigi Capuano
Maruzzella
Paese di produzioneItalia
Anno1956
Durata92 min
Generedrammatico, sentimentale, musicale
RegiaLuigi Capuano
SoggettoLuigi Capuano, Alfredo Giannetti
SceneggiaturaLuigi Capuano, Alfredo Giannetti
ProduttoreFortunato Misiano
Casa di produzioneRomana Film
Distribuzione in italianoSiden Film
FotografiaAugusto Tiezzi
MontaggioRenato Scandolo
MusicheMichele Cozzoli
ScenografiaAlfredo Montori
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Maruzzella è un film del 1956 diretto da Luigi Capuano.

La pellicola, a carattere musicale, è ascrivibile al filone dei melodrammi sentimentali strappalacrime (ribattezzato in seguito dalla critica neorealismo d'appendice).

Il titolo del film è ispirato all'omonima canzone napoletana, presente nella colonna sonora.

TramaModifica

Maruzzella è una ragazza che è rimasta orfana di padre; è innamorata in segreto di Salvatore, che però è l'amante della sua matrigna, Donna Carmela, che ha sempre maltrattato la figliastra. Salvatore non si è accorto dell'amore della ragazza e la considera ancora una bambina. Donna Carmela avrebbe intenzione di farsi sposare da Salvatore e intanto usa il patrimonio del marito defunto a spese di Maruzzella, legittima erede secondo il testamento nascosto dal ragionier Caputo, che lo fa in quanto innamorato di donna Carmela. In casa di Salvatore arrivano due amici musicisti, Renato e Gegè: sono poveri e Maruzzella cerca di aiutarli, organizzando un incontro con un impresario che propone al loro quartetto un vantaggioso contratto a Roma. Intanto il ragioniere Caputo, geloso di Carmela e Salvatore, racconta a Maruzzella le tresche della matrigna, e la ragazza scappa di casa per raggiungere a Roma Renato, innamorato di lei (e che ha scritto una canzone intitolata Maruzzella). Carmela e il ragioniere, durante una burrascosa discussione sulla spiaggia rocciosa provocata dalla gelosia di Caputo, precipitano dal promontorio morendo sulle rocce. Dopo questo tragico epilogo, che rivela a Salvatore tutta la situazione, egli corre a Roma dopo aver ricevuto una lettera in cui Renato gli chiede il consenso per sposare Maruzzella. In realtà la lettera è un trucco per richiamare l'attenzione di Salvatore, il quale capisce che il suo sentimento è corrisposto mentre Renato, che ha amato in segreto Maruzzella, si rassegna a questa soluzione.

ProduzioneModifica

Le coreografie del film sono state curate da Elena Sedlak.

DistribuzioneModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema