Apri il menu principale
Miseria della filosofia
Titolo originaleMisère de la philosophie
lang=it
AutoreKarl Marx
1ª ed. originale1847
Generesaggio
Sottogenereeconomia politica
Lingua originalefrancese

Miseria della filosofia è un'opera scritta da Karl Marx tra la fine del 1846 e l'inizio di aprile 1847. Fu pubblicata in francese nel 1847, a Parigi da A. Frank e Bruxelles da C. G. Vogler.

In essa Marx critica con toni aspri[1] gli argomenti economici e filosofici dell'opera di Pierre-Joseph Proudhon Sistema delle contraddizioni economiche, anche conosciuta come “Filosofia della miseria”, esponendo quelli che in seguito definirà «i punti decisivi della nostra (sua e di Engels - nda) concezione».[2]

Marx contesta l'idea di Proudhon secondo la quale «il valore del lavoro è un'espressione figurata», asserendo che il valore della forza-lavoro è un fattore imprescindibile nella produzione delle merci e non una semplice idealizzazione. Nella Miseria della filosofia Marx fa grandi passi avanti verso l'elaborazione della teoria del valore,[3] che sarà poi uno degli argomenti principali dell'opera Il Capitale.

Lenin, nel suo saggio Carlo Marx, osserva che in quest'opera «vengono esposti il programma e la tattica delle lotte economiche e del movimento sindacale per alcuni decenni, per tutto il lungo periodo di preparazione delle forze del proletariato "per la futura battaglia"».[4]

CriticaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Teoria marxiana del valore e Teorie del valore.

La teoria del valore cui si ispira Marx è quella di Adam Smith e David Ricardo e verrà fortemente contestata dalla teoria del marginalismo.

NoteModifica

  1. ^ «Proudhon vuole essere la sintesi. Ed è invece un errore composto. Vuole librarsi come uomo di scienza al disopra dei borghesi e dei proletari; e non è che il piccolo borghese, sballottato costantemente fra il capitale e il lavoro, fra l'economia politica e il comunismo.»
  2. ^ Hosea Jaffe, Marx e il colonialismo, Milano, Jaca Book, 1976, p. 51. URL consultato il 27 aprile 2010.
  3. ^ Hosea Jaffe, pag. 53
  4. ^ Vladimir Il'ich Lenin, Carlo Marx, traduzione di Palmiro Togliatti, Roma, Robin Edizioni IT, 2000, pp. 49-50, ISBN 88-86312-34-2. URL consultato il 28 aprile 2010.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN188322603 · GND (DE4256656-3 · BNF (FRcb119382150 (data)
  Portale Comunismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di comunismo