Apri il menu principale
Montechiaro Denice
ex comune
Localizzazione
StatoItalia Italia
ProvinciaProvincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
CircondarioAcqui
MandamentoSpigno Monferrato
Amministrazione
CapoluogoMontechiaro Piana
Data di istituzione2 giugno 1929
Data di soppressione3 luglio 1946
Territorio
Coordinate
del capoluogo
44°36′N 8°21′E / 44.6°N 8.35°E44.6; 8.35 (Montechiaro Denice)Coordinate: 44°36′N 8°21′E / 44.6°N 8.35°E44.6; 8.35 (Montechiaro Denice)
Altitudine190[1] m s.l.m.
Superficie24,96 km²
Abitanti1 691[2] (1936)
Densità67,75 ab./km²
Comuni confinantiPonti, Castelletto d'Erro, Cartosio, Malvicino, Spigno Monferrato, Mombaldone (AT), Roccaverano (AT), Monastero Bormida (AT)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Codice statistico006816
Cod. catastaleF472
Cartografia
Mappa di localizzazione: Regno d'Italia
Montechiaro Piana
Montechiaro Piana

Montechiaro Denice è stato un comune sparso italiano di 1 691 abitanti, parte della provincia di Alessandria, in Piemonte. Il comune fu il risultato della fusione dei due comuni soppressi di Montechiaro d'Acqui e di Denice, entrambi nella provincia di Alessandria, eseguita nel 1929 nell'ambito delle migliaia di fusioni imposte in epoca fascista. I due comuni torneranno alla propria autonomia nel 1946 e ciò portò di conseguenza alla cessazione del comune di Montechiaro Denice.

Indice

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti

 

[3][4]

Geografia antropicaModifica

La sede del comune era Montechiaro Piana, attualmente frazione del comune di Montechiaro d'Acqui e situata vicino al confine fra i due comuni (il fiume Bormida). Tale spostamento si accompagnò a un progressivo spostamento della popolazione di Montechiaro dall'ex capoluogo, situato in collina, all'ex frazione, situata nella pianura lungo la strada statale 30 di Val Bormida e dotata di collegamento ferroviario grazie alla stazione di Montechiaro-Denice. Lo spostamento della popolazione continuerà anche nel dopoguerra, nonostante il ritorno del comune nella sua vecchia sede in seguito alla ricostituzione dei due antichi comuni.[5]

NoteModifica

  1. ^ Il comune in breve, su Comune di Montechiaro d'Acqui.
  2. ^ Censimento del 1936 (PDF), su ebiblio.istat.it, p. 2. URL consultato il 23 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2018).
  3. ^ Elenco dei comuni del Regno e popolazione residente e presente al 21 aprile 1931 (PDF), su ISTAT. URL consultato il 23 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2018).
  4. ^ VIII Censimento generale della popolazione (PDF), su ISTAT. URL consultato il 23 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2018).
  5. ^ Luca Giana, Schede storico-territoriali dei comuni del Piemonte - Comune di Montechiaro d'Acqui (PDF), su Regione Piemonte - archivi web Guarini. URL consultato il 23 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2016).
  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte