Apri il menu principale
Cambio della guardia (MVSN) davanti al palazzo della mostra
Picchetto di Camicie Nere davanti al palazzo

La Mostra della Rivoluzione fascista fu un evento celebrativo del decennale dell'avvento al potere di Benito Mussolini che si tenne per due anni esatti al Palazzo delle Esposizioni di Roma dal 28 ottobre 1932 al 28 ottobre 1934; essa registrò oltre 4 milioni di visitatori.

Fu riproposta nelle due riedizioni successive del 1937 e del 1942, in coincidenza con le ricorrenze quinquennali della marcia su Roma, non ottenendo analogo successo di pubblico.

Indice

La mostra del decennaleModifica

Direttore e ideatore della mostra del 1932 fu Dino Alfieri che si avvalse della collaborazione di Luigi Freddi e di Cipriano Efisio Oppo. Progettisti della struttura erano gli architetti Adalberto Libera e Mario De Renzi.

La mostra illustrava l'evolversi della rivoluzione fascista ed era suddivisa in 13 sale espositive che, nell'ottica interpretativa fascista, ripercorrevano gli avvenimenti della storia d'Italia dal 1914 al 1922.

Fin dagli esordi la mostra fu concepita non come una rappresentazione oggettiva dei fatti, basata unicamente dall'esposizione di documenti storici, ma come un'opera celebrativa e di propaganda che doveva influenzare e coinvolgere emotivamente i visitatori. Per questo motivo, accanto agli storici furono chiamati a collaborare esponenti di varie correnti artistiche dell'epoca tra i quali Mario Sironi, Enrico Prampolini, Gerardo Dottori, Adalberto Libera e Giuseppe Terragni.

Le saleModifica

 
La spalletta del ponte sull'Arno dove Giovanni Berta fu ucciso fu poi asportata ed esposta nel corso della Mostra della Rivoluzione fascista

Nel 1932 le sale della mostra erano le seguenti:

Edizione del 1937Modifica

La mostra del VentennaleModifica

BibliografiaModifica

  • Jeffrey T. Schnapp, Anno X - La mostra della Rivoluzione fascista del 1932, Istituti Editoriali e Poligrafici Internazionali, Pisa, 2003
  • Antonella Russo, Il fascismo in mostra, Editori Riuniti, Roma, 1999
  • Alessandra Capanna, Mostra della Rivoluzione fascista, Testo & Immagine, Torino, 2004
  • Paola S. Salvatori, La seconda Mostra della Rivoluzione fascista, in "Clio", XXXIX, 3, 2003, pp. 439–459.
  • Maddalena Carli, Immagini, rivoluzioni, frontiere. Sguardi francesi sulla Mostra della rivoluzione fascista del 1932, in Vers une Europe latine. Acteurs et enjeux des échanges culturels entre la France et l'Italie fasciste, a cura di Catherine Fraixe, Lucia Piccioni e Christophe Poupault, Paris, Peter Lang/INHA, 2014, pp. 97-113
  • Maddalena Carli, Par la volonté du Chef et par l'oeuvre du Parti. Le mythe du chef dans le Guide Historique de l'Exposition de la Révolution Fasciste, «Cahiers du Centre de Recherches Historiques», Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales (EHESS) - Paris, Dossier “Regards sur l'histoire culturelle”, n. 31, avril 2003, pp. 93-108

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica