Nathan Adrian

nuotatore statunitense
Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo cestista, vedi Nathan Adrian (cestista).

Nathan Ghar-jun Adrian (Bremerton, 7 dicembre 1988) è un nuotatore statunitense speciallizzato nello stile libero, campione olimpico dei 100 m stile libero a Londra 2012.

Nathan Adrian
Nathan Adrian ai Giochi olimpici di Rio 2016.
Nazionalità Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 198 cm
Peso 100 kg
Nuoto
Specialità 50 e 100 m stile libero
Società University of California, Berkeley
Record
50 m sl 21"37 (2015)
100 m sl 47"52 (2012)
Palmarès
Competizione Ori Argenti Bronzi
Giochi olimpici 5 1 2
Mondiali 10 4 2
Mondiali in vasca corta 2 1 0
Campionati panpacifici 6 2 1
Giochi panamericani 2 3 0

Vedi maggiori dettagli

Statistiche aggiornate all'11 agosto 2019

Biografia modifica

Specializzato nello stile libero, ha vinto due medaglie d'oro ai mondiali in vasca corta 2008: nella staffetta 4x100 m stile libero e nei 100 m stile libero davanti a Filippo Magnini. Inoltre è arrivato secondo nei 100 m misti.

Ai Giochi di Pechino nel 2008 ha partecipato alle batterie della staffetta 4x100 m stile libero stabilendo anche il nuovo record del mondo, che però verrà battuto dai frazionisti americani in finale (Michael Phelps, Garret Weber-Gale, Cullen Jones e Jason Lezak) ma anche dai francesi, secondi, dagli australiani, terzi, e dall'Italia e dalla Svezia rispettivamente quarta e quinta.

Nel 2009 ai Mondiali di Roma insieme a Michael Phelps, Matthew Grevers e Ryan Lochte ha partecipato alla finale della staffetta 4x100 m stile libero vincendo l'oro.

Ai Giochi PanPacifici del 2010 a Irvine ha vinto i 50 ed i 100 stile libero e le staffette 4x100 stile libero e mista. Nel 2011 ai Campionati mondiali di Shanghai ottiene il 6º posto nella finale dei 100 stile libero vinti dall'australiano James Magnussen ed il 4, anche se per solo 1 centesimo, nei 50 stile libero vinti dal brasiliano César Cielo.

Ai Giochi Olimpici di Londra nel 2012 vince i 100 stile libero, battendo per solo un centesimo il campione del mondo Magnussen; pochi giorni dopo vince anche l'oro nella staffetta 4x100 m mista con Matthew Grevers dorsista, Brendan Hansen ranista e Michael Phelps delfinista; ottiene inoltre un argento nella 4x100 m stile libero dietro alla Francia.

Nel gennaio 2019 ha reso noto di essere stato colpito da un tumore ai testicoli, individuato precocemente dai medici e per cui ha già iniziato una terapia.[1] Ha dichiarato di voler provare a competere per i giochi olimpici di Tokyo 2020 nonostante la malattia.[2]

Palmarès modifica

Giochi olimpici   50 m sl 100 m sl 4×100 m sl 4×100 m misti -
Pechino 2008
  Cina
- - Oro
3'08"24
[3]  
- -
Londra 2012
  Regno Unito
- Oro
47"52
Argento
3'10"38
Oro
3'29"35
-
Rio de Janeiro 2016
  Brasile
Bronzo
21"49
Bronzo
47"85
Oro
3'09"92
Oro
3'27"95
 
-
Mondiali 50 m sl 100 m sl 4×100 m sl 4×100 m misti 4×100 m sl mista
Roma 2009
  Italia

21"49
10º (sf)
48"13
Oro
3'09"21
Oro
3'27"28
[3]  
-
Shanghai 2011
  Cina

21"93

48"23
Bronzo
3'11"96
Oro
3'32"06
-
Barcellona 2013
  Spagna

21"60
Bronzo
47"84
Argento
3'11"42
squalificati
in finale
-
Kazan 2015
  Russia
Argento
21"52

48"31
- Oro
3'29"93
Oro
3'23"05
 
Budapest 2017
  Ungheria
10º (sf)
21"83
Argento
47"87
Oro
3'10"06
Oro
3'27"91
Oro
3'19"60
 
Gwangju 2019
  Corea del Sud
- - Oro
3'09"06
 
Argento
3'28"45
Oro
3'19"40
 
Mondiali in vasca corta 50 m sl 100 m sl 4×100 m sl 4×100 m misti -
Manchester 2008
  Regno Unito
- Oro
46"67
Oro
3'08"44
 
Argento
3'24"38
-
Campionati panpacifici 50 m sl 100 m sl 4×100 m sl 4×100 m misti -
Irvine 2010
  Stati Uniti
Oro
21"55
Oro
48"15
Oro
3'11"74
Oro
3'32"48
-
Gold Coast 2014
  Australia
Bronzo
21"80
Argento
48"30
Argento
3'13"36
Oro
3'29"94
-
Tokyo 2018
  Giappone
- - - Oro
3'30"20
-
Giochi panamericani 50 m sl 100 m sl 4×100 m sl 4×100 m misti 4×100 m sl mista
Lima 2019
  Perù
Argento
21"87
Argento
48"17
Argento
3'14"94
Oro
3'30"25
Oro
3'24"84

International Swimming League modifica

Stagione 2019
  LA Current

Note modifica

  1. ^ Nuoto, Adrian shock: "Ho il cancro ma lotto per gareggiare a Tokyo 2020", su Repubblica.it, 25 gennaio 2019. URL consultato il 26 gennaio 2019.
  2. ^ Nuoto, shock Nathan Adrian: "Ho il cancro ma a Tokyo 2020 voglio esserci", su Il Sole 24 Ore. URL consultato il 26 gennaio 2019.
  3. ^ a b In questa occasione Nathan Adrian ha gareggiato unicamente in batteria. Il risultato indicato si riferisce alla finale.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica