Campionati mondiali di nuoto in vasca corta

Campionati mondiali di nuoto in vasca corta
SportSwimming pictogram.svg Nuoto
OrganizzatoreFINA
Cadenzabiennale
Sito Internetfina.org
Storia
Fondazione1993
Numero edizioni15
Ultima edizioneAbu Dhabi 2021
Prossima edizioneTBA 2022

I campionati mondiali di nuoto in vasca corta sono una manifestazione organizzata dalla FINA dedicata alle gare di nuoto in piscina non olimpica (25 metri). La rassegna si svolge biennalmente, dal 2000 negli anni pari.

ProgrammaModifica

Le gare disputate sono state 32 nelle prime tre edizioni. Nel 1999 sono diventate 40 con l'introduzione dei 50 metri negli stili dorso, rana e delfino e dei 100 metri misti. Dall'edizione del 2014 le gare sono 46. Questo l'elenco delle gare disputate:

  • Stile libero: 50 m, 100 m, 200 m, 400m, 800 m (solo femminili), 1500 m (solo maschili).
  • Dorso: 50 m, 100 m, 200 m.
  • Rana: 50 m, 100 m, 200 m.
  • Delfino: 50 m, 100 m, 200 m.
  • Misti: 100 m, 200 m, 400 m.
  • Staffette: 4x50 m stile libero, 4x100 m stile libero, 4x200 m stile libero, 4x50 m misti, 4x100 m misti;
  • Staffette a squadre miste: 4x50 m stile libero, 4x50 m mista.

EdizioniModifica

No. Anno Sede Date Gare n° atl. n° naz. Miglior nazione
I 1993 Palma di Maiorca
(  Spagna)
2 - 5 dicembre 32 313 46   Cina
(10/5/1)
II 1995 Rio de Janeiro
(  Brasile)
30 novembre - 3 dicembre 32 350 57   Australia
(12/7/7)
III 1997 Göteborg
(  Svezia)
17 - 20 aprile 32 501 71   Australia
(9/2/8)
IV 1999   Hong Kong 1º - 4 aprile 40 516 61   Australia
(9/11/6)
V 2000 Atene
(  Grecia)
16 - 19 marzo 40 563 78   Stati Uniti
(9/7/10)
VI 2002 Mosca
(  Russia)
3 - 6 aprile 40 599 92   Australia
(10/7/1)
VII 2004 Indianapolis
(  Stati Uniti)
7 - 11 ottobre 40 502 94   Stati Uniti
(21/7/8)
VIII 2006 Shanghai
(  Cina)
5 - 9 aprile 40 578 116   Australia
(12/9/4)
IX 2008 Manchester
(  Regno Unito)
9 - 13 aprile 40 636 117   Stati Uniti
(10/6/1)
X 2010 Dubai
(  Emirati Arabi Uniti)
15 - 19 dicembre 40 780 148   Stati Uniti
(12/6/7)
XI 2012 Istanbul
(  Turchia)
12 - 16 dicembre 40 958 162   Stati Uniti
(11/8/8)
XII 2014 Doha[1]
(  Qatar)
3 - 7 dicembre 46 968 174   Brasile
(7/1/2)
XIII 2016 Windsor
(  Canada)
6 - 11 dicembre 46 172   Stati Uniti
(8/15/7)
XIV 2018 Hangzhou
(  Cina)
7 - 11 dicembre 46 171   Stati Uniti
(17/15/4)
XV 2021[2] Abu Dhabi
(  Emirati Arabi Uniti)
16 - 21 dicembre 46 943 183   Stati Uniti
(9/9/12)
XVI 2022 TBA
( )
XVII 2024 Budapest
(  Ungheria)

Medagliere complessivoModifica

(Aggiornato a Abu Dhabi 2021)

Pos. Paese        
1   Stati Uniti 126 114 95 335
2   Australia 79 89 73 241
3   Cina 46 42 40 128
4   Russia 34 35 48 117
5   Svezia 32 25 21 78
6   Paesi Bassi 23 27 22 72
7   Brasile 23 9 23 55
8   Gran Bretagna 22 42 41 105
9   Ungheria 21 11 10 42
10   Germania 20 27 25 72
11   Sudafrica 20 17 7 44
12   Giappone 19 14 23 56
13   Ucraina 15 12 14 41
14   Canada 13 23 18 54
15   Italia 11 30 25 66
16   Danimarca 10 5 16 31
17   Spagna 9 4 8 21
18   Francia 7 9 8 24
19   Slovacchia 7 5 5 17
20   Cuba 6 1 2 9
21   Finlandia 5 5 4 14
22   Lituania 5 5 2 12
23   Croazia 5 1 3 9
24   Polonia 4 7 15 26
25   Giamaica 4 4 2 10
26   Venezuela 4 2 1 7
27   Corea del Sud 4 2 0 6
28   Zimbabwe 4 0 1 5
29   Costa Rica 4 0 0 4
30   Slovenia 3 7 3 13
31   Nuova Zelanda 3 5 4 12
32   Bielorussia 3 2 3 8
33   Austria 2 6 2 10
34   Tunisia 2 2 3 7
35   Israele 2 0 2 4
36   Hong Kong 2 0 1 3
37   Norvegia 1 2 3 6
38   Argentina 1 2 2 5
39   Kazakistan 1 0 3 4
40   Romania 0 3 4 7
41   Rep. Ceca 0 2 1 3
42   Svizzera 0 1 5 6
43   Trinidad e Tobago 0 1 2 3
  Irlanda 0 1 2 3
45   Algeria 0 1 1 2
46   Moldavia 0 1 0 1
  Portogallo 0 1 0 1
48   Belgio 0 0 2 2
49   Bahamas 0 0 1 1
  Bosnia ed Erzegovina 0 0 1 1
  Fær Øer 0 0 1 1
  Grecia 0 0 1 1
  Porto Rico 0 0 1 1
  Serbia 0 0 1 1
  Turchia 0 0 1 1
Totale 602 605 602 1809

NoteModifica

  1. ^ Catania, sede designata inizialmente, ha poi rinunciato all'organizzazione dell'evento ( Nuoto: Mondiali in vasca corta 2014. Mancata formalizzazione degli impegni della Regione Siciliana. Catania rinuncia, in Federnuoto.it, 14 novembre 2011. URL consultato il 14 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2012).).
  2. ^ Posticipati nel 2021 a causa della pandemia di COVID-19.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Nuoto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nuoto