Apri il menu principale

Navigator - Un'odissea nel tempo

film del 1988 diretto da Vincent Ward
Navigator - Un'odissea nel tempo
Navigator1988.png
Hamish McFarlane nel ruolo di Griffin
Titolo originaleThe Navigator: a Medieval Odyssey
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneAustralia, Nuova Zelanda
Anno1988
Durata90 min
Dati tecniciB/N e a colori
rapporto: 1,85:1
Generefantastico
RegiaVincent Ward
SoggettoVincent Ward
SceneggiaturaGeoff Chapple, Kely Lyons
ProduttoreJohn Maynard
Casa di produzioneEagle Pictures
FotografiaGeoffrey Simpson
MontaggioJohn Scott
MusicheDavood A. Tabrizi
ScenografiaSally Campbell
CostumiGlenys Jackson
TruccoMarjory Hamlin[1]
Interpreti e personaggi

Navigator - Un'odissea nel tempo (The Navigator: a Medieval Odyssey) è un film del 1988 diretto da Vincent Ward.

TramaModifica

Cumberland, 1348. La peste nera dilaga e miete vittime in Europa, non risparmiando neanche un piccolo villaggio di minatori dove, un gruppo di persone, su indicazioni della visione profetica di un ragazzo del posto, Griffin, intraprende un viaggio per salvare il paese. La soluzione contro l'epidemia è issare una croce di rame su di un campanile. Scavano così un tunnel nella montagna, finendo inspiegabilmente in Nuova Zelanda nell'anno 1988. Dopo numerosi imprevisti nella moderna metropoli, Griffin e Connor, suo fratello maggiore, tentano l'impresa con successo. La malattia sembra debellata del tutto, ma si scopre che Connor ha contratto la peste e che ha contagiato il fratello. Griffin muore, senza sapere che tale morte avrebbe comportato la salvezza del villaggio.

ProduzioneModifica

Il film è stato girato in diverse aree della Nuova Zelanda, tra cui Auckland, Wellington, Ruapehu e nelle Alpi meridionali.[2]

DistribuzioneModifica

In Francia è conosciuto con il titolo Le navigateur: une odyssée médiévale; in Spagna Navigator, una odisea en el tiempo; in Finlandia Aikasuunnistaja; in Polonia Nawigator.

AccoglienzaModifica

Il film venne selezionato ufficialmente per entrare in concorso al Festival di Cannes 1988,[4] dove fu accolto con una standing ovation di cinque minuti.[2]

RiconoscimentiModifica

  • 1988 - AACTA Awards
    • Migliore fotografia a Geoffrey Simpson
    • Migliori costumi a Glenys Jackson
    • Miglior montaggio a John Scott
    • Miglior produzione a Sally Campbell
    • Miglior regista a Vincent Ward
    • Migliore film a John Maynard
  • 1988 - Sitgest
    • Miglior film a Vincent Ward
  • 1988 - Fantafestival
    • Miglior film
  • 1989 - Fantasporto
    • Migliore fotografia a Geoffrey Simpson

CandidatureModifica

NoteModifica

  1. ^ Con il nome di Margorie Hamlin.
  2. ^ a b Helen Martin, Sam Edwards, New Zealand Film, 1912-1996, Auckland, Oxford University Press, 1997.
  3. ^ In televisione è conosciuto come Der Navigator - Eine mittelalterliche Odyssee.
  4. ^ Festival de Cannes: The Navigator: A Medieval Odyssey, su festival-cannes.com. URL consultato il 27 luglio 2009.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN218117028 · GND (DE4627111-9 · WorldCat Identities (EN218117028
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema