Apri il menu principale

Niccolò Pietro Bargellini

patriarca cattolico e diplomatico italiano
Niccolò Pietro Bargellini
patriarca della Chiesa cattolica
Template-Patriarch (Latin Rite) Interwoven with gold.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato1630 a Bologna
Nominato arcivescovo4 luglio 1665 da papa Alessandro VII
Consacrato arcivescovo2 agosto 1665 dal cardinale Girolamo Boncompagni
Elevato patriarca8 maggio 1690 da papa Alessandro VIII
Deceduto24 settembre 1694 a Roma
 

Niccolò Pietro Bargellini (Bologna, 1630Roma, 24 settembre 1694) è stato un patriarca cattolico e diplomatico italiano.

BiografiaModifica

Figlio di Ippolito, si laureò in utroque iure e si trasferì a Roma dove iniziò la sua carriera ecclesiastica come referendario delle segnature, poi protonotario apostolico e canonico di Bologna. Il 4 luglio 1665 fu nominato arcivescovo titolare di Tebe e consacrato dal cardinale Girolamo Boncompagni il 2 agosto. Allo stesso tempo fu nominato nunzio apostolico nel ducato di Savoia, dopo gli incarichi governativi svolti a Fano, Montalto, Ascoli, Campagna e Marittima, Urbino, e in ultimo Perugia.[1]

Fu scelto come nunzio apostolico a Parigi da papa Clemente IX, col benestare di Luigi XIV, e consigliato da Hugues de Lyonne, su proposta dell'ambasciatore francese a Torino, Abel Servien.[1] Il compito di Bargellini era la ricerca di una soluzione concordata fra la Santa Sede e i vescovi giansenisti, nominati dal re. Luigi XIV lo contrastò nel raccogliere le informazioni canoniche sui vescovi designati a coprire le relative diocesi.[1]

Clemente IX non contento delle soluzioni raggiunte, che avvantaggiavano soltanto i vescovi francesi, lo declassò dal suo incarico trasferendolo alla legazione di Avignone, dove rimase per venti anni, ignorato dalla Santa Sede. Luigi XIV non accettò le successive nomine alla nunziatura, preferendo Bargellini a cui promise il suo sostegno.[1]

Richiamato a Roma, gli fu negata la creazione cardinalizia, sempre promessa ai nunzi di Parigi, preferendo la nomina a patriarca titolare di Gerusalemme.[1]

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e DBI.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN304920219 · ISNI (EN0000 0004 1631 539X · BAV ADV12631609 · WorldCat Identities (EN304920219