Nicole Garcia

attrice, regista e sceneggiatrice francese
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la wrestler e modella statunitense, vedi Nicole Garcia (wrestler).

Nicole Garcia (Orano, 22 aprile 1946) è un'attrice, regista e sceneggiatrice francese.

Nicole Garcia alla cerimonia per l'annuncio delle candidature ai premi César 2017.

BiografiaModifica

Nata ad Orano, nell'allora Algeria francese, da una famiglia francese di origini spagnole da parte di padre, Nicole Garcia si trasferisce in Francia agli inizi degli anni sessanta. Iscrittasi all'università, contemporaneamente inizia a prendere lezioni di recitazione.

Il suo primo ruolo cinematografico risale al 1967 con il film Des garçons et des filles, ma solo nel 1974 viene notata da pubblico e critica grazie al film Che la festa cominci..., diretto da Bertrand Tavernier. È l'inizio di un periodo particolarmente felice e prolifico, durante il quale lavora con registi come Jacques Rivette, Gillo Pontecorvo, Alain Resnais e Bertrand Blier, coronato dal premio César per la migliore attrice non protagonista vinto nel 1980 per Le Cavaleur di Philippe de Broca, a cui seguiranno altre tre candidature come attrice protagonista.

Negli anni novanta inizia una nuova carriera in veste di regista e sceneggiatrice: nei suoi film affronta spesso la complessità dei rapporti umani, in particolar modo all'interno del nucleo familiare. Con film come Le fils préféré - Ospiti pericolosi (1994), Place Vendôme (1998), L'avversario (2002), Quello che gli uomini non dicono (2005) e Mal di pietre (2016) concorre a diversi festival cinematografici internazionali quali Cannes e Venezia, continuando a ottenere candidature ai César.

Garcia ha due figli maschi, uno dei quali è l'attore e cantante Pierre Rochefort, nato dal matrimonio (poi fallito) con l'attore Jean Rochefort.

FilmografiaModifica

AttriceModifica

CinemaModifica

 
Nicole Garcia in Partenaires (1984).

TelevisioneModifica

Regista e sceneggiatriceModifica

RiconoscimentiModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN64117608 · ISNI (EN0000 0001 0909 1840 · LCCN (ENno97059916 · GND (DE141423811 · BNF (FRcb125416799 (data) · BNE (ESXX1061784 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no97059916