Nobili intenzioni

film del 2015 diretto da Joram Lürsen
Nobili intenzioni
Nobili intenzioni.jpg
Vedder (Gijs Scholten van Aschat) e Anijs (Jacob Derwig) in una scena del film
Titolo originalePublieke werken
Lingua originaleolandese
Paese di produzionePaesi Bassi
Anno2015
Durata115 min
Generedrammatico, storico
RegiaJoram Lürsen
SceneggiaturaThomas Rosenboom, Frank Ketelaar
ProduttoreJózsef Berger, Judith Csernai, Joost de Wolf, Hans Everaert, Arnold Heslenfeld, Dirk Impens, Laurette, Schillings, Judit Schmidt, Han van der Werff, Frans van Gestel, Zsofia Varszegi
Distribuzione in italianoNetflix
FotografiaMark van Aller
MontaggioPeter Alderliesten
MusicheMerlijn Snitker
CostumiLinda Bogers
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Nobili intenzioni (Publieke werken) è un film olandese del 2015 diretto da Joram Lürsen e sceneggiato da Thomas Rosenboom e Frank Ketelaar.

L'opera è basata sull'omonimo romanzo di Thomas Rosenboom relativo alla travagliata costruzione del Victoria Hotel di Amsterdam.[1]

TramaModifica

Nell'industriale Amsterdam del 1888 Vedder, un liutaio, viene invitato dall'apposito addetto a cedere la propria casa a una compagnia edile dato che su quel lotto, e su quegli adiacenti, essa ha intenzione di edificare l'hotel Victoria per incanalare il nuovo afflusso di persone facoltose derivato dalla nuova stazione centrale cittadina costruita nelle vicinanze. Vedder, che rappresenta anche un suo vicino, è riluttante a vendere le proprietà a causa dell'offerta ritenuta, da lui, troppo bassa. Nel frattempo suo cugino Aniij, farmacista dall'animo estremamente altruista che lavora nella provinca settentrionale dei Paesi Bassi, ha ricevuto da poco l'ammonimento di smetterla di sostituirsi al dottore locale nell'aiutare i contadini del luogo (malgrado il disinteresse di quest'ultimo nei loro confronti) in quanto privo di una laurea in medicina (la professione di farmacista non gli è preclusa anche se, durante gli avvenimenti narrati, non sarebbe possibile il suo esercizio a causa della mancanza della sopracitata laurea ma avendo lui incominciato quando non era richiesta è esonerato dall'obbigo ma non gli è comunque possibile esercitare la professione medica).

Con il tempo i due cugini incominceranno a interessarsi sempre di più alle condizioni miserevoli dei contadini (Vedder aiutandoli a vendere un vecchio violino e Aniij salvando la vita di una ragazza del luogo durante un parto nonostante la morte del nascituro). Per aver praticato illegalmente l'attività medica viene attenzionato dall'apposita commissione ma l'amara notizia non lo ferma dalle sue nobili intenzioni.

Dopo che Vedder ha portato i soldi delle vendita del violino, avvenuta nei confronti del loro terzo cugino (una specie di "traghettatore di migranti" europei verso gli Stati Uniti d'America), a Aniij per farli consegnare ai contadini ai due viene in mente un piano virtuoso in cui, con l'aiuto del loro terzo cugino e della sua agenzia specializzata in emigrazione, andrebbero a sfruttare l'ipotetica somma ricavata dalla vendita della casa di Vedder (che quest'ultimo continua a non voler vendere per meno di 50.000 franchi contro i 20.000-25.000 proposti) per, attraverso dei contratti di restituzione prestiti, far emigrare le povere famiglie contadine negli Stati Uniti al fine di farli avere una vita migliore. Le cose in tal senso sembrano procedere nel migliore dei modi fin quando Vedder viene a scoprire che l'hotel verrà edificato comunque e che il progetto per la sua realizzazione è stato modificato per escludere dall'edificazione i terreni suoi e del suo vicino (di cui continua a farne le veci nonostante la sua forte necessità di denaro per far fronte alle ingenti spese mediche della moglie).

Questa notizia causerà la progressiva pazzia di Vedder portandolo a isolarsi dal resto del mondo ma non ferma i preparativi per la partenza orchestrati dall'igniaro Aniij. Dopo l'imbarco sulla nave delle povere famiglie Aniij viene radiato dalla commissione medica dal poter esercitare come farmacista per come ha gestito il parto della ragazza e subisce un brutto incidente con uno sciame di api che lo costringe al ricovero ospedaliero. Dopo essersi parzialmente ripreso scopre che Vedder non ha venduto l'immobile e che, di conseguenza, non ha versato i soldi necessari per il viaggio e per questo motivo incomincia a crucciarsi pensando a quale orribile destino possa attendere i contadini ormai irraggiungibili e incontattabili. Appena saputa la notizia va alla casa di Vedder, proprio il giorno dell'inauguraziona dell'hotel, nel tentativo di avere delle delucidazioni sulla faccenda. Una volta arrivato Aniij trova Vedder sul tetto dell'edficio in uno stato allucinatorio quando, improvvisamente, quest'ultimo, preso dal delirio, si, involontariamente, suicida.

Aniij si strugge per la morte del cugino e per il possibile atroce destino delle famiglie contadine fin quando gli viene recapitata una lettera nella quale gli viene rivelato che una volta sbarcate in America gli venne impedito (in quanto formalmente clandestine) di entrare liberamente sul suolo americano ma i responsabili, dopo aver controllato l'ormai fallita agenzia preposta (quella gestita dal loro terzo cugino), hanno scoperto il violino venduto a lui da Vedder e di come, dopo un'attenta valutazione, ne hanno riscontrato l'enorme valore permettendo, con la vendita, di andare a coprire le spese per il loro viaggio permettendoli di entrare negli Stati Uniti per farsi una nuova vita piena di opportunità.

DistribuzioneModifica

Il film dopo una distribuzione limitata nelle sale cinematografiche è stato distribuito in tutto il mondo da Netflix.

AccoglienzaModifica

IncassiModifica

L'opera ha incassato complessivamente 1.790.201 dollari americani.

RiconoscimentiModifica

VintiModifica

Sea International Film Festival - 2016Modifica

  • Miglior film (Joram Lürsen)

CandidatureModifica

Nederlands Film Festival - 2016Modifica

Audience Award

  • Miglior film - Joram Lürsen

Golden Calf

  • Miglior film - Frans van Gestel, Arnold Heslenfeld, Laurette Schillings
  • Miglior sceneggiatura per un film - Frank Ketelaar
  • Miglior attore - Gijs Scholten van Aschat
  • Miglior attore - Jacob Derwig
  • Miglior attrice - Rifka Lodeizen
  • Miglior fotografia - Mark van Aller
  • Miglior design sonoro - Herman Pieëte
  • Migliori musiche - Merlijn Snitker
  • Miglior montaggio - Peter Alderliesten
  • Miglior design produttivo - Hubert Pouille

NoteModifica

  1. ^ (NL) bol.com | Publieke werken, Thomas Rosenboom | 9789021412283 | Boeken, su www.bol.com. URL consultato il 20 settembre 2019.

Collegamenti esterniModifica