Nordica

compagnia area di bandiera dell'Estonia
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il soprano statunitense Lillian Nordica, vedi Lillian Nordica.
Nordica
Nordica Canadair CRJ-900ER.jpg
StatoEstonia Estonia
Fondazione2015 a Tallinn
Sede principaleTallinn
ControllateXfly
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Sito webwww.nordica.ee
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATAEE
Codice ICAOEST
Indicativo di chiamataREVAL
Primo volo8 novembre 2015 come Nordic Aviation
30 marzo 2016 come Nordica
HubTallinn
Frequent flyerMiles & More tramite Star Alliance
AlleanzaStar Alliance tramite LOT
Flotta7 (nel 2020)
Destinazioni19
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Nordica (precedentemente Nordic Aviation Group) è la compagnia di bandiera dell'Estonia ed è interamente posseduta dal governo estone. Tutti i voli di Nordica sono operati sotto il certificato di operatore aereo della sua sussidiaria Xfly e vengono gestiti in cooperazione con il vettore polacco LOT.[1]

StoriaModifica

La compagnia è stata fondata il 25 settembre 2015 in seguito alla bancarotta e successiva chiusura della precedente compagnia di bandiera, Estonian Air.[2] Il primo volo è stato effettuato l'8 novembre 2015. A fine 2015 viene fondata la sussidiaria Regional Jet, una compagnia ACMI specializzata in servizi di wet lease, che ha tra i principali clienti Nordic Aviation Group, LOT Polish Airlines e Scandinavian Airlines. La nuova denominazione, Nordica, è stata annunciata nel marzo 2016 ed utilizzata a partire dal 30 marzo 2016.[3] Fino a novembre 2016 i voli di Nordica sono stati operati dal vettore sloveno Adria Airways, in seguito la compagnia ha acquistato propri velivoli ed ha cominciato la collaborazione con LOT, utilizzando il sistema di vendita biglietti, la piattaforma commerciale e il codice di volo di quest'ultima.[1]

Nel novembre 2018 la compagnia ha annunciato la cancellazione di otto rotte previste per l'estate 2019[4] a causa di scarsa profittabilità; il 29 dicembre 2018 ha chiuso la base presso l'Aeroporto di Groninga-Eelde aperta nel marzo dello stesso anno.

La compagnia ha annunciato che dal 27 ottobre 2019 cesserà le sue attività indipendenti come compagnia aerea[5], non operando più voli da o per Vilnius, Copenaghen, Trondheim, Vienna e Kyiv[6]. Diversi servizi cesseranno e i biglietti saranno venduti solo dalla LOT Polish Airlines, che detiene una partecipazione del 49% della compagnia aerea.

I servizi di wet lease e i servizi governativi continuano ad essere esercitati dalla sua sussidiaria, che a febbraio 2020 ha cambiato denominazione in Xfly.

FlottaModifica

A febbraio 2020 la flotta di Nordica è così composta:[7]

Flotta di Nordica
Aereo In servizio In ordine Posti Note
Business Economy
Totale
ATR 72-600 2 70 70
Bombardier CRJ-700 2 70 70
Bombardier CRJ-900 3 88 88
Totale 7

A giugno 2020 la flotta di Xfly è così composta:[8]

 
Un ATR 72 in servizio per Nordica
Flotta di Xfly
Aereo In servizio In ordine Posti Note
Business Economy
Totale
ATR 72-600 8 1 70 70 2 per Nordica, 5 per SAS
Bombardier CRJ-700 2 70 70 2 per Nordica
Bombardier CRJ-900 12 88 88 3 per Nordica, 3 per SAS
Totale 22 1

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Estonian Nordica enters into strategic partnership with Polish LOT, su baltic-course.com, 4 novembre 2016. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  2. ^ (EN) Nordic Aviation Group takes over Estonian Air routes, su ERR.ee, 11 luglio 2015. URL consultato il 5 maggio 2016.
  3. ^ (EN) Estonia’s Nordic Aviation rebrands as Nordica, su ATW. URL consultato il 5 maggio 2016.
  4. ^ (EN) BNS | ERR, Nordica to shut down 8 routes from Tallinn next summer, su ERR, 16 novembre 2018. URL consultato il 2 luglio 2020.
  5. ^ (EN) Nordica to Cease Independent Operations – Aeronautics, su aeronauticsonline.com. URL consultato il 10 ottobre 2019.
  6. ^ (EN) Nordica offers direct flights to Tallinn from destinations all over Europe. Book now!, su www.nordica.ee. URL consultato il 10 ottobre 2019.
  7. ^ (EN) Nordica Fleet Details and History, su Planespotters. URL consultato il 26 gennaio 2017.
  8. ^ Xfly Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 2 luglio 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica