Bombardier CRJ Series

Bombardier CRJ
Austrian Arrows Canadair CRJ-200, OE-LCQ@HAJ,27.07.2007-481by - Flickr - Aero Icarus.jpg
CRJ-200 di Austrian Arrows
Descrizione
TipoAereo di linea regionale
Equipaggio2 Piloti +
2 Assistenti di volo
CostruttoreCanada Bombardier Aerospace (1991-2020)
Giappone Mitsubishi Aircraft Corporation (2020-2021)
Data primo volo10 maggio 1991
Anni di produzione1991-2021
Data entrata in servizio29 ottobre 1992
Esemplari1 945
Sviluppato dalBombardier Challenger serie 600
Altre variantiBombardier Challenger 850
Dimensioni e pesi
Lunghezza26,77 m
Apertura alare21,21 m
Diametro fusoliera2,69 m
Altezza6,22 m
Superficie alare48,35
Peso max al decollo23.134 kg (CRJ200 ER)
24.041 kg (CRJ200 LR)
Passeggeri50
Capacità5 942 kg
Capacità combustibile6 489 kg
Propulsione
MotoreDue turboventole General Electric CF34-3B1
Spinta38,84 kN
Prestazioni
Velocità max0,81 Mach (860 km/h)
Velocità di crociera0,74 Mach (786 km/h)
Autonomia2 491 km (CRJ200 ER)
3 148 km (CRJ200 LR)
Tangenza12 500 m
NoteLe dimensioni, le capacità di carico e i motori variano a seconda delle versioni; i dati riportati si riferiscono alla versione CRJ200

Bombardier CRJ200 - Specifications

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

I Bombardier CRJ (Canadair Regional Jet) sono una famiglia di aerei di linea bimotori utilizzati su rotte regionali oppure di bassa affluenza di passeggeri prodotto a partire dal 1991 da Bombardier e a partire dal 2020 da Mitsubishi Heavy Industries.

Storia del progettoModifica

SviluppoModifica

Nel 1980 Canadair intraprese la realizzazione di una versione allungata del CL-600 in grado di trasportare fino a 50 passeggeri denominata CL-610E, ma il suo sviluppo venne interrotto l’anno successivo. Nel 1987, in seguito all’acquisizione di Canadair da parte di Bombardier, il progetto venne ripreso e rinominato Canadair Regional Jet. Il primo di tre prototipi del CRJ effettuò il suo primo volo sull'Aeroporto Internazionale di Montréal-Pierre Elliott Trudeau il 10 maggio 1991. La sua entrata in servizio avvenne con la compagnia Lufthansa CityLine il 29 ottobre 1992.[1] Il 26 luglio 1993 il primo prototipo venne perso in un incidente durante un volo di prova.[2]

La versione -100 venne prodotta in versione standard, ER (Extended Range) e LR (Long Range); la versione -200 è identica alla -100 ma dotata di motori che consentono di avere un consumo di combustibile inferiore e più alte velocità di crociera.

 
Un CRJ-200LR in servizio per Delta Connection

Dato il successo riscosso dai primi modelli del CRJ e il fallimento dell’acquisizione di Fokker da parte di Bombardier[3], nel 1995 è stato avviato il progetto di una versione denominata CRJ-X e successivamente CRJ-700 che potesse competere con i Fokker F70/F100 e i British Aerospace BAe 146 prevedendo un allungamento della fusoliera, nuovi motori e ali più grandi. Il primo prototipo del CRJ-700 fece il suo primo volo il 27 maggio 1999, mentre il primo esemplare venne consegnato nel 2001 alla francese Brit Air. Per assemblare le versioni allungate venne avviata una nuova linea di produzione presso l’aeroporto Internazionale di Montréal-Mirabel.[1]

Come conseguenza di difficoltà finanziarie e dell’ingresso sul mercato dei più efficienti Embraer E-Jets, nel 2004 Bombardier ridusse la produzione dei CRJ-100 e -200 per concentrarsi sulle versioni -700 e -900.[4] La produzione del CRJ-100 e -200 è stata interrotta definitivamente nel 2006[5].

Nel 2007 è stato lanciato il CRJ-1000, una versione ulteriormente allungata in grado di trasportare fino a 100 passeggeri ed è stato presentato il CRJ-900 NextGen, modifica efficientata della versione -900 che comporta un risparmio di combustibile, seguita nel 2008 dal CRJ-700 NextGen.[1] Il 28 luglio 2009 il CRJ-1000 ha compiuto il suo primo volo.

Vendita a Mitsubishi Heavy IndustriesModifica

Nel novembre 2018 Bombardier ha venduto il CSeries ad Airbus e il Q-Series a Viking Air e ha avviato valutazioni per rendere profittevole il CRJ; il 25 giugno 2019 è stato annunciato che Mitsubishi Heavy Industries e Bombardier avevano avviato i contatti per la vendita della licenza del CRJ e per concedere la produzione, la manutenzione e le vendite del velivolo, oltre che tutte le strutture di servizio correlate, a Mitsubishi Aircraft Corporation[6] dopo che nella seconda metà degli anni '90 un tentativo di partecipazione di MHI nel CRJ era fallito.[7]

Il 1 giugno 2020 Bombardier ha ufficializzato la conclusione dell’affare per un valore di circa $550 milioni;[8] MHI ha annunciato che non avrebbe accettato nuovi ordini, limitando la produzione agli ultimi esemplari da consegnare per concentrare i suoi sforzi nella produzione del Mitsubishi SpaceJet, concepito come concorrente del CRJ.

Il 28 febbraio 2021 è stato consegnato l’ultimo esemplare, un CRJ-900 destinato a SkyWest Airlines da operare per Delta Connection.[9]

TecnicaModifica

 
Cockpit di un CRJ-1000 NextGen

I CRJ-100 e -200 sono derivati direttamente dal CL-600 allungandone la fusoliera di 5,92 m collocando due sezioni di fusoliera davanti e dietro le ali e ridisegnandone ali e carrello per compensare l'aumento di peso massimo al decollo. Il CRJ-700 ha una fusoliera allungata di circa 5,5 m rispetto al CRJ-100 e un'ala ridisegnata e dotata di slat; ulteriori slat sono stati aggiunti sul CRJ-900.

I CRJ-100 sono equipaggiati con due turbofan General Electric CF34-3A1, i CRJ-200 con due CF34-3B1 che consentono un minore consumo di combustibile. I CRJ-700 erano inizialmente equipaggiati con due CF34-8C1 in seguito sostituiti da due CF34-8C5, già in servizio sui CRJ-900, in grado di erogare una spinta sensibilmente maggiore rispetto ai primi.

Gli aerei della famiglia CRJ condividono lo stesso cockpit consentendo ai piloti di conseguire un unico type rating valido per tutte le versioni e di passare ad un'altra versione con un corso di tre giorni[10], ad eccezione della versione -1000 che richiede un type rating diverso.[11]

Impiego operativoModifica

 
Bombardier CRJ-900LR NextGen all'Aeroporto di Milano Linate

Il primo CRJ-100 entrò in servizio con Lufthansa CityLine nel 1992. Le prime versioni trovarono grande diffusione in Nord America, dove aveva preso piede il modello di rete hub and spoke, in quanto a differenza dei narrow body tradizionali i CRJ possono atterrare anche su piccoli aeroporti secondari.

Nel 1999 Bombardier annunciò quella che fu la sua più grande commessa fino ad allora da parte di Northwest Airlines per 54 CRJ-200LR con altri 70 in opzione per un valore complessivo di $1,3 miliardi.[12] Fino al 2001 erano stati consegnati 272 CRJ su un totale di 516 ordini. In aprile 2002 Delta Connection ordinò 500 tra CRJ-200 e -700 per complessivi $10 miliardi; a giugno 2003 la compagnia operava una flotta di 223 CRJ.

A causa dell’inconvenienza degli aerei da 50 posti e della concorrenza di Embraer, dopo il 2010 è iniziata una rapida dismissione delle versioni -100 e -200; a causa dell’obsolescenza del modello; a causa della sua abbondanza nel mercato nordamericano il valore di mercato degli ultimi modelli prodotti nel 2006 è passato da $22 milioni a $2 milioni.[13]

Secondo Bombardier, nel 2015 oltre il 20% dei movimenti di aeromobili nel Nord America coinvolgeva un aereo della serie CRJ.

IncidentiModifica

  • Il 26 luglio 1993 un CRJ-100, registrato C-FCRJ, è precipitato vicino a Wichita durante un volo di collaudo a causa di una perdita di controllo e del conseguente stallo causando la morte dei 3 occupanti.[14]
  • Il 22 giugno 2003 il CRJ-100ER F-GRJS di Brit Air operante il volo Air France 5672 ha impattato contro il suolo a 2 km dall’Aeroporto di Brest Bretagna a causa di raffiche di vento che lo hanno fatto deviare dal glide slope, causando la morte del comandante e il ferimento del primo ufficiale e di 2 dei 21 passeggeri.[15]
  • Il 21 novembre 2004 il volo China Eastern Airlines 5210, operato dal CRJ-200LR B-3072, è precipitato poco dopo il decollo dall'aeroporto di Baotou a causa di ghiaccio sulle ali uccidendo tutti i 53 occupanti e due persone a terra.[16]
  • Il 27 agosto 2006 il volo Comair 5191, operato dal CRJ-100ER N431CA, si è schiantato durante il decollo da una pista errata del Blue Grass Airport di Lexington a causa del superamento della fine della pista causando la morte di 49 occupanti e il ferimento del primo ufficiale, unico sopravvissuto.[17]
  • Il 7 luglio 2008 il CRJ-701ER N706EV di Delta Connection, in fase di manutenzione, ha travolto due CRJ-200ER, N916EV e N975EV dopo che il motore sinistro erogò una spinta sufficiente a fare uscire l’aereo dai cunei causando la dismissione dell’aereo investitore a causa dei danni riportati.[18]
  • Il 12 novembre 2009 il volo RwandAir 205, operato dal CRJ-100ER 5Y-JLD, si è schiantato contro il terminal VIP dell’aeroporto di Kigali-Gregoire a causa del blocco della manetta sinistra causando la morte di un passeggero su 15 occupanti complessivi.[19]
  • Il 4 aprile 2011 un CRJ-100ER di Georgian Airways, registrato 4L-GAE, operante per l'ONU si è schiantato in fase di atterraggio presso l’aeroporto di N'djili a Kinshasa in condizioni di meteo avverso uccidendo 32 dei 33 occupanti.[20]
  • Il 29 gennaio 2013 il CRJ-200ER registrato UP-CJ006 operante il volo SCAT Airlines 760 si è schiantato durante l’avvicinamento all'aeroporto di Almaty a causa di nebbia uccidendo i 21 occupanti.[21]
  • L'8 gennaio 2016 il volo West Air Sweden 294, operato dal CRJ-200PF SE-DUX si è schiantato nel parco nazionale Padjelanta a causa della lettura errata di indicazioni di quota causando la morte dei due piloti.[22]

VariantiModifica

  • CRJ-100: versione originale da 50 posti con due CF34-3A1
  • CRJ-100ER: versione con autonomia aumentata del 20%
  • CRJ-100LR: versione con autonomia aumentata del 40%
  • CRJ-100PF: pacchetto per versione cargo compatibile con tutte le versioni -100[23]
  • CRJ-100SF: pacchetto convertibile passeggeri-cargo dotato di portellone di carico[24]
  • CRJ-200: identico al CRJ-100 ma con due CF34-3B1
  • CRJ-200ER: identico al CRJ-100ER salvo i motori
  • CRJ-200LR: identico al CRJ-100LR salvo i motori
  • CRJ-200PF: identico al CRJ-100PF salvo i motori
  • CRJ-200SF: identico al CRJ-100SF salvo i motori
  • CRJ-440: versione certificata per 44 posti per risultare compatibile con il mercato americano
  • CRJ-700/701/702: versioni da 68/70/78 posti
  • CRJ-700/701/702ER: versioni da 68/70/78 posti con autonomia aumentata
  • CRJ-700/701/702LR: versioni da 68/70/78 posti con ulteriore autonomia
  • CRJ-550: versione da 50 posti in tre classi basata sul CRJ-700 in servizio dal 2019
  • CRJ-900: versione da 76-90 posti
  • CRJ-705: identico al CRJ-900 ma con capienza fino a 75 posti destinato al mercato delle compagnie regionali nordamericane
  • CRJ-1000: versione da 100 posti
  • Challenger 800: versione bizjet basata sul CRJ-200
  • Challenger 870: versione bizjet basata sul CRJ-700

Dati tecniciModifica

Specifiche tecniche
Dati CRJ-100/200[25] CRJ-700[26] CRJ-900[27] CRJ-1000[28]
Codice ICAO CRJ1/CRJ2 CRJ7 CRJ9 CRJX
Equipaggio 2 piloti, da 1 a 3 assistenti di volo
Passeggeri 50 66-78 76-90 97-104
Lunghezza 26,77 m 32,3 m 36,2 m 39,1 m
Altezza 6,22 m 7,6 m 7,5 m
Apertura alare 21,21 m 23,2 m 24,9 m 26,2 m
Superficie alare 48,35 m² 70,6 m² 71,1 m² 77,4 m²
Diametro della fusoliera 2,69 m
MTOW 23 133 kg (ER)

24 041 kg (LR)

34 019 kg 38 330 kg 41 640 kg
OEW 14 016 kg 20 069 kg 21 845 kg 23 188 kg
Massimo carico utile 5 942 kg 8 190 kg 10 247 kg 11 996 kg
Peso massimo del combustibile 6 489 kg 8,888 kg 8,822 kg
Motori (x2) GE CF34-3A1/3B1 GE CF34-8C5B1 GE CF34-8C5 GE CF34-8C5A1
Spinta al decollo (x2) 38,84 kN 56,4 kN 59,4 kN 60,6 kN
Velocità di crociera Mach 0,74 Mach 0,78
Velocità massima Mach 0,81 Mach 0,825 Mach 0,82
Autonomia 2 491 km (ER)

3 148 km (LR)

2 593 km 2 871 km 3 056 km
Quota di tangenza 41 000 ft/12 500 m

Velivoli comparabiliModifica

  Brasile
  Cina
  Giappone
  Regno Unito
  Paesi Bassi
  Russia
    Russia-Ucraina
  Stati Uniti

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Jan-Hendrik Fiedler, The history of the Canadair Regional Jet, su International Flight Network, 26 febbraio 2021. URL consultato il 7 marzo 2021.
  2. ^ (EN) Mr CRJ in CRJ Histories, The History of Canadair Regional Jet MSN 7001, su Winglets, 28 agosto 2012. URL consultato il 7 marzo 2021.
  3. ^ Bombardier Ends Talks With Fokker. | Defense & Aerospace > Aerospace Industry from AllBusiness.com, su web.archive.org, 3 marzo 2009. URL consultato il 7 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2009).
  4. ^ (EN) Bombardier banks on bigger jets, su Flight Global. URL consultato il 7 marzo 2021.
  5. ^ (EN) CRJ200 production halted, su Flight Global. URL consultato il 7 marzo 2021.
  6. ^ (EN) Mitsubishi Heavy Industries to Acquire Canadair Regional Jet Program from Bombardier Inc., su Mitsubishi Heavy Industries, Ltd.. URL consultato il 7 marzo 2021.
  7. ^ (EN) Mitsubishi seeks CRJ-X share, su Flight Global. URL consultato il 7 marzo 2021.
  8. ^ (EN) Bombardier Concludes Sale of the CRJ Series Regional Jet Program to Mitsubishi Heavy Industries, su Bombardier. URL consultato il 7 marzo 2021.
  9. ^ (EN) Final Bombardier CRJ Leaves Assembly, su AirlineGeeks.com, 2 marzo 2021. URL consultato il 7 marzo 2021.
  10. ^ (EN) Cross crewing, su Flight Global. URL consultato il 7 marzo 2021.
  11. ^ FIGURE 5-88, PILOT CERTIFICATE AIRCRAFT TYPE DESIGNATIONS – AIRPLANE, su registry.faa.gov, 17 dicembre 2020.
  12. ^ (ES) El final del Canadair Regional Jet (CRJ): un avión de estirpe ejecutiva, su Aviacionline.com, 1º marzo 2021. URL consultato il 7 marzo 2021.
  13. ^ (EN) E175 Concentration Starts to Impact Values -, su Aircraft Value News, 12 novembre 2018. URL consultato il 7 marzo 2021.
  14. ^ Harro Ranter, ASN Aircraft accident Canadair CL-600-2B19 Regional Jet CRJ-100 C-FCRJ Byers, KS, su aviation-safety.net. URL consultato il 7 marzo 2021.
  15. ^ Harro Ranter, ASN Aircraft accident Canadair CL-600-2B19 Regional Jet CRJ-100ER F-GRJS Brest-Guipavas Airport (BES), su aviation-safety.net. URL consultato il 7 marzo 2021.
  16. ^ Harro Ranter, ASN Aircraft accident Canadair CL-600-2B19 Regional Jet CRJ-200LR B-3072 Baotou Airport (BAV), su aviation-safety.net. URL consultato il 7 marzo 2021.
  17. ^ Harro Ranter, ASN Aircraft accident Canadair CL-600-2B19 Regional Jet CRJ-100ER N431CA Lexington-Blue Grass Airport, KY (LEX), su aviation-safety.net. URL consultato il 7 marzo 2021.
  18. ^ Harro Ranter, ASN Aircraft accident Bombardier CL-600-2C10 Regional Jet CRJ-701ER N706EV Baton Rouge-Ryan Airport, LA (BTR), su aviation-safety.net. URL consultato il 7 marzo 2021.
  19. ^ Harro Ranter, ASN Aircraft accident Canadair CL-600-2B19 Regional Jet CRJ-100ER 5Y-JLD Kigali International Airport (KGL), su aviation-safety.net. URL consultato il 7 marzo 2021.
  20. ^ Harro Ranter, ASN Aircraft accident Canadair CL-600-2B19 Regional Jet CRJ-100ER 4L-GAE Kinshasa-N'Djili Airport (FIH), su aviation-safety.net. URL consultato il 7 marzo 2021.
  21. ^ Harro Ranter, ASN Aircraft accident Canadair CL-600-2B19 Regional Jet CRJ-200ER UP-CJ006 Almaty Airport (ALA), su aviation-safety.net. URL consultato il 7 marzo 2021.
  22. ^ Harro Ranter, ASN Aircraft accident Canadair CL-600-2B19 Regional Jet CRJ-200PF SE-DUX Oajevágge, su aviation-safety.net. URL consultato il 7 marzo 2021.
  23. ^ Package Freighters Specifications, su www2.bombardier.com. URL consultato il 7 marzo 2021.
  24. ^ Package Freighters Specifications, su www2.bombardier.com. URL consultato il 7 marzo 2021.
  25. ^ Bombardier, Bombardier CRJ200 Factsheet (PDF), su www2.bombardier.com, giugno 2006.
  26. ^ MHI RH, MHI RJ CRJ700 Factsheet (PDF), su mhirj-preview-files.s3-us-west-2.amazonaws.com, 2020.
  27. ^ MHI RJ, MHI RJ CRJ900 Factsheet (PDF), su mhirj-preview-files.s3-us-west-2.amazonaws.com, 2020.
  28. ^ MHI RJ, MHI RJ CRJ1000 Factsheet (PDF), su mhirj-preview-files.s3-us-west-2.amazonaws.com, 2020.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • EASA Type-Certificate Data Sheet (PDF), su easa.europa.eu, 6 marzo 2020. URL consultato il 7 marzo 2021.
  • (ENFR) Bombardier CRJ Series, su crj.bombardier.com.
  • (ENFR) Bombardier CRJ200, su crj200.com. URL consultato il 18 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2017).
  • (ENFR) Bombardier CRJ700/5, su crj700.com. URL consultato il 7 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2004).
  • (ENFR) Bombardier CRJ900, su crj900.com. URL consultato il 18 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2006).