Oliveto Citra

comune italiano
Oliveto Citra
comune
Oliveto Citra – Stemma Oliveto Citra – Bandiera
Oliveto Citra – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
ProvinciaProvincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
SindacoCarmine Pignata (lista civica Uniti per Oliveto e per il progresso) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate40°41′22″N 15°13′52″E / 40.689444°N 15.231111°E40.689444; 15.231111 (Oliveto Citra)Coordinate: 40°41′22″N 15°13′52″E / 40.689444°N 15.231111°E40.689444; 15.231111 (Oliveto Citra)
Altitudine300 m s.l.m.
Superficie31,62 km²
Abitanti3 706[1] (30-9-2019)
Densità117,2 ab./km²
FrazioniCasale, Dogana, Ponte Oliveto, Serroni
Comuni confinantiSenerchia (AV), Campagna, Colliano, Contursi Terme, Valva
Altre informazioni
Cod. postale84020
Prefisso0828
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT065083
Cod. catastaleG039
TargaSA
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantiolivetani
Patronosan Macario Abate
Giorno festivo24 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Oliveto Citra
Oliveto Citra
Oliveto Citra – Mappa
Posizione del comune di Oliveto Citra all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Oliveto Citra ('U Lëvìtë' in dialetto locale) è un comune italiano di 3 706 abitanti della provincia di Salerno in Campania, situato nell'alta valle del Sele. Il termine Oliveto deriva dal latino olivetum (cioè uliveto), mentre il termine "Citra" si riferisce all'antico principato che si trovava al di qua dei Monti Picentini, separato dal Principato Ultra.

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Il territorio comunale è in gran parte montuoso e collinare, occupato dalle propaggini sud-orientali dei monti Picentini.

ClimaModifica

La stazione meteorologica più vicina è quella di Contursi Terme. In base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +6,9 °C; quella del mese più caldo, luglio, è di +24,5 °C[2]

Le mofeteModifica

Le mofete di Oliveto Citra rappresentano uno dei geositi presenti in Italia e sono dovute al naturale degassamento del suolo[3]. La più grande è la mofeta Varchera che è anche visibile da satellite. Le mofete che non sorgono all'interno di stagni si presentano sterili e brulle a causa dei gas velenosi che poche specie sopportano.[senza fonte]

StoriaModifica

Tracce dei primi insediamenti appartengono alla cultura di Oliveto-Cairano, come si evince dalle numerose tombe rinvenute nelle località Turni, Aia Sophia, Fontana Volpacchio, Piceglia, Cava dell'Arena, Vazze, Isca, Casale. Si tratta generalmente di necropoli datate fra il VIII e il IV secolo a.C.

Il primo abitato è stato identificato nella località Civita. Abbandonato, gli abitanti si spostarono nell'attuale sito dove sorge il paese. I primi documenti storici che citano dell'esistenza del paese sono datati 1114, dove si parla della chiesa di Santa Maria de Faris e un documento del 1300 dove Carlo III chiede sostegno al feudatario Johannucius de Oliveto, per la guerra contro gli aragonesi. Si susseguirono numerosi feudatari nel tempo e il borgo seguì le vicende storico-politiche del Principato di Salerno.

Durante il Regno di Napoli e il Regno delle Due Sicilie fu un casale amministrato dal comune di Contursi ed appartenente al distretto di Campagna. Con l'unità d'Italia il paese divenne autonomo e prese l'appellativo Citra per distinguerlo da altri comuni. A seguito del terremoto dell'Irpinia del 1980 Oliveto ha subito una radicale trasformazione urbana.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

 
Torre dell'orologio e campanile
  • Castello Guerritore (XI-XVI secolo).
  • Chiesa di Santa Maria della Misericordia (1712-1775): con portone scolpito e a tre navate con cupola all'incrocio del transetto, ornata all'interno con immagini a rilievo degli Evangelisti; nell'abside si trova una tela raffigurante Santa Maria della Misericordia e due affreschi sui lati; nella navata centrale è presente una copia dell'Assunta di Tiziano.
  • Chiesa della Madonna delle Grazie (1497)
  • Santuario della Madonna della Consolazione (XVII secolo)
  • Campanile e torre dell'orologio (XII secolo)
  • Area naturalistica "Piano di Canale"
  • Museo Archeologico Lucano dell'Alta Valle del Sele

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[4]

Immigrazione stranieraModifica

Al 31 dicembre 2007 a Oliveto Citra risultano residenti 54 cittadini stranieri. Le nazionalità principali sono:[5]

Paese di nascita Popolazione (2007)
Romania 16
Bulgaria 11
Albania 8
Ucraina 5
Marocco 5

Istituzioni, enti e associazioniModifica

Nel comune di Oliveto Citra ha sede l'ospedale San Francesco D'Assisi, dell'A.S.L. Salerno[6]. La sua posizione, ai confini con la provincia di Avellino, favorisce l'accesso ai servizi sanitari anche alla popolazione dell'Alta Irpinia.

ReligioneModifica

La maggioranza della popolazione[7] è di religione cristiana di rito cattolico; il comune appartiene alla forania di Colliano dell'arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, con una parrocchia:

  • Santa Maria della Misericordia

L'altra confessione cristiana presente è quella Protestante[8] con una comunità:

  • Chiesa Pentecostale CCEVAS, presente dal 1950 circa[9]

Geografia antropicaModifica

FrazioniModifica

Lo statuto comunale di Oliveto Citra non menziona alcuna frazione. In base al 14º Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni[10], le località abitate sono:

  • Casale, 92 abitanti, 267 m s.l.m., abitato situato lungo la SP 225;
  • Dogana, 40 abitanti, 205 m s.l.m., abitato situato lungo la SP 147 e la SP 225;
  • Ponte Oliveto, 8 abitanti, 150 m s.l.m., abitato contiguo alla loc. Bagni del comune di Colliano, situato lungo la SP 9 e la SP 429 ex SS91;
  • Serroni, 85 abitanti, 425 m s.l.m..

EconomiaModifica

Oggi il paese basa la sua economia sull'agricoltura (oliveti, vigneti, prodotti ortofrutticoli); sull'allevamento di bestiame (bovini, ovini) con relativa produzione di latte e trasformazione in prodotti caseari e sul commercio.

Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

  •   Strada statale 691 Contursi-Lioni: Uscita Contursi Terme Est-Oliveto Citra;
  •   Strada Provinciale 9/a Innesto SS 91 a Valle Cupa-Cimitero di Oliveto Citra, collegamento fra Oliveto Citra e Campagna;
  •   Strada Provinciale 9/b Cimitero di Oliveto Citra-Ponte Oliveto-Valva-Ponte Temete I;
  •   Strada Provinciale 147, Innesto SP 9-Oliveto Citra-Ausiana Puceglie-Innesto SS 91;
  •   Strada Provinciale 225 Dogana Casale-Murzo di Oliveto Citra, collegamento fra Oliveto Citra e Senerchia;
  •   Strada Provinciale 291, Innesto SP 9-Montagna verso Senerchia;
  •   Strada Provinciale 429 Innesto SS 91-Confine provincia di Avellino (SR91).

Mobilità urbanaModifica

La mobilità è affidata, per quanto riguarda i trasporti extraurbani, alla società Sita Sud.

AmministrazioneModifica

GemellaggiModifica

Altre informazioni amministrativeModifica

Il comune fa parte della Comunità montana Tanagro - Alto e Medio Sele.

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino interregionale del fiume Sele.

SportModifica

Impianti sportiviModifica

  • Centro sportivo "Albino Coglianese"[11].
  • Campo di Calcio "Sacramento"

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • C. Corvino, Guida insolita ai misteri, ai segreti, alle leggende e alle curiosità della Campania, Newton & Compton editori, Roma 2002 ISBN 88-8289-640-4
  • M. Ulino, Oliveto Citra, in AA.VV. La Campania paese per paese, Firenze, 1990. ISBN 88-476-0000-6

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN159602599
  Portale Campania: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Campania