Apri il menu principale

Opopomoz

film del 2003 diretto da Enzo D'Alò
Opopomoz
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2003
Durata76 min
Genereanimazione
RegiaEnzo D'Alò
SoggettoEnzo D'Alò, Umberto Marino
SceneggiaturaEnzo D'Alò, Furio Scarpelli, Giacomo Scarpelli
ProduttoreLuigi Musini e Roberto Cicutto
Casa di produzioneAlbachiara, Rai Cinema, DeAPlaneta
Distribuzione in italianoMikado Film
MontaggioSimona Paggi
MusichePino Daniele
ScenografiaMichel Fuzellier
Art directorAlessio Giurintano
Character designWalter Cavazzuti
AnimatoriStranemani
Doppiatori originali

Opopomoz è un film d'animazione italiano del 2003 diretto da Enzo D'Alò.

Il film è stato distribuito il 5 dicembre 2003, da Mikado Film. La storia del film è ambientata a Napoli, città natale anche del regista.

TramaModifica

Napoli: il piccolo Rocco è geloso per l'imminente nascita del fratellino Francesco (Franceschiello), prevista per il giorno di Natale. Sua Profondità, il malvagio capo dei diavoletti, decide di approfittare dei sentimenti di Rocco per impedire la nascita di Gesù e invia tre suoi emissari, i buffi e simpatici diavoletti Farfaricchio, Scarapino e Astarotte. I tre diavoli fanno credere all'ingenuo Rocco che impedire la nascita di Gesù Bambino impedirà anche la nascita di Franceschiello (Francesco), e fanno in modo che il bambino entri nel presepe per impedire a Giuseppe e Maria di arrivare a Betlemme. La parola magica che Rocco deve pronunciare per poter entrare nel presepe è "opopomoz". Viene però inseguito dalla cuginetta piccola, Sara, la quale fa capire a Rocco che Satana lo sta usando. L'intervento di Sara e di alcuni personaggi permettono a Rocco di capire il suo errore, ma entra nuovamente in scena Satana che ipnotizza Rocco e Sara facendo in modo che la missione continui. Vengono però salvati da una canzoncina per cacciare Sua Profondità, e così facendo viene salvato quindi il Natale.

DoppiaggioModifica

Le voci più giovani ingaggiate per il doppiaggio della pellicola sono i piccoli Ciro Ricci e di Xsuela Douglas, che avevano rispettivamente otto e tre anni di età all'uscita del film; altre voci sono di diversi attori napoletani di cinema e teatro ed alcuni doppiatori professionisti.

Collegamenti esterniModifica