Vincenzo Salemme

attore, drammaturgo, comico, regista e sceneggiatore italiano (1957-)

Vincenzo Salemme (Bacoli, 24 luglio 1957) è un attore, drammaturgo, comico, regista e sceneggiatore italiano.

Vincenzo Salemme nel 2008

BiografiaModifica

Vincenzo Salemme si è diplomato presso il liceo classico "Umberto I" di Napoli, per poi iscriversi alla facoltà di Lettere e Filosofia presso l'Università Federico II . Nel 1976 è stato scritturato dalla compagnia teatrale di Tato Russo e ha debuttato come attore nella commedia Ballata e morte di un capitano del popolo, tratta da un romanzo di Luigi Compagnone. Nel 1977 si è trasferito a Roma ed è entrato a far parte della compagnia di Eduardo De Filippo. Con la compagnia di De Filippo ha partecipato a Quei figuri di tanti anni fa, come comparsa, Il cilindro, Il contratto e Il sindaco del rione Sanità che sono state poi trasmesse da Rai Uno tra il 1978 e il 1979.

La collaborazione con la compagnia di Eduardo De Filippo è continuata fino al 1984 (anno della morte di Eduardo) e proseguita poi con il figlio, Luca De Filippo, fino al 1992. Nel 1990 ha formato l'associazione culturale E.T., per tentare di mettersi in proprio, formando una propria realtà teatrale. Il debutto è avvenuto al Teatro dell'Orologio di Roma con lo spettacolo Sogni, bisogni, incubi e risvegli, pièce formata da due atti unici: Buonanotte e Il signor Colpodigenio. Il successo sarà tale da permettergli la formazione di una compagnia professionale, la Chi è di scena.[1][2]

Il 1991 è l'anno di A chi figli, a chi figliastri, spettacolo contenente L'amico del cuore, Telefono azzurro e Passacantando. La prima commedia darà vita a uno dei suoi film più noti. Passacantando invece è un monologo realizzato tramite una raccolta di storie al femminile scritte da Salemme. L'anno successivo è stata la volta di Lo strano caso di Felice C., da cui trarrà Cose da pazzi, altra pellicola di successo.[3] La commedia era stata scritta nel 1989, anno della caduta del Muro di Berlino e cercava di racchiudere quel disagio psichico causato dal crollo delle certezze di tutti i comunisti dell'epoca.[3]

 
Vincenzo Salemme con Enzo Iacchetti nel 2007

L'anno successivo è la volta di La gente vuole ridere, al quale partecipano Stefano Sarcinelli e Francesco Paolantoni. Oltre a essere un omaggio alla vita teatrale, Salemme ha ripreso un tema tipico del suo maestro Eduardo, il confine tra sogno e realtà.[4] Il successo sarà tale da portare a una ripresa diversi anni dopo, nel 2005, con La gente vuole ridere... ancora. È dello stesso anno Passerotti o pipistrelli. Con quest'opera usa il mezzo dell'handicap per approfondire i disagi umani.

Scrive infatti Paolo Petroni del Corriere della Sera: «Anche questo Passerotti o pipistrelli, insomma, ripropone un modo di fare commedia con un occhio alla realtà». Anche quest'opera avrà una trasposizione cinematografica: A ruota libera. Passerotti o pipistrelli rientrerà l'anno successivo, nel 1994, nello spettacolo Fatti unici per atti comici assieme a L'ultimo desiderio, altro atto unico che per trama e stile ricorda molto L'amico del cuore.[5] Il tema che lega i due atti unici è quello dell'amicizia. In questo stesso anno Salemme ha debuttato al Festival di Benevento recitando nella commedia Galantuomo e Cafone di Biagio Belfiore diretto da Giancarlo Sammartano[1]. Il 1995 è l'anno del gran successo con ... e fuori nevica, nata da un'idea di Enzo Iacchetti. Nel 1996 ha scritto per Giobbe Covatta e Francesco Paolantoni Io&Lui.

L'opera attinge a un repertorio diverso, come nota Paolo Petroni, cercando di porsi in continuità con la tradizione farsesca napoletana. È dello stesso anno Fiori di ictus per Cetty Sommella con la regia di Maurizio Casagrande. L'indagine concerne di nuovo il mondo femminile usando come delicato mezzo d'indagine il tradimento.[6] L'opera nel 2006 con Passacantando diverrà un unico spettacolo, 'E femmene, titolo di un brano di Salemme, colonna sonora del film Ho visto le stelle. Nello stesso anno ha scritto con Marisa Laurito Pazza d'amore. Attraverso le confessioni di una donna che parla con la defunta madre si mettono in scena tutti i dubbi, i fallimenti e le perplessità della vita.[7] Nel 1997 l'Amico del Cuore diverrà spettacolo completo. Nello stesso anno ha messo in scena un altro gran successo: Premiata Pasticceria Bellavista. Il testo indaga, senza troppi complimenti, la pochezza morale che si nasconde dietro al perbenismo borghese.[8]

Nel 1999 ha inscenato Di mamma ce n'è una sola[9] Nel 2001 ha realizzato Faccio a pezzi il teatro, mettendo in scena spezzoni delle sue opere. L'occasione è data dall'inaugurazione del teatro Ambra Jovinelli a Roma.[1]

Vincenzo Salemme ha recitato in diversi film: il suo esordio è avvenuto negli anni ottanta, quando il regista Nanni Moretti gli ha affidato ruoli nei film Sogni d'oro, Bianca e La messa è finita. Nel 1989 ha partecipato al film C'è posto per tutti, per la regia di Giancarlo Planta. Altri film in cui ha recitato sono Isotta di Maurizio Fiume, Il tuffo di Massimo Martella, Baciami piccina di Roberto Cimpanelli, Olé di Carlo Vanzina, Ex di Fausto Brizzi, Baarìa di Giuseppe Tornatore, La vita è una cosa meravigliosa di Carlo Vanzina e A Natale mi sposo di Paolo Costella.

 
Vincenzo Salemme in Bello di papà (2006)

Nel 1998 è uscito il primo film da lui diretto, L'amico del cuore. La pellicola, uscita nelle sale cinematografiche nel dicembre 1998, ha incassato dieci miliardi di lire. Altri film diretti da lui sono Amore a prima vista (1999), A ruota libera (2000), Volesse il cielo! (2002), Ho visto le stelle! (2003), Cose da pazzi (2005), SMS - Sotto mentite spoglie (2007) e No Problem (2008). Famose sono molte sue commedie teatrali: ...e fuori nevica, Passerotti o pipistrelli?, Premiata pasticceria Bellavista, Faccio a pezzi il teatro!, Lo strano caso di Felice C., Bello di papà. È stato anche protagonista di due show televisivi, Famiglia Salemme Show (2006) e Da Nord a Sud... e ho detto tutto! (2009), entrambi andati in onda su Raiuno.

Nel 2014 è ritornato alla regia con ...e fuori nevica! e nello stesso anno ha preso parte al film di Natale Ma tu di che segno 6? con Massimo Boldi e Gigi Proietti per la regia di Neri Parenti. Nel 2016 ha diretto Se mi lasci non vale che lo vede protagonista con Paolo Calabresi, Carlo Buccirosso, Tosca D'Aquino e Serena Autieri. Sempre nel corso del 2016 è stato protagonista del film Prima di lunedì, recitando accanto a Fabio Troiano e Martina Stella. Nel 2017 ha partecipato al film drammatico Il contagio ed è stato protagonista di Caccia al tesoro, diretto da Carlo Vanzina e con, tra gli altri, Carlo Buccirosso e Max Tortora. Dal 2018 è stato fra i giurati di Tale e Quale Show, trasmissione del venerdì sera di Rai 1; ha ricoperto tale ruolo anche nelle edizioni del 2019 e 2020. Sempre nel 2018 ha diretto e interpretato Una festa esagerata, tratto dall'omonima commedia teatrale. Nel dicembre 2019 è stato protagonista dello show televisivo Salemme - Il bello... della diretta!, andato in onda su Rai 2 in tre puntate con la rappresentazione delle commedie Di mamma ce n'è una sola l'11 dicembre, Sogni e bisogni il 18 dicembre e Una festa esagerata il 25 dicembre. Il 6 novembre 2020 ha condotto la seconda puntata di Tale e quale show - Il torneo insieme a Giorgio Panariello, Loretta Goggi e Gabriele Cirilli per l'assenza di Carlo Conti, ricoverato in ospedale causa COVID-19. Il 7 ottobre 2021 è uscito al cinema il suo nuovo film Con tutto il cuore. A novembre dello stesso anno è ripartito in tour con il suo spettacolo teatrale Napoletano? E famme 'na pizza!.[10]

FilmografiaModifica

AttoreModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Regista e sceneggiatoreModifica

SceneggiatoreModifica

DoppiatoreModifica

TeatroModifica

Programmi televisiviModifica

OpereModifica

Premi e riconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c Sito ufficiale di Vincenzo Salemme, su vincenzosalemme.it. URL consultato il 1º agosto 2015.
  2. ^ Salemme racconta sogni e bisogni, incubi e risvegli, su corrieredelmezzogiorno.corriere.it. URL consultato il 26 luglio 2015.
  3. ^ a b "Lo strano caso di Felice C." di Vincenzo Salemme, su radiointerstella.com. URL consultato il 26 luglio 2015.
  4. ^ SALEMME La gente vuole ridere, su apriteilsipario.it. URL consultato il 26 luglio 2015.
  5. ^ TEATRO: FATTI UNICI PER ATTI COMICI, su www1.adnkronos.com. URL consultato il 1º agosto 2015.
  6. ^ Teatroteatro.it - 'E Femmene, su teatroteatro.it. URL consultato il 1º agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  7. ^ Costantini Emilia, Marisa pazza d'amore, su archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 1º agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2015).
  8. ^ Attori per caso-Premiata Pasticceria Bellavista, su attoripercaso.it. URL consultato il 1º agosto 2015.
  9. ^ VINCENZO SALEMME Di mamma ce n'è una sola, su apriteilsipario.it. URL consultato il 1º agosto 2015.
  10. ^ Daniela Zacconi, Milano, Vincenzo Salemme torna al teatro Manzoni: «Napoletano sarà lei!», su Corriere della Sera, 1º marzo 2022. URL consultato il 22 gennaio 2022.
  11. ^ Insieme a Giorgio Panariello, Loretta Goggi e Gabriele Cirilli per l'assenza di Carlo Conti
  12. ^ Albo d'oro dei premiati, su premiflaiano.com. URL consultato il 18 maggio 2022.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN14985717 · ISNI (EN0000 0000 6656 6788 · SBN PUVV205772 · LCCN (ENn2003039617 · GND (DE1020321164 · BNF (FRcb14402081q (data) · CONOR.SI (SL236510819 · WorldCat Identities (ENlccn-n2003039617