Apri il menu principale
Sant'Isidoro Agricola, Erice.

Orazio Ferraro, detto Orazio da Giuliana (Giuliana, 1561Palermo, 1643), è stato un pittore italiano altrimenti attivo come stuccatore, plasticatore del barocco in Sicilia.

Indice

BiografiaModifica

 
Orazione nell'orto del Getsemani, chiesa di San Domenico, Castelvetrano.

Orazio Ferraro figlio più giovane e allievo del famoso pittore, stuccatore e scultore Antonio Ferraro,[1][2] nonché religioso della Compagnia di Gesù. Insieme al fratello Tommaso Ferraro ha lavorato nel laboratorio del padre fino alla morte di quest'ultimo avvenuta nel 1609. Le opere più importanti arricchiscono le chiese della città natale Castelvetrano.

L'artista è sepolto a Casa Professa.

OpereModifica

Agrigento e provinciaModifica

CaltabellottaModifica

  • XVII secolo, Deposizione, manufatto in terracotta, opera custodita nella chiesa di Sant'Agostino.

BurgioModifica

  • 1596, Ciclo, affreschi delle volte nella cappella del coro e statue di nicchia in stucco, opere presenti nella chiesa di Santa Maria di Rifesi.
  • XVI secolo, Stucchi, apparato decorativo plastico, opere presenti nella Cappella della Madonna di Trapani del duomo di Sant'Antonio Abate.[3]

SciaccaModifica

Palermo e provinciaModifica

Trapani e provinciaModifica

CastelvetranoModifica

 
Adorazione dei Magi, chiesa di San Giovanni Battista, Castelvetrano.
 
Decorazioni pittoriche e plastiche, chiesa di San Domenico, Castelvetrano.
 
Monte Tabor e baldacchino, cattedrale del Santissimo Salvatore, Mazara del Vallo.

EriceModifica

  • 1599, Madonna della Stella, statua in stucco con storie della Nascita di Gesù nel piedistallo e l'iscrizione "OPVS HORATH FERRARII 1599.", opera custodita nella chiesa di San Cataldo.[5]
  • 1605, Immacolata Concezione, statua in stucco recante l'iscrizione "CONFRATES SS.ME CONCEPTIONIS SVMPTIBVS PROPRIIS" - "1605, OPVS HORATH FERRARII", opera custodita nell'absidiola sinistra della chiesa di San Giuliano.[5]
  • 1605c., Gloria di San Martino, raffigurazione in stucco, opera documentata nell'abside della chiesa di San Martino.[5]
  • 1622, Sant'Isidoro Agricola, dipinto, opera custodita nella Real Chiesa Madrice Insigne Collegiata.
  • 1622, Cristo morto sostenuto da un angelo raffigurato con Sant'Enrico e San Carlo Borromeo, dipinto recante l'iscrizione "OPVS HORATH FERRARII 1622.", opera custodita nella chiesa San Giovanni Battista.[6]

MarsalaModifica

Mazara del ValloModifica

San Vito lo CapoModifica

  • 1624, Ciclo, affreschi, apparato decorativo pittorico e plastico realizzato nel cappellone del santuario di San Vito di San Vito lo Capo.[6]

EsteroModifica

NoteModifica

  1. ^ Gioacchino di Marzo, pp. 534.
  2. ^ Gioacchino di Marzo, pp. 703 e 717.
  3. ^ a b Gioacchino di Marzo, pp. 734 e 735.
  4. ^ Gioacchino di Marzo, pp. 726, 734 e 735.
  5. ^ a b c d Gioacchino di Marzo, pp. 735.
  6. ^ a b c d e f g h i j k l m Gioacchino di Marzo, pp. 736.
  7. ^ Gioacchino di Marzo, pp. 724 - 729.
  8. ^ Castelvetrano: Stucchi nella chiesa di San Domenico

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN9695541 · LCCN (ENnr90018989 · GND (DE1026189187 · CERL cnp02059877