Apri il menu principale
Ottavio Thaon di Revel
Ottavio Thaon di Revel.jpg

Ministro delle finanze del Regno di Sardegna
Durata mandato 16 marzo 1848 –
5 luglio 1848
Capo di Stato Carlo Alberto di Savoia
Capo del governo Cesare Balbo
Predecessore nessuno
Successore Vincenzo Ricci
Legislature I Legislatura del Regno di Sardegna

Durata mandato 15 agosto 1848 –
11 ottobre 1848
Capo del governo Cesare Alfieri di Sostegno
Predecessore Vincenzo Ricci

Durata mandato 11 ottobre 1848 –
3 dicembre 1848
Capo del governo Ettore Perrone di San Martino
Successore Vincenzo Ricci

Deputato del Regno di Sardegna
Legislature I, III, IV, V, VI

Senatore del Regno d'Italia
Legislature dalla VIII

Ottavio Thaon di Revel (Torino, 26 giugno 1803Torino, 9 febbraio 1868) è stato un politico italiano, ministro del Regno di Sardegna e senatore del regno d'Italia.

Indice

BiografiaModifica

Figlio di Ignazio Isidoro Thaon di Revel e di Sant'Andrea e di Sabina Spitalieri di Cessole, fratello maggiore del generale e ministro Genova Giovanni Thaon di Revel, riceve il titolo paterno di conte di Pralungo, Signore di Castelnuovo.

Sposato tre volte, ebbe vari figli; Alessandro, Sabina, Ignazio Thaon di Revel (senatore), Adele, Teresa, Adriano, Paolo Thaon di Revel (Grande Ammiraglio, senatore), Vittorio Thaon di Revel (senatore, regio console e ministro plenipotenziario). Fu Sostituto del Procuratore generale dal 24 gennaio 1826, Fu Primo ufficiale nella Segreteria di Stato per gli affari di finanze dal 9 maggio 1835. Primo segretario di Stato per gli affari di Finanze dal 24 agosto 1844.

Nel 1848 fu Deputato del Regno di Sardegna dalla I alla VI legislatura, fu Ministro delle finanze dal 16 marzo al 27 luglio 1848 (Governo Balbo) e dal 19 agosto al 15 dicembre 1848 (Governo Alfieri, poi Governo Perrone). Primo segretario di Stato nel 1848 e firmatario dello Statuto Albertino (4 marzo 1848). Fu riconfermato deputato nel 1849, nel 1853 e nel 1858 fino al 1860.[1].

Dal 1852 al 1859 fu sindaco di San Raffaele e Cimena e Consigliere provinciale di Torino (1860-1867). Fu nominato Senatore del Regno il 20 gennaio 1861.[2] Nel 1866 fu Regio commissario a Venezia. È sepolto nel Cimitero monumentale di Torino.

OnorificenzeModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN90219172 · ISNI (EN0000 0003 5542 5383 · SBN IT\ICCU\IEIV\059052 · LCCN (ENno90000360 · BAV ADV12539350