Apri il menu principale
Stemma della famiglia Palizzi

I Palizzi (anche citati come Palici e Palizzolo) furono una famiglia molto potente della Sicilia del XII secolo. Di derivazione normanna, ricoprirono diverse cariche fra cui consiglieri reali e membri delle compagnie dei Bianchi di Monte San Giuliano e di Catania. Durante i regni di Pietro II d'Aragona (1337-1342) e di Ludovico suo figlio (1342-1355), i Palizzi guidarono con i Chiaramonte la fazione Latina che si opponeva a quella dei Catalani.


StoriaModifica

Il celebre genealogista del XVII secolo, Filadelfo Mugnos, nel suo Teatro Genologico delle Famiglie nobili, titolate, feudatarie, riporta l'inizio della Famiglia con un Riccardo che fu condottiero della cavalleria del Duca Roberto il Guiscardo cioè l'Astuto, (Hauteville, 1015 ca. - Cefalonia, 17 luglio 1085) nella conquista normanna della Sicilia.

Il primo a portare questo cognome in Sicilia, fu Roberto, straticoto di Messina nel 1115.

I Palizzi furono Signori di Tripi (ME), di Saponara (ME), Collesano e Ciminna. Politicamente "latini" furono spesso avversi alla corona aragonese di Sicilia e alle famiglie della nobiltà catalana, fra cui gli Alagona. La famiglia si estinse nel 1354 quando Matteo Palizzi venne assassinato nei tumulti di popolo a Messina.

Sempre citando Filadelfo Mugnos, è possibile analizzare alcuni particolari storici della famiglia Palizzi:

Nicolò PalizziModifica

Vincilaguerra A PalizziModifica

Damiano PalizziModifica

  • Damiano Palizzi Gran cancelliere del Regno, Cappellano maggiore della Cappella reale, Protonotaro logoteta e Vicario generale del Regno nel 1340, conte d'Asaro e signore di Collesano 1337, esiliato e morto a Pisa nel 1348.

Matteo PalizziModifica

Antonio PalizziModifica

  • Antonio Palizzi, Canonico della cattedrale di Messina e che alla morte del padre, il conte Matteo, prese possesso di tutti i beni paterni nel 1356.

Francesco PalizziModifica

Isabella PalizziModifica

Isabella Palizzi, moglie di Giovanni Alagona e madre di Beatrice Alagona. Signora di Novara di Sicilia 1356.

Il Villani ricorda i Palizzi nella sua Nuova Cronica, definendoli fra i più possenti di Messina e narra proprio i fatti di Messina e la fine della casata.

«...ciò erano que' della casa de' Palizzi i più possenti di Messina...G.Villani,Nuova Cronica, Tomo Terzo, Libro tredicesimo, parte XIV»

ArmaModifica

Blasonatura: d'azzurro, a tre pali d'argento scorciati aguzzi di sopra e di sotto (in alcune versioni: sormontati da due stelle di argento di sei raggi).
Elmo di nobile antico con lambrequini volanti d'azzurro e d'argento, lo scudo accollato da trofeo militare.

EsponentiModifica

  • Lorenzo, capostipite del ramo cosiddetto Palizzolo e signore di Monte San Giuliano.
  • Vinciguerra, fu signore di Cammarata (AG).
  • Matteo, il più noto, Signore a Messina e Castrogiovanni.
  • Antonio, Vescovo di Messina.

NoteModifica

  1. ^ Giunta,Alagona, Blasco, il Giovane

BibliografiaModifica

Francesco Giunta, Alagona, Blasco, il Giovane, in Dizionario biografico degli Italiani, http://www.treccani.it/enciclopedia/alagona-blasco-il-giovane_(Dizionario_Biografico).

  Portale Storia di famiglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Storia di famiglia