Super Almanacco Paperino

Serie a fumetti italiana
(Reindirizzamento da Paperino (libretto))
Super Almanacco Paperino
fumetto
Lingua orig.italiano
PaeseItalia
EditoreArnoldo Mondadori
1ª edizionedicembre 1976 – maggio 1980
Periodicitàirregolare
Albi17 (completa)
Seguito daSuper Almanacco Paperino (seconda serie)
Super Almanacco Paperino (seconda serie)
Super Almanacco di Paperino[1]
fumetto
EditoreArnoldo Mondadori
1ª edizioneluglio 1980 – dicembre 1985
Periodicitàmensile
Albi66 (completa)
Preceduto daSuper Almanacco Paperino (prima serie)
Seguito daPaperino Mese
Paperino Mese / Paperino[2]
serie regolare a fumetti
Cover Paperino (libretto) 408.jpg
Copertina del n. 408
EditorePanini Comics (da novembre 2013), Arnoldo Mondadori (fino a luglio 1988), The Walt Disney Company Italia (agosto 1988 – ottobre 2013)
1ª edizionegennaio 1986 – in corso
Periodicitàmensile
Albi479[3] (in corso) - prosegue la numerazione della seconda serie, per un totale di 476 volumi[4]
Preceduto daSuper Almanacco Paperino (seconda serie)

Super Almanacco Paperino è stata una serie a fumetti pubblicata dall'Arnoldo Mondadori Editore in due serie dal 1976 al 1985 e dedicata alle storie dei personaggi della Disney. Venne sostituita da una nuova testata, Paperino Mese, poi Paperino, che ne continuò la numerazione, edita dalla Mondadori e, da agosto 1988, dalla Walt Disney Company Italia e poi, da novembre 2013, dalla Panini Comics, superando nel 2019 i quattrocento numeri pubblicati.[5]

Storia editorialeModifica

La prima serie venne edita da dicembre 1976 a maggio 1980 per 17 numeri come supplemento di altre testate della Mondadori e senza una periodicità predefinita; nel luglio 1980 venne sostituita da una seconda serie omonima che ricominciò da capo la numerazione con periodicità mensile, che inizialmente pubblicava ristampe di storie già apparse nelle collane Albi d'Oro e Almanacco Topolino e, dal 1985, iniziano a essere pubblicate anche storie inedite realizzate anche da autori italiani.[5]

La collana subisce nel corso degli anni delle modifiche di testata e di formato divenendo, dal n. 43 del gennaio 1984, "Super Almanacco di Paperino" e, dal n. 67 del gennaio 1986, "Paperino Mese - Il mensile della banda Disney", sempre proseguendo la numerazione; dal n. 116 cambia la costina, da gialla fissa a variabile in base al colore della copertina; dal n. 171 (settembre 1994) la testata divenne "Paperino - Il mensile della banda dei paperi" e, dal n. 175, semplicemente "Paperino"[5] con un formato simile a quello della testata Topolino, pubblicando storie aventi per protagonisti i personaggi dell'universo narrativo di Paperopoli; si tratta di storie per lo più già pubblicate su Topolino e altre testate alternate ad altre inedite. Dal numero 464 cambia il formato, che viene accorciato in altezza di 2 cm, considerato che non vengono più da tempo utilizzati i formati a 4 strisce per pagina, ma quelli ormai tradizionali a 3: di conseguenza si erano venuti a formare degli antiestetici spazi bianchi (di fatto inutilizzati) sia all'inizio che alla fine di ogni pagina, cosicché è stata decisa la riduzione.

NoteModifica

  1. ^ dal n. 43 di gennaio 1984
  2. ^ dal n. 171 di settembre 1994
  3. ^ al 30 aprile 2020
  4. ^ Calendario uscite, Panini Comics. URL consultato il 1º febbraio 2020.
  5. ^ a b c Super Almanacco Paperino, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 7 marzo 2017.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica