Apri il menu principale

Paralepista flaccida

specie di fungo della famiglia Tricholomataceae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Paralepista flaccida
Clintocybe inversa in situ.jpg
esemplare di Paralepista flaccida
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Sottoclasse Hymenomycetidae
Ordine Agaricales
Famiglia Tricholomataceae
Genere Paralepista
Specie P. flaccida
Nomenclatura binomiale
Lepista inversa
(Sowerby) Vizzini, 2012
Sinonimi

Agaricus flaccidus Sowerby (1799)
Clitocybe flaccida (Sowerby) P. Kumm. (1871)
Lepista flaccida (Sowerby) Pat. (1887)
Agaricus inversus Scop. (1772)
Lepista inversa (Scop.) Pat. (1887)

Caratteristiche morfologiche
Paralepista flaccida
Cappello infundibuliforme disegno.png
Cappello infundibuliforme
Gills icon.png
Imenio lamelle
Decurrent gills icon2.svg
Lamelle decorrenti
Yellow spore print icon.png
Sporata gialla
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Saprotrophic ecology icon.png
Saprofita
Foodlogo.svg
Commestibile

Paralepista flaccida (Sowerby) Vizzini, 2012[1] è un fungo commestibile abbastanza apprezzato, conosciuto ai più con il binomio obsoleto di Clitocybe inversa.

EtimologiaModifica

Dal latino inversus = "invertito", perché il cappello possiede margine involuto.

DescrizioneModifica

 
Paralepista flaccida

CappelloModifica

A forma di imbuto, con il margine spesso involuto, depresso al centro.
Superficie liscia, color rosso-mattone che schiarisce in età avanzata divenendo aranciata e talvolta giallo-sporco. Di consistenza elastica.

LamelleModifica

Decorrenti, fitte, biancastre, giallo-sporco per via della sporata.

GamboModifica

Corto, di forma più o meno irregolare, concolore al cappello.

CarneModifica

 
In evidenza le spore di P. flaccida

Bianco-sporca tendente al nocciola; consistente, poi elastica, infine molle.

  • Odore: fruttato ed acidulo, particolare, piuttosto complesso; a volte ricorda un po' il formaggio.
  • Sapore: acidulo.

SporeModifica

Bianco-crema in massa, ellissoidali, rugose; 4-5 x 3 µm.

Distribuzione e habitatModifica

Gregario, molto comune, autunno, nei boschi di latifoglie ma anche di conifere, su terreni umidi e ricchi di humus. Forma sul terreno i cosiddetti "cerchi delle streghe" oppure lunghe linee simili a quelle della Lepista nebularis.

CommestibilitàModifica

 
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.

Discreta negli esemplari più vecchi e molli, buona negli esemplari giovani e di consistenza elastica. Migliori i carpofori che crescono sotto aghifoglie.

TassonomiaModifica

Specie similiModifica

Altre specie congeneri, in particolare:

Sinonimi e binomi obsoletiModifica

  • Clitocybe inversa

Nomi comuniModifica

  • Imbutino
  • Trombetta

NoteModifica

Altri progettiModifica

  Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia