Apri il menu principale

Parco dell'Etna

Aria naturale protetta italiana
Parco dell'Etna
Etna2-flickr.jpg
Tipo di areaParco nazionale
Codice WDPA32712
Codice EUAPEUAP0227
Class. internaz.Categoria IUCN IV: area di conservazione di habitat/specie
StatoItalia Italia
RegioniSicilia Sicilia
ProvinceCatania Catania
Comunivedi elenco nel testo
Superficie a terra58.095 ha
Provvedimenti istitutiviD.P.R.S. 37, del 17.03.87
GestoreEnte Parco dell'Etna
PresidenteGabriele Ragusa (commissario)
Zone parco Etna.png
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Parco dell'Etna
Parco dell'Etna
Sito istituzionale

Coordinate: 37°37′51.4″N 15°01′20.3″E / 37.630944°N 15.022306°E37.630944; 15.022306

Il Parco dell'Etna è un'area naturale protetta della Regione Siciliana, istituita nel 1987[1].

StoriaModifica

I primi propositi di istituzione di un Parco dell'Etna nacquero intorno agli anni sessanta quando cominciò ad affermarsi, fra gli appassionati della Montagna, la necessità di tutelare la natura dalla invasione del turismo di massa conseguente alla diffusione dei mezzi di trasporto personali.

L'argomento diede luogo a dibattiti fra la popolazione e in sede politica fino agli anni ottanta quando la Regione Sicilia istituì tre Parchi Regionali e fra questi quello dell'Etna con la legge n. 98 del maggio 1981. Per la reale costituzione del Parco passarono ancora sei anni, fino al 17 marzo 1987. Lo scopo del Parco è quello di tutelare il patrimonio boschivo e la conservazione e lo sviluppo delle specie floreali e faunistiche specifiche dei luoghi e di regolamentare e coordinare lo sviluppo di quelle attività turistiche che possano dare fruibilità ai luoghi e benessere alle popolazioni insediate nell'ambito territoriale[1].

AmbienteModifica

FloraModifica

Nella zona sommitale del vulcano non vi è alcun tipo di vegetazione in quanto sulla lava recente nessun seme può germogliare. Scendendo intorno ai 2500 metri si incontrano la saponaria (Saponaria sicula), l'astragalo siciliano (Astracantha sicula), il tanaceto (Tanacetum siculum), il cerastio (Cerastium tomentosum), il senecio (Senecio squalidus), la camomilla dell'Etna (Anthemis aetnensis), il caglio dell'Etna (Galium aetnicum), la romice (Rumex scutatus) e qualche muschio e lichene.
Già intorno ai 2000 metri si possono incontrare, su alcuni versanti, il pino loricato, la betulla dell’Etna e il faggio ed ancora più in basso anche castagno e ulivo. Assieme a questa vegetazione convive la ginestra dell'Etna che con i suoi fiori gialli crea, nel periodo della fioritura, un bel cromatismo con il nero della lava vulcanica.

Nella zona collinare delle falde si incontrano i vigneti di Nerello, dai quali si produce l'Etna vino DOC della zona pedemontana. Nel versante ovest del vulcano, dai 600 agli 850 metri di altitudine, prosperano i pistacchi (Bronte e Adrano) e le fragole (Maletto) unici per il loro sapore e colore dovuti alla tipicità del territorio e del microclima. Altra notevole produzione è quella delle mele "cola" e "gelata" e delle pere di vario tipo e delle pesche, tra cui la "tabacchiera dell'Etna".

La notevole ricchezza dei suoli ha permesso lo sviluppo di una ricchissima varietà agricola, soprattutto nella zona nord-orientale del vulcano rispetto agli altri territori, grazie al particolare microclima dovuto alla vicinanza con la costa ionica e numerose specialità arboree, tra le quali la ciliegia rossa dell'Etna (Comuni di Milo, Sant'Alfio, Mascali e Giarre) e le noci e nocciole di più alta quota (Comuni di Sant'Alfio, Milo, Piedimonte Etneo).

FaunaModifica

 
Esemplare di volpe rossa nei pressi del Rifugio Sapienza
 
Cucciolo di volpe rossa dell'Etna

Le descrizioni più antiche della fauna dell'Etna raccontano della presenza di animali ormai scomparsi e rimasti solo nell'immaginario popolare: lupi, cinghiali, daini e caprioli. La progressiva urbanizzazione, con apertura di nuove strade, il disboscamento e l'esercizio incontrollato della caccia portarono all'estinzione di questi grandi mammiferi e minacciano ancora la vita delle altre specie[2].

Sul vulcano vivono tra l'altro l'istrice, la volpe, il gatto selvatico, la martora, il coniglio, la lepre oltre a specie più piccole tra cui la donnola, il riccio, il ghiro, il quercino e varie specie di topo, pipistrello e serpente. Diffusi su tutte le aree del vulcano gli uccelli e le varietà di rapaci, diurni, quali il falco pellegrino, lo sparviero, la poiana, il gheppio e l'aquila reale, e notturni quali barbagianni, allocco e gufo[2].

Luoghi di interesse geologicoModifica

Il territorio del parco comprende oltre 200 grotte di scorrimento lavico conosciute in buona parte sin dai tempi più remoti e utilizzate in vario modo dall'uomo a scopo cultuale e di sepoltura. Un uso accertato quello dell'accumulo di neve invernale per l'uso in estate. Le grotte più note sono[3]:

  • la grotta dei Lamponi,
  • la grotta del Gelo, una grotta di scorrimento lavico con la presenza di ghiaccio perenne al suo interno, e una temperatura che persino nei mesi estivi non va sopra i -6 °C,
  • la grotta dei tre livelli: allo stato delle conoscenze attuali la più lunga grotta di scorrimento sull'Etna e tra le più estese al mondo.
  • la grotta delle Palombe

I dicchi della Valle del Bove che costituiscono quanto resta del vulcano primordiale Trifoglietto.

ComuniModifica

 
Comuni su cui insiste il parco

Elenco dei 20 comuni che condividono la superficie del Parco ed estensione[1]:

Undici fra questi arrivano fino al cratere centrale.

AccessiModifica

I treni della Ferrovia Circumetnea circumnavigano le pendici lambendo l'anello inferiore del parco.

Da tutti i comuni il cui territorio è anche solo in parte compreso nell'area protetta è possibile accedere al Parco attraverso mulattiere o sentieri. Gli accessi più facili attraverso strade asfaltate si trovano nella parte più antropizzata e sono quelle dai comuni di:

In occasione di grandi eruzioni le possibilità di accesso possono subire notevoli variazioni.

GestioneModifica

L'"Ente Parco dell'Etna" è un ente di diritto pubblico sottoposto a controllo e vigilanza della Regione siciliana, con sede a Nicolosi presso l'antico monastero di San Nicolò l'Arena. È diretto da un presidente nominato con decreto del Presidente della Regione siciliana su delibera della giunta di governo quale rappresentante legale dell'Ente. È nominato anche un vicepresidente, un consiglio e un comitato esecutivo[4].

NoteModifica

  1. ^ a b c Parco dell'Etna, su parcoetna.it. URL consultato il 28 gennaio 2019.
  2. ^ a b Parco dell'Etna, ambiente, su parcoetna.it. URL consultato il 28 gennaio 2019.
  3. ^ Parco dell'Etna; punti di interesse, su parks.it. URL consultato il 28 gennaio 2019.
  4. ^ Organizzazione amministrativa, su parcoetna.it. URL consultato il 28 gennaio 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sicilia