Apri il menu principale

Parchi regionali d'Italia

lista di un progetto Wikimedia
(Reindirizzamento da Parco regionale)

I parchi regionali italiani sono costituiti da aree terrestri, fluviali, lacustri ed eventualmente da tratti di mare prospicienti la costa, di valore ambientale e naturalistico, che costituiscano, nell'ambito di una o più regioni adiacenti, un sistema omogeneo, individuato dagli assetti naturalistici dei luoghi, dai valori paesaggistici e artistici e dalle tradizioni culturali delle popolazioni locali.

I parchi regionali sono stati regolamentati con D.P.R. 616/77 che ha trasferito alle Regioni le competenze in materia di aree protette. Attualmente l'EUAP (6º aggiornamento del 2010) prevede 134 parchi regionali che coprono una superficie di circa 1 milione e 300 000 ettari[1]. L'elenco che segue include anche altri parchi regionali non inclusi nell'EUAP.

Indice

AbruzzoModifica

BasilicataModifica

CalabriaModifica

CampaniaModifica

Emilia-RomagnaModifica

Friuli Venezia GiuliaModifica

LazioModifica

LiguriaModifica

LombardiaModifica

MarcheModifica

MoliseModifica

PiemonteModifica

PugliaModifica

SardegnaModifica

SiciliaModifica

In Sicilia, per la particolare legislazione autonoma, non esistevano parchi nazionali, ma solo regionali fino al 2016, quando dopo una sentenza della Corte Costituzionale del 2009, sono stati istituiti i primi parchi nazionali nell'isola.[4].

ToscanaModifica

Trentino-Alto AdigeModifica

UmbriaModifica

Valle d'AostaModifica

VenetoModifica

NoteModifica

  1. ^ Elenco ufficiale delle aree protette (EUAP) Archiviato il 4 giugno 2015 in Wikiwix. 5º aggiornamento approvato con delibera della Conferenza Stato-Regioni del 24 luglio 2003 e pubblicato nel supplemento ordinario n. 144 alla Gazzetta Ufficiale n. 205 del 4 settembre 2003.
  2. ^ Newz.it | Le notizie da Reggio Calabria Città Metropolitana » Scilla. Nasce il Parco costiero-marino della Costa Viola
  3. ^ Fiume Panaro
  4. ^ SENTENZA N. 12 ANNO 2009, su cortecostituzionale.it, 23 gennaio 2009. URL consultato il 19 luglio 2016.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica