Apri il menu principale

Ponte a Signa

frazione del comune italiano di Lastra a Signa
Ponte a Signa
frazione
Ponte a Signa – Veduta
Il ponte sull'Arno
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
Città metropolitanaProvincia di Firenze-Stemma.svg Firenze
ComuneLastra a Signa-Stemma.png Lastra a Signa
Territorio
Coordinate43°46′16.73″N 11°05′45.78″E / 43.771314°N 11.09605°E43.771314; 11.09605 (Ponte a Signa)Coordinate: 43°46′16.73″N 11°05′45.78″E / 43.771314°N 11.09605°E43.771314; 11.09605 (Ponte a Signa)
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale50055
Prefisso055
Fuso orarioUTC+1
PatronoSant'Anna
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ponte a Signa
Ponte a Signa

Ponte a Signa è una frazione del comune di Lastra a Signa in provincia di Firenze.

Si trova lungo il fiume Arno e prende il nome dal Ponte Nuovo sull'Arno che collega Signa con Lastra a Signa. Si è sviluppato come piccolo porto fluviale e sede di un traghetto che permetteva l'attraversamento del fiume.

Nel territorio della frazione sfociano nell'Arno il torrente Borro Fontepatri e colle Alberti e il torrente Borro Rimaggio, che segna il confine fra questa frazione e il capoluogo comunale.

Attraverso la frazione passa la strada statale 67 Tosco Romagnola (via Livornese) e, sul Ponte Nuovo, la strada statale 325 di Val di Setta e Val di Bisenzio (via Ponte Nuovo).

StoriaModifica

Le prime fonti giungono nel 1252 quando i Cistercensi costruirono un molo per rifornire alcuni mulini nel borgo di San Martino a Gangalandi.

Inizialmente l'economia del borgo si basava sul commercio e sulla produzione dei cappelli di paglia vendendo e comprando nel vicino borgo Porto di Mezzo.

Nelle Memorie di Pescia si narra di un ponte fatto costruire nel 1120 completamente di legno.

Nel 1278 crollò, e interrotta la comunicazione fra la riva destra e quella sinistra, permise alla pieve di San Martino a Gangalandi di ottenere il fonte battesimale dall'arcidiocesi di Firenze, che fino a quell'anno non era stato concesso dato che era presente nella vicina pieve di San Lorenzo.

Il documento della costruzione di un ponte di pietra sull'Arno arrivano nel 1287, dove sullo stemma di Signa viene raffigurato un ponte a sette archi.

Nel 1326 Castruccio Castracani distrusse il ponte dopo avere preso il castello di Signa per evitare che le forze fiorentine potessero avanzare da Lastra a Signa o da San Martino a Gangalandi attraversando Ponte a Signa.

 
Il ponte di Signa in un'incisione del 1744 di Giuseppe Zocchi

Venne ricostruito nel 1327, poi ci furono restauri nel XV secolo eliminando alcuni archi per permettere il passaggio a navicelli più grandi e infine gli ultimi interventi effettuati nel 1822.

Nel 1944 il ponte venne fatto saltare dai tedeschi in ritirata e poi ricostruito più a monte vicino alla vecchia collocazione della chiesa di Sant'Anna per permettere il passaggio automobilistico nel 1948.

La chiesa, che era situata sul Lungarno Bruno Buozzi, è stata distrutta nel 1945 durante la seconda guerra mondiale e poi ricostruita nell'antica piazza del Ponte, venne dedicata a Sant'Anna la madre della Vergine Maria. Il crocifisso, ora al suo interno, prima del 1930 era conservato nella Pieve di San Martino a Gangalandi, nel 1945 era stato riportato nella pieve per alcuni restauri e quando la chiesa crollò non era al suo interno. Passata la seconda guerra mondiale venne trasportato all'interno della nuova chiesa costruita sostituendo le vecchie case distrutte nella recente guerra. Ora fa parte della parrocchia della pieve di San Martino a Gangalandi.

Infrastrutture e trasportiModifica

Luoghi d'interesseModifica

IndustriaModifica

Alfa ColumbusModifica

L'Alfa Columbus è stata una delle maggiori realtà industriali di Lastra a Signa: fabbrica nel corso degli anni di ceramiche, cappelli di paglia, caschi coloniali, e infine di gomma. È attualmente sede dell'ASL Alfa Columbus, distretto n°8 Lastra a Signa, l'azienda sanitaria locale de Le Signe.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Toscana