Pontus Wernbloom

calciatore svedese
Pontus Wernbloom
Wernbloom 2017.jpg
Wernbloom al CSKA Mosca nel 2017
Nazionalità Svezia Svezia
Altezza 186 cm
Peso 85 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista, attaccante
Termine carriera 2021
Carriera
Giovanili
1998-2000Rosso e Blu.svg Herrljunga SK
2001-2003600px Rosso e Bianco.svg IK Kongahälla
2004-2005IFK Göteborg
Squadre di club1
2005-2009IFK Göteborg92 (26)
2009-2012AZ Alkmaar67 (7)
2012-2018CSKA Mosca167 (17)
2018-2020PAOK11 (0)
2020-2021IFK Göteborg19 (2)
Nazionale
2006-2010Svezia Svezia U-2124 (6)
2007-2016Svezia Svezia51 (2)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo Svezia 2009
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Pontus Anders Mikael Wernbloom (Kungälv, 25 giugno 1986) è un ex calciatore svedese, di ruolo centrocampista.

Caratteristiche tecnicheModifica

Di ruolo centrocampista,[1] si distingue per la foga agonistica che mette nei contrasti e per la resistenza che mostra nell'arco dei 90 minuti.[1] Può all'occorrenza giocare anche come prima punta,[1] mentre in un'occasione è stato utilizzato anche da terzino sinistro.[1]

CarrieraModifica

ClubModifica

Entrato a far parte delle giovanili dell'IFK Göteborg nel 2004, ha debuttato in prima squadra nel corso della stagione successiva, contraddistinguendosi per il suo stile di gioco duro: in sole sette partite dell'Allsvenskan 2005 giocate quell'anno, ha ricevuto quattro cartellini gialli e uno rosso.[2] A seguito del ritiro di Håkan Mild, avvenuto al termine dell'annata 2005, Wernbloom è stato stabilmente schierato da titolare, nel ruolo di centrocampista. Successivamente ha avuto qualche difficoltà complice un cambio di stile di gioco, ma nell'estate del 2007, dopo la cessione di Marcus Berg, è stato riqualificato nel ruolo di attaccante ed è tornato a partire dal primo minuto con regolarità.[3]

Il 29 aprile 2009 è stato ufficializzato l'accordo per il passaggio di Wernbloom agli olandesi dell'AZ Alkmaar, anche se egli ha comunque giocato per l'IFK Göteborg fino al 30 maggio seguente.[4] Ha debuttato in Eredivisie con la nuova maglia il 2 agosto 2009 contro l'Heracles Almelo, mentre il 21 febbraio 2010 ha segnato il suo primo gol con i biancorossi aprendo le marcature nel 3-3 in trasferta contro il VVV-Venlo.[5] Nei due anni e mezzo trascorsi nei Paesi Bassi ha disputato 67 partite di campionato e realizzato 7 reti.

Nel gennaio del 2012, Wernbloom è stato acquistato dai russi del CSKA Mosca.[6] Il suo debutto ufficiale in rossoblu, avvenuto il 21 febbraio 2012 nell'incontro contro il Real Madrid valido per l'andata degli ottavi di finale di Champions League 2011-2012, ha visto lui stesso segnare nei minuti di recupero il gol del definitivo 1-1.[7] Ha contribuito alla vittoria dei campionati 2012-2013 e 2013-2014 (oltre che della Coppa di Russia 2012-2013 e di due Supercoppe), poi il 9 settembre 2015 ha prolungato il suo contratto con il CSKA fino al giugno 2018.[8] Al termine di quella stagione, insieme alla squadra ha vinto per la terza volta il titolo nazionale. Nel suo ultimo anno in rossoblu, ha giocato spesso da attaccante anziché da centrocampista.[9] Al termine dell'ultima giornata della Prem'er-Liga 2017-2018, il tecnico Viktar Hančarėnka ha confermato che Wernbloom avrebbe lasciato la squadra.[10]

La sua carriera è proseguita in Grecia con il contratto triennale firmato nell'agosto del 2018 con il PAOK.[11] Il 17 dicembre 2018, durante la sfida sul campo del Levadeiakos, si è rotto il tendine di Achille,[12] chiudendo anzitempo una stagione che ha visto il PAOK tornare a laurearsi campione di Grecia 34 anni dopo l'ultima volta. Quella dell'infortunio è stata la sua ultima partita giocata con i bianconeri, visto che oltre ad aver dovuto saltare la rimanente parte della stagione 2018-2019, lo svedese non ha mai giocato neppure nell'intera stagione successiva.[12]

Nell'agosto del 2020 ha rescisso il contratto con il PAOK ed è tornato a giocare per l'IFK Göteborg dopo gli undici anni trascorsi nei campionati esteri.[13]

Il 14 luglio 2021, a stagione in corso, ha comunicato il suo ritiro dal calcio giocato per via dei problemi fisici.[14]

NazionaleModifica

Ha fatto parte della Nazionale maggiore svedese dal 2007 al 2016. Durante questo periodo, è stato convocato per gli Europei 2012 e per quelli del 2016.[15]

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

IFK Göteborg: 2007
IFK Göteborg: 2008
IFK Göteborg: 2008
AZ Alkmaar: 2009
CSKA Mosca: 2012-2013, 2013-2014, 2015-2016
CSKA Mosca: 2012-2013
CSKA Mosca: 2013, 2014
PAOK: 2018-2019
PAOK: 2018-2019

NoteModifica

  1. ^ a b c d (EN) Daan Louter, Marcus Christenson, Jim Powell, Chris Fenn, Euro 2016: every performance rated and profiles of all 552 players, su theguardian.com. URL consultato il 13 marzo 2020.
  2. ^ (SV) Wernbloom i en lång intervju, su svenskafans.com, 14 maggio 2010.
  3. ^ (SV) Wernbloom gjorde succé som anfallare, su expressen.se, 1º agosto 2007.
  4. ^ (SV) Wernbloom klar för AZ Alkmaar!, su svenskafans.com, 29 aprile 2009.
  5. ^ (NL) Puike voetbalshow tussen VVV en AZ kent geen winnaar, su vi.nl, 20 febbraio 2010.
  6. ^ Il CSKA acquista Wernbloom, su it.uefa.com, uefa.com, 19 gennaio 2012.
  7. ^ Un gol da ricordare per Wernbloom, su it.uefa.com, uefa.com, 21 febbraio 2012.
  8. ^ (RU) Понтус Вернблум продлил контракт с ПФК ЦСКА до 2018 года, su pfc-cska.com, 9 settembre 2015.
  9. ^ (SV) Anfallaren Wernbloom målskytt igen, su gp.se, 26 novembre 2017.
  10. ^ (RU) Гончаренко: «Миланов и Вернблум покинут ЦСКА. С Березуцкими и Игнашевичем разговариваем», su sport24.ru, 13 maggio 2018.
  11. ^ (EL) Υπέγραψε και προπονείται ο Βέρνμπλουμ, su sport24.gr, 16 agosto 2018.
  12. ^ a b (EL) Ρήξη αχίλλειου τένοντα και τέλος η σεζόν για Βέρνμπλουμ! (pic), su gazzetta.gr, 17 dicembre 2018.
  13. ^ (SV) Wernbloom klar för IFK – direkt in i truppen, su aftonbladet.se, 21 agosto 2020.
  14. ^ (SV) Beskedet: Lägger av med fotbollen, su expressen.se, 14 luglio 2021.
  15. ^ (SV) EM-truppen uttagen, su svenskfotboll.se, 11 maggio 2016. URL consultato l'11 maggio 2016 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2016).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica