Real Madrid Club de Fútbol

società polisportiva spagnola
Disambiguazione – "Real Madrid" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Real Madrid (disambigua).
Real Madrid CF
Calcio
Detentore della Supercoppa di Spagna Detentore della Supercoppa di Spagna
Los Blancos (I Bianchi), Los Merengues (Le Meringhe)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Bianco
Inno Hala Madrid y nada más
Manuel Jabois
Dati societari
Città Madrid
Nazione Bandiera della Spagna Spagna
Confederazione UEFA
Federazione RFEF
Campionato Primera División
Fondazione 1902
Presidente Bandiera della Spagna Florentino Pérez
Allenatore Bandiera dell'Italia Carlo Ancelotti
Stadio Santiago Bernabéu
(81 044 posti)
Sito web www.realmadrid.com
Palmarès
10 Liga spagnole10 Liga spagnole10 Liga spagnoleLiga spagnolaLiga spagnolaLiga spagnolaLiga spagnolaLiga spagnola 10 Coppe del Re10 Coppe del Re Coppa della Liga 10 Supercoppe spagnoleSupercoppa spagnolaSupercoppa spagnolaSupercoppa spagnola 10 Coppe dei CampioniCoppa dei CampioniCoppa dei CampioniCoppa dei CampioniCoppa dei Campioni Coppa UEFACoppa UEFA Supercoppa europeaSupercoppa europeaSupercoppa europeaSupercoppa europeaSupercoppa europea Coppa del mondo per clubCoppa del mondo per clubCoppa del mondo per clubCoppa del mondo per clubCoppa del mondo per club
Titoli di Spagna 35
Trofei nazionali 20 Coppe del Re
1 Coppe della Liga
13 Supercoppe di Spagna
1 Coppa Eva Duarte
Trofei internazionali 14 Coppe dei Campioni/Champions League
2 Coppe UEFA/Europa League
5 Supercoppe UEFA
3 Coppe Intercontinentali
5 Coppe del mondo per club
2 Coppe Latine
1 Coppa Iberoamericana
Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

Il Real Madrid Club de Fútbol, conosciuto semplicemente come Real Madrid, è una società calcistica spagnola con sede nella città di Madrid. Milita in Primera División, massima serie del campionato spagnolo di calcio.

Fondato nel 1902 con la denominazione ufficiale di Madrid Club de Fútbol, si vide assegnare il titolo di Real nel 1920 dal re Alfonso XIII di Spagna, insieme alla nota corona a decorarne lo stemma. Militante in Primera División dalla prima edizione del torneo (stagione 1928-1929), può vantare uno dei palmarès più prestigiosi al mondo.

A livello internazionale è la prima squadra al mondo, prima in Europa e prima in Spagna per numero di titoli confederali ed interconfenderali ufficiali vinti: 30. Nella bacheca del club complessivamente figurano: 14 Coppe dei Campioni/UEFA Champions League (record), 2 Coppe UEFA, 5 Supercoppe UEFA (record condiviso con Barcellona e Milan), 3 Coppe Intercontinentali (record), 5 Coppe del mondo per club FIFA (record), 2 Coppe Latine (record condiviso con Barcellona e Milan) ed una Coppa Iberoamericana (record), per un totale di 32 trofei internazionali maggiori. Tra i tanti primati, detiene quello di affermazioni totali (14) e consecutive (5, dall'edizione inaugurale 1955-56 a quella 1959-60) in Coppa dei Campioni.

A livello nazionale è la seconda squadra in Spagna per numero di titoli ufficiali vinti: 70. Nella bacheca del club figurano: 35 campionati (record), 20 Coppe di Spagna, una Coppa della Liga, 13 Supercoppe di Spagna e una Coppa Eva Duarte. Complessivamente il club si è aggiudicato 100 trofei ufficiali, 70 nazionali e 30 internazionali, che la rendono la squadra più vincente in Spagna davanti al Barcellona (94), e una delle più blasonate al mondo.

Nel 2000 il Real Madrid fu eletto dalla FIFA il miglior club del XX secolo,[1] mentre nel 2004 ha ricevuto dalla stessa federazione internazionale il FIFA Centennial Order of Merit. Il club è membro fondatore dell'ECA, associazione nata dallo scioglimento del G-14 allo scopo di tutelare gli interessi dei club e dei calciatori.

Storia modifica

Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del Real Madrid Club de Fútbol.
Una formazione del Madrid nel 1906

Il club viene fondato il 6 marzo 1902 come Madrid Football Club; figure importanti in questo senso sono Julián Palacios e Juan Padrós,[2] che sono anche i primi due presidenti del sodalizio. Il primo trofeo, la Coppa del Re, viene vinto nel 1905; seguono altre tre affermazioni consecutive in questa competizione.

In Spagna, però, non esiste ancora un campionato nazionale: il Madrid partecipa quindi al torneo regionale, dove otterrà nel tempo diciotto vittorie in totale.[3] La squadra ottiene nel 1917 il quinto successo in Coppa del Re, ma già dal 1912 aveva iniziato a giocare nel campo de O'Donnell; nel 1920 il re Alfonso XIII di Spagna gli conferisce perciò il titolo di "Real".[4]

Il club si trasferisce nel 1924 nel più ampio Stadio di Chamartín, e finalmente nel 1928 inizia il campionato nazionale. Il primo titolo arriva al termine dell'edizione 1931-1932 sotto la guida di Lippo Hertzka, ed è seguito dal secondo l'anno successivo. In questo periodo ci sono in rosa tra gli altri il portiere Ricardo Zamora, Jacinto Quincoces e Ciriaco Errasti.[5]

Arriva un nuovo successo, il settimo, in Coppa nel 1936 (diventata "de la República" a causa alla proclamazione della Seconda Repubblica Spagnola nel 1931), ma subito dopo in Spagna scoppia la guerra civile. Il Real Madrid non si trova in buone condizioni, come del resto tutto il Paese, tuttavia in questo periodo militano nel club buoni giocatori come José Bañón, José Llopis Corona e Pruden Sánchez.[6] Nel 1943 viene eletto a presidente l'ex giocatore Santiago Bernabéu che decide, tra le altre cose, la costruzione di un nuovo stadio. L'impianto, situato sempre a Chamartín, viene inaugurato 14 dicembre 1947 e sarà ribattezzato stadio Santiago Bernabéu il 4 gennaio 1955. I Blancos vincono altre due coppe (ora chiamate "del Generalísimo" in onore del Caudillo Francisco Franco) nel 1946 e nel 1947, ma ottengono poco dopo il peggior piazzamento di sempre in campionato, l'undicesimo posto del 1947-1948, due soli punti sopra la zona retrocessione.

Il Real torna a vincere il titolo nell'edizione 1953-1954, quando è già in rosa Alfredo Di Stéfano (Pallone d'oro 1957 e 1959), e ottiene il quarto successo l'anno successivo quando c'è anche Héctor Rial. Il club partecipa così alla Coppa Latina, prestigiosa competizione internazionale allora riservata ai campioni nazionali di Spagna, Italia, Francia e Portogallo, aggiundicandosi il primo trofeo europeo dopo aver battuto per 2-0 i francesi dello Stade Reims. A questo punto gli spagnoli, guidati da José Villalonga, partecipano anche alla prima edizione della Coppa dei Campioni ed arrivano a disputare la finale di Parigi. Qui sconfiggono per 4-3 nuovamente lo Stade Reims di Raymond Kopa, che viene ingaggiato e che vincerà il Pallone d'oro 1958. Da qui alla fine del decennio arrivano anche Ferenc Puskás e José Santamaría e i Blancos vincono altre quattro volte il trofeo continentale, battendo in finale rispettivamente la Fiorentina (2-0) (nello stesso anno il club conquista anche la sua seconda Coppa Latina, dopo aver sconfitto i portoghesi del Benfica), il Milan (3-2 d.t.s.), ancora lo Stade Reims (2-0) ed infine l'Eintracht Francoforte (7-3); seduti in panchina ci sono Luis Carniglia e Miguel Muñoz, con quest'ultimo che resterà in carica per quattordici anni di fila. Il decennio successivo si apre con la nascita della Coppa Intercontinentale e il club vince subito la prima edizione del 1960 battendo nel doppio confronto il Peñarol. Trova però poco dopo una squadra capace di eliminarlo dalla massima manifestazione continentale, il Barcellona, che ha la meglio negli ottavi della Coppa dei Campioni 1960-1961.

Il Real Madrid vincitore della Coppa dei Campioni 1965-1966

Lentamente alcuni degli artefici dei recenti successi lasciano. Vengono però sostituiti da una nuova generazione di campioni, passata alla storia come Yé-yé: il più rappresentativo di tutti è Francisco Gento, già stella del Real Madrid cinque volte vincitore della Coppa dei Campioni, mentre altri sono José Araquistáin, Pachín, Pedro de Felipe, Manuel Sanchís Martínez, Pirri, Ignacio Zoco, Francisco Serena, Amancio Amaro, Ramón Grosso e Manuel Velázquez.[7] Il Real gioca tre finali di Coppa dei Campioni: perde le prime due, contro il Benfica nel 1961-1962 e contro l'Inter nel 1963-1964, ma si aggiudica il sesto trofeo nel 1965-1966 grazie ad una vittoria per 2-1 sul Partizan. Nella successiva Coppa Intercontinentale di fronte c'è ancora il Peñarol, ma stavolta gli uruguaiani si prendono la rivincita. In questo decennio per i blancos si contano otto titoli spagnoli e sei nel successivo, quando militano nel club giocatori come Juanito e Uli Stielike.[8] Si registra una nuova finale europea, nella Coppa delle Coppe 1970-1971, che viene però conquistata dal Chelsea. Gli anni Ottanta si aprono col ventesimo titolo del 1980 e con la quattordicesima Coppa (ritornata da poco a chiamarsi "del Re" dopo la fine del Franchismo), inoltre i Blancos raggiungono nuovamente l'ultimo atto nelle competizioni europee, nella Coppa dei Campioni 1980-1981 e nella Coppa delle Coppe 1982-1983; sono però sconfitti da Liverpool e Aberdeen.

Un altro cambio generazionale è, tuttavia, alle porte: si parla ora della quinta del Buitre. L'epiteto, traducibile in italiano come "leva dell'Avvoltoio",[9] deriva dal soprannome dato al membro più carismatico della squadra, Emilio Butragueño; gli altri quattro componenti sono Miguel Pardeza, Manuel Sanchís, Míchel e Martín Vazquéz, e a questi va aggiunto il messicano Hugo Sánchez.[10] I risultati non tardano ad arrivare: il Real Madrid si aggiudica due edizioni della Coppa UEFA, quella del 1985 e la successiva, battendo prima il Colonia, poi il Videoton. Questo decennio si chiude con cinque titoli nazionali di fila, tra il 1986 e il 1990, mentre nel successivo, quando tra i protagonisti ci sono Roberto Carlos, Raúl, Davor Šuker e Predrag Mijatović,[11] ne vengono vinti altri due.

Con questi giocatori gli spagnoli tornano presto al successo nella UEFA Champions League, con Jupp Heynckes alla guida tecnica, nel 1997-1998 (vittoria sulla Juventus), e pure nel 1999-2000, quando al timone c'è Vicente del Bosque (ad essere battuto in finale è il Valencia nel derby spagnolo). Viene messa in bacheca un'altra Coppa Intercontinentale: ad essere battuto nel 1998 è il Vasco da Gama, mentre va male due anni dopo contro il Boca Juniors.

Nel 2000 viene eletto presidente Florentino Pérez, che inaugura la politica dei Galácticos ("galattici"), una campagna di rafforzamento improntata all'acquisto delle maggiori stelle del calcio mondiale: nel 2000 il fuoriclasse portoghese Luís Figo viene strappato al Barcellona, nel 2001 arriva Zinédine Zidane, un anno dopo Ronaldo[12][13] e la squadra, sempre guidata da del Bosque, vince la UEFA Champions League 2001-2002 (dopo aver battuto il Bayer Leverkusen), la Coppa Intercontinentale 2002, la Supercoppa UEFA 2002 e due campionati spagnoli, l'ultimo dei quali nel 2002-2003.

I festeggiamenti per la Decimotercera nel 2018

Nel 2003 viene ingaggiato David Beckham e nel 2004 Michael Owen. Malgrado la politica dei Galácticos, la squadra, dopo il controverso esonero di del Bosque, sollevato dall'incarico meno di ventiquattr'ore dopo la vittoria della Liga al termine della stagione 2002-2003, vive in seguito alcuni anni di insuccessi. Si avvicendano sulla panchina madrilena vari tecnici, che non riescono a ottenere i risultati sperati. Le vittorie, ad eccezione della Supercoppa di Spagna 2003, latitano e nel 2006 Pérez lascia la presidenza a Ramón Calderón, sotto la cui gestione il Real Madrid si aggiudica nuovamente il campionato nel 2006-2007, con la guida tecnica del rientrante Fabio Capello, e nel 2007-2008, con quella di Bernd Schuster. Nel 2009 Pérez torna in sella e porta con sé un copioso investimento, strappando il fuoriclasse Cristiano Ronaldo al Manchester Utd. È l'alba di una nuova era di successi, che inizia sotto la gestione di José Mourinho nel 2010-2011, con la vittoria della Coppa del Re; il tecnico portoghese si aggiudica poi la Liga nel 2011-2012 alla quota record di 100 punti.

Una nuova stagione di vittorie europee è alle porte. Sospinto da Cristiano Ronaldo (Pallone d'oro 2013, 2014, 2016, 2017) e Luka Modrić (Pallone d'oro 2018),[12] nel 2013-2014 il Real Madrid di Carlo Ancelotti vince la decima UEFA Champions League battendo in finale i concittadini dell'Atlético Madrid, e, per la prima volta, la Coppa del mondo per club FIFA. Nel 2016 è l'ex stella Zinédine Zidane a sedersi in panchina: sotto la guida del francese la squadra si aggiudica la UEFA Champions League per tre volte consecutive (2015-2016, 2016-2017 e 2017-2018, rispettivamente contro Atlético Madrid, Juventus e Liverpool), una striscia record nell'era Champions, oltre a due Supercoppe UEFA, tre Coppe del mondo per club FIFA e, in ambito nazionale, il campionato 2016-2017 e due Supercoppe di Spagna. Le sopraggiunte partenze di Zidane e Cristiano Ronaldo chiudono nell'estate 2018 questo ciclo madridista, tra i più vittoriosi nella storia del calcio europeo d'inizio XXI secolo.

Zidane riassume poi la guida tecnica del club agli inizi del 2019 e la mantiene per un biennio, vincendo il campionato 2019-2020, mentre nel 2021-2022 il rientrante Carlo Ancelotti guida le merengues alla vittoria del campionato e della UEFA Champions League, ancora contro il Liverpool. I successi di Ancelotti proseguono nella stagione seguente, con le vittorie in Supercoppa UEFA, nella Coppa del mondo per club FIFA e nella Coppa del Re.

Cronistoria modifica

Cronistoria del Real Madrid Club de Fútbol
  • 1902 - 6 marzo: data di fondazione del Madrid Foot-Ball Club.
3º posto in Coppa dell'Incoronazione.[14]
  • 1902-1903 - 2º nel Campeonato de Madrid.
2º posto in Coppa del Re.
  • 1903-1904 - Semifinale del Campeonato de Madrid.
  • 1904-1905 - Vince il Campeonato de Madrid (1º titolo).
Vince la Coppa del Re (1º titolo).
  • 1905-1906 - Vince il Campeonato de Madrid (2º titolo).
Vince la Coppa del Re (2º titolo).
  • 1906-1907 - 1° nel Campeonato Regional de Madrid.[15]
Vince la Coppa del Re (3º titolo).
  • 1907-1908 - Vince il Campeonato Regional de Madrid (3º titolo).
Vince la Coppa del Re (4º titolo).
  • 1908-1909 - 3º nel Campeonato Regional de Madrid.
  • 1909-1910 - 3º nel Campeonato Regional de Madrid.
3º posto nel Torneo UEFC della Coppa del Re.

  • 1910-1911 - 2º nel Campeonato Regional de Madrid.
  • 1911-1912 - Non partecipa al Campeonato Regional de Madrid.
  • 1912-1913 - Vince il Campeonato Regional de Madrid (4º titolo).
Semifinale del Torneo FEF della Coppa del Re.
  • 1913-1914 - 3º nel Campeonato Regional Centro.
  • 1914-1915 - 3º nel Campeonato Regional Centro.
  • 1915-1916 - Vince il Campeonato Regional Centro (5º titolo).
Finale di Coppa del Re.
  • 1916-1917 - Vince il Campeonato Regional Centro (6º titolo).
Vince la Coppa del Re (5º titolo).
  • 1917-1918 - Vince il Campeonato Regional Centro (7º titolo).
Finale di Coppa del Re.
  • 1918-1919 - 2º nel Campeonato Regional Centro.
  • 1919-1920 - Vince il Campeonato Regional Centro (8º titolo).
Quarti di finale di Coppa del Re.

  • 1920 - Alfonso XIII di Spagna conferisce il titolo di Real al club, che cambia denominazione in Real Madrid Foot-Ball Club.
  • 1920-1921 - 3º nel Campeonato Regional Centro.
  • 1921-1922 - Vince il Campeonato Regional Centro (9º titolo).
Semifinale di Coppa del Re.
  • 1922-1923 - Vince il Campeonato Regional Centro (10º titolo).
Quarti di finale di Coppa del Re.
Vince la Copa Federación Centro (1º titolo).
  • 1923-1924 - Vince il Campeonato Regional Centro (11º titolo).
Finale di Coppa del Re.
  • 1924-1925 - 2º nel Campeonato Regional Centro.
  • 1925-1926 - Vince il Campeonato Regional Centro (12º titolo).
Quarti di finale di Coppa del Re.
  • 1926-1927 - Vince il Campeonato Regional Centro (13º titolo).
Semifinale di Coppa del Re.
  • 1927-1928 - 2º nel Campeonato Regional Centro.
Quarti di finale di Coppa del Re.
Vince la Copa Federación Centro (2º titolo).
Vince il Campeonato Regional Centro (14º titolo).
Finale di Coppa del Re.
Vince il Campeonato Regional Centro (15º titolo).
Finale di Coppa del Re.

Vince il Campeonato Regional Centro (16º titolo).
Quarti di finale di Copa de la República.
  • 1931 - Perde il titolo di Real e cambia denominazione in Madrid Club de Fútbol.
  • 1931-1932 - Campione di Spagna (1º titolo).
Vince il Campeonato Mancomunado Castilla-Aragón (17º titolo).
Ottavi di finale di Copa de la República.
Vince il Campeonato Mancomunado Centro-Sur (18º titolo).
Finale di Copa de la República.
Vince il Campeonato Mancomunado Centro-Sur (19º titolo).
Vince la Copa de la República (6º titolo).
Vince il Campeonato Mancomunado Castilla-Aragón (20º titolo).
Ottavi di finale di Copa de la República.
Vince il Campeonato Mancomunado Castilla-Aragón (21º titolo).
Vince la Copa de la República (7º titolo).
2º nel Campeonato Mancomunado Centro.
Finale di Copa del Generalísimo.

Ottavi di finale di Copa del Generalísimo.
Finale di Copa Presidente Federación Castellana.
  • 1941 - Cambia denominazione in Real Madrid Club de Fútbol.
  • 1941-1942 - 2º in Primera División.
Quarti di finale di Copa del Generalísimo.
Finale di Copa del Generalísimo.
Ottavi di finale di Copa del Generalísimo.
Vince la Copa Presidente Federación Castellana (3º titolo).
Ottavi di finale di Copa del Generalísimo.
Vince la Copa del Generalísimo (8º titolo).
Vince la Copa del Generalísimo (9º titolo).
Ottavi di finale di Copa del Generalísimo.
Vince la Coppa Eva Duarte (1º titolo).
Quarti di finale di Copa del Generalísimo.
Semifinale di Copa del Generalísimo.

Semifinale di Copa del Generalísimo.
Semifinale di Copa del Generalísimo.
Semifinale di Copa del Generalísimo.
Semifinale di Copa del Generalísimo.
Semifinale di Copa del Generalísimo.
Vince la Coppa Latina (1º titolo).
Semifinale di Copa del Generalísimo.
Vince la Coppa dei Campioni (1º titolo).
Quarti di finale di Copa del Generalísimo.
Vince la Coppa dei Campioni (2º titolo).
Vince la Coppa Latina (2º titolo).
Finale di Copa del Generalísimo.
Vince la Coppa dei Campioni (3º titolo).
Semifinale di Copa del Generalísimo.
Vince la Coppa dei Campioni (4º titolo).
Finale di Copa del Generalísimo.
Vince la Coppa dei Campioni (5º titolo).

Finale di Copa del Generalísimo.
Ottavi di finale di Coppa dei Campioni.
Vince la Coppa Intercontinentale (1º titolo).
Vince la Copa del Generalísimo (10º titolo).
Finale di Coppa dei Campioni.
Semifinale di Copa del Generalísimo.
Primo turno di Coppa dei Campioni.
Quarti di finale di Copa del Generalísimo.
Finale di Coppa dei Campioni.
Ottavi di finale di Copa del Generalísimo.
Quarti di finale di Coppa dei Campioni.
Quarti di finale di Copa del Generalísimo.
Vince la Coppa dei Campioni (6º titolo).
Quarti di finale di Copa del Generalísimo.
Quarti di finale di Coppa dei Campioni.
Finale di Coppa Intercontinentale.
Finale di Copa del Generalísimo.
Semifinale di Coppa dei Campioni.
Ottavi di finale di Copa del Generalísimo.
Ottavi di finale di Coppa dei Campioni.
Vince la Copa del Generalísimo (11º titolo).
Ottavi di finale di Coppa dei Campioni.

Sedicesimi di finale di Copa del Generalísimo.
Finale di Coppa delle Coppe.
Semifinale di Copa del Generalísimo.
Sedicesimi di finale di Coppa UEFA.
Ottavi di finale di Copa del Generalísimo.
Semifinale di Coppa dei Campioni.
Vince la Copa del Generalísimo (12º titolo).
Trentaduesimi di finale di Coppa UEFA.
Vince la Copa del Generalísimo (13º titolo).
Quarti di finale di Coppa delle Coppe.
Ottavi di finale di Copa del Generalísimo.
Semifinale di Coppa dei Campioni.
Terzo turno di Coppa del Re.
Ottavi di finale di Coppa dei Campioni.
Ottavi di finale di Coppa del Re.
Finale di Coppa del Re.
Ottavi di finale di Coppa dei Campioni.
Vince la Coppa del Re (14º titolo).
Semifinale di Coppa dei Campioni.

Quarti di finale di Coppa del Re.
Finale di Coppa dei Campioni.
Vince la Coppa del Re (15º titolo).
Quarti di finale di Coppa UEFA.
Finale di Coppa del Re.
Finale di Supercoppa di Spagna.
Finale di Coppa della Liga.
Finale di Coppa delle Coppe.
Semifinale di Coppa del Re.
Primo turno di Coppa della Liga.
Trentaduesimi di finale di Coppa UEFA.
Ottavi di finale di Coppa del Re.
Coppa della Liga Vince la Coppa della Liga (1º titolo).
Vince la Coppa UEFA (1º titolo).
Semifinale di Coppa del Re.
Ottavi di finale di Coppa della Liga.
Vince la Coppa UEFA (2º titolo).
Semifinale di Coppa del Re.
Semifinale di Coppa dei Campioni.
Semifinale di Coppa del Re.
Semifinale di Coppa dei Campioni.
Vince la Coppa del Re (16º titolo).
Vince la Supercoppa di Spagna (1º titolo).
Semifinale di Coppa dei Campioni.
Finale di Coppa del Re.
Vince la Supercoppa di Spagna (2º titolo).[16]
Ottavi di finale di Coppa dei Campioni.

Ottavi di finale di Coppa del Re.
Vince la Supercoppa di Spagna (3º titolo).
Quarti di finale di Coppa dei Campioni.
Finale di Coppa del Re.
Semifinale di Coppa UEFA.
Vince la Coppa del Re (17º titolo).
Quarti di finale di Coppa UEFA.
Quarti di finale di Coppa del Re.
Vince la Supercoppa di Spagna (4º titolo).
Quarti di finale di Coppa delle Coppe.
Vince la Coppa Iberoamericana (1º titolo).
Ottavi di finale di Coppa del Re.
Ottavi di finale di Coppa UEFA.
Ottavi di finale di Coppa del Re.
Finale di Supercoppa di Spagna.
Quarti di finale di Champions League.
Ottavi di finale di Coppa del Re.
Ottavi di finale di Coppa del Re.
Vince la Supercoppa di Spagna (5º titolo).
Vince la Champions League (7º titolo).
Semifinale di Coppa del Re.
Quarti di finale di Champions League.
Finale di Supercoppa UEFA.
Vince la Coppa Intercontinentale (2º titolo).
Quarti di finale di Coppa del Re.
Vince la Champions League (8º titolo).
Semifinale di Campionato Mondiale per club.

Trentaduesimi di finale di Coppa del Re.
Semifinale di Champions League.
Finale di Supercoppa UEFA.
Finale di Coppa Intercontinentale.
Finale di Coppa Iberica.
Finale di Coppa del Re.
Vince la Supercoppa di Spagna (6º titolo).
Vince la Champions League (9º titolo).
Quarti di finale di Coppa del Re.
Semifinale di Champions League.
Vince la Supercoppa UEFA (1º titolo).
Vince la Coppa Intercontinentale (3º titolo).
Finale di Coppa del Re.
Vince la Supercoppa di Spagna (7º titolo).
Quarti di finale di Champions League.
Ottavi di finale di Coppa del Re.
Ottavi di finale di Champions League.
Semifinale di Coppa del Re.
Ottavi di finale di Champions League.
Ottavi di finale di Coppa del Re.
Ottavi di finale di Champions League.
Ottavi di finale di Coppa del Re.
Finale di Supercoppa di Spagna.
Ottavi di finale di Champions League.
Sedicesimi di finale di Coppa del Re.
Vince la Supercoppa di Spagna (8º titolo).
Ottavi di finale di Champions League.
Sedicesimi di finale di Coppa del Re.
Ottavi di finale di Champions League.

Vince la Coppa del Re (18º titolo).
Semifinale di Champions League.
Quarti di finale di Coppa del Re.
Finale di Supercoppa di Spagna.
Semifinale di Champions League.
Finale di Coppa del Re.
Vince la Supercoppa di Spagna (9º titolo).
Semifinale di Champions League.
Vince la Coppa del Re (19º titolo).
Vince la Champions League (10º titolo).
Ottavi di finale di Coppa del Re.
Finale di Supercoppa di Spagna.
Semifinale di Champions League.
Vince la Supercoppa UEFA (2º titolo).
Vince la Coppa del mondo per club (1º titolo).
Sedicesimi di finale di Coppa del Re.
Vince la Champions League (11º titolo).
Quarti di finale di Coppa del Re.
Vince la Champions League (12º titolo).
Vince la Supercoppa UEFA (3º titolo).
Vince la Coppa del mondo per club (2º titolo).
Quarti di finale di Coppa del Re.
Vince la Supercoppa di Spagna (10º titolo).
Vince la Champions League (13º titolo).
Vince la Supercoppa UEFA (4º titolo).
Vince la Coppa del mondo per club (3º titolo).
Semifinale di Coppa del Re.
Ottavi di finale di Champions League.
Finale di Supercoppa UEFA.
Vince la Coppa del mondo per club (4º titolo).
Quarti di finale di Coppa del Re.
Vince la Supercoppa di Spagna (11º titolo).
Ottavi di finale di Champions League.
Sedicesimi di finale di Coppa del Re.
Semifinale di Supercoppa di Spagna.
Semifinale di Champions League.
Quarti di finale di Coppa del Re.
Vince la Supercoppa di Spagna (12º titolo).
Vince la Champions League (14º titolo).
Vince la Supercoppa UEFA (5º titolo).
Vince la Coppa del mondo per club (5º titolo).
Finale di Supercoppa di Spagna.
Semifinale di Champions League.
Vince la Coppa del Re (20º titolo).
Ottavi di finale di Coppa del Re.
Vince la Supercoppa di Spagna (13° titolo).
in Champions League.

Colori e simboli modifica

Colori modifica

Tradizionalmente la divisa casalinga del Real Madrid è completamente bianca. Il completo bianco fu rimpiazzato nel 1925 da una divisa spezzata, con i calzoni neri, sul modello della compagine londinese del Corinthian.[17][18] Nei primi anni 1940, alla maglia furono aggiunti dei bottoni e lo stemma fu spostato sul lato sinistro del petto, all’altezza del cuore, posizione dove si trova tuttora.

Il 23 novembre 1947, in un derby con l'Atlético Madrid, il Real Madrid divenne la prima squadra spagnola a indossare maglie numerate.[19] Nel 1965 la squadra giocò un'amichevole contro il River Plate indossando una maglia verde.[20]

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1902
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1911
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1914
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1925
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1926
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1931
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1941
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1954
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1955
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1980
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1981-1982
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1984-1986
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1986-1989
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1989-1990
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1990-1991
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1992-1993
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1993-1994
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1994-1995
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1996-1997
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1997-1998
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1998-1999
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2000-2001
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2001-2002
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2002-2003
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2003-2004
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2004-2005
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2005-2006
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2006-2007
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2007-2008
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2008-2009
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2009-2010
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2010-2011
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2011-2012
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2012-2013
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2013-2014
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2014-2015
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2015-2016
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2016-2017
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2017-2018
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2018-2019
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2019-2020
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2020-2021
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2021-2022
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2022-2023
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2023-2024

Simboli ufficiali modifica

Stemma modifica

Il primo simbolo del Real Madrid aveva un design semplice, che consisteva in un intreccio decorativo delle lettere "MCF", acronimo di Madrid Club de Fútbol, in tonalità blu scuro.

La prima modifica dello stemma fu apportata nel 1908, quando le lettere adottarono una forma più stilizzata e furono inserite in un cerchio.[21] Un ulteriore cambiamento fu apportato nel 1920, sotto la presidenza di Pedro Parages.[22] Quell'anno, il 29 giugno re Alfonso XIII di Spagna concesse al club il titolo di "Real"; ciò consentì alla società di aggiungere al disegno originale la corona reale.[21]

Con la dissoluzione della monarchia nel 1931, ogni simbolo reale fu eliminato. Dal nome fu tolta la denominazione "Real"; nello stemma la corona fu eliminata mentre nel cerchio contenente le lettere fu aggiunta una banda trasversale violetta, a rappresentare la Castiglia. Nel 1941, due anni dopo la conclusione della Guerra civile spagnola, fu ripristinata la corona reale, mantenendo anche la banda trasversale. Inoltre, tutto lo stemma divenne completamente colorato. Il club tornò a chiamarsi "Real Madrid Club de Fútbol".[21]

La modifica più recente allo stemma del club fu apportata nel 2001, per renderlo più attuale e moderno; degno di nota, il cambiamento del colore della banda violacea in onore della Castiglia che diventa Blu navy.

Inno modifica

L'inno del Real Madrid si intitola Hala Madrid y nada más[23] ed è stato composto nel 2014 dal musicista e produttore RedOne, su testo del giornalista Manuel Jabois, per celebrare la vittoria della decima Coppa dei Campioni. In seguito è stato registrato anche dal famoso tenore, tifoso madridista, Plácido Domingo. È invece del 1952 l'inno storico che ancora risuona al Bernabeu: dal titolo Hala Madrid, fu inciso dal cantante José de Aguilar.

Strutture modifica

Stadio modifica

Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Santiago Bernabéu.
Panoramica dello stadio Santiago Bernabéu

Il Real Madrid disputa le partite interne nello stadio Santiago Bernabéu, che ha una capacità di 81 044 spettatori (il 16º al mondo per capienza) e un campo da gioco di 105 per 68 metri.[24] All'interno sono oggi presenti il museo ufficiale del Real Madrid, oltre a numerosi ristoranti. Lo stadio è raggiungibile anche con la linea 10 della metropolitana di Madrid, scendendo nell'omonima fermata.

Nella storia, però, ha avuto vari terreni di gioco: dal 1902 al 1912 ha giocato nella plaza de toros Goya di Madrid,[25] per passare poi, fino al 1923, nel campo de O'Donnell.[25] Nel solo anno successivo il club gioca nel campo de Ciudad Lineal,[25] prima di trasferirsi allo stadio di Chamartín, utilizzato fino al 1945.[25]

È a questo punto che il neoeletto presidente Santiago Bernabéu decide di costruire un nuovo impianto, sempre a Chamartín, i cui lavori iniziano il 27 ottobre 1944 su progetto dell'architetto José María Castell. Originariamente chiamato nuovo stadio Chamartín e capace inizialmente di 75 000 posti,[26] è stato inaugurato 14 dicembre 1947. In seguito la sua capienza è stata incrementata fino a 125 000 nel 1954,[26] successivamente ridotti, mentre il 4 gennaio 1955 viene ribattezzato con l'attuale nome.

Centro di allenamento modifica

Lo stesso argomento in dettaglio: Ciudad Real Madrid.

Il centro sportivo del club è la Ciudad Real Madrid. Costruita durante la prima presidenza di Florentino Pérez e inaugurata il 30 settembre 2005,[27] sorge nella parte nord-est di Madrid, nei pressi del parco Valdebebas e dell'Aeroporto di Madrid-Barajas. Occupa un'area di 1200000  e contiene dieci campi da gioco in erba,[27] oltre ad uno stadio intitolato ad Alfredo Di Stéfano che è il terreno di gioco della seconda squadra del club, il Real Madrid Castilla,[28] e che ha ospitato anche la prima squadra tra la fine della stagione 2019-2020 e l'inizio della 2020-2021 (durante i lavori di ristrutturazione del Santiago Bernabéu).[29] In questo centro si allena anche la squadra di pallacanestro e sono ospitate pure le residenze per i giovani appartenenti alla cantera del club,[30] oltre alla sede di Real Madrid TV.

In precedenza il club si allenava nella Ciudad Deportiva del Real Madrid. Costruita su iniziativa del presidente Santiago Bernabéu, era invece situata nella zona nord di Madrid; l'inaugurazione era avvenuta il 18 maggio 1963.[31]

Società modifica

È stato durante la prima presidenza di Florentino Pérez (2000-2006) che il Real Madrid ha iniziato la sua ambizione di diventare il club di calcio professionistico più ricco del mondo.[32] Nel 2001, il club ha ceduto parte dei suoi terreni di allenamento alla città di Madrid e ha venduto il resto a quattro società: Repsol YPF, Mutua Automovilística de Madrid, Sacyr Vallehermoso e OHL. La vendita ha eliminato i debiti del club, aprendo la strada per l'acquisto dei giocatori più costosi al mondo, come Zinedine Zidane, Luís Figo, Ronaldo e David Beckham. La città aveva precedentemente cambiato la destinazione d'uso dei terreni di allenamento per lo sviluppo, aumentandone così il valore, e poi ne aveva acquisito il sito.[33] La Commissione europea ha avviato un'indagine per determinare se la città abbia pagato troppo per la proprietà, considerandola una forma di sovvenzione statale.[34]

La vendita del terreno di allenamento per edifici per uffici ha eliminato i debiti del Real Madrid pari a 270 milioni di euro e ha permesso al club di intraprendere una straordinaria ondata di spese che ha portato giocatori di grande nome al club. Inoltre, il profitto dalla vendita è stato utilizzato per un modernissimo complesso di allenamento alla periferia della città.[35] Sebbene la politica di Pérez abbia portato a un aumento del successo finanziario sfruttando l'alto potenziale di marketing del club in tutto il mondo, soprattutto in Asia, è stata sempre più criticata per essere troppo focalizzata sul marketing del marchio Real Madrid e non abbastanza sulle prestazioni della squadra.[36] Il Real Madrid, con il nuovo allenatore Carlos Queiroz, ha iniziato lentamente il campionato domestico dopo una difficile vittoria contro il Real Betis.[36]

Nel settembre 2007, il Real Madrid è stato considerato il marchio calcistico più prezioso in Europa da BBDO. Nel 2008 è stato classificato come il secondo club più prezioso nel calcio mondiale, con un valore di 951 milioni di euro (640 milioni di sterline / 1.285 miliardi di dollari),[37] superato solo dal Manchester United, valutato 1,333 miliardi di euro (900 milioni di sterline).[38] Nel 2010, il Real Madrid aveva il fatturato più alto nel calcio a livello mondiale.[39] Nel settembre 2009, la dirigenza del Real Madrid ha annunciato piani per aprire un parco a tema dedicato al club entro il 2013.[40]

Uno studio presso l'Università di Harvard ha concluso che il Real Madrid "è uno dei 20 marchi più importanti e l'unico in cui i suoi dirigenti, i giocatori, sono ben noti. Abbiamo alcune cifre spettacolari riguardo al supporto mondiale del club. Si stima che ci siano nel mondo circa 287 milioni di persone che seguono il Real Madrid."[41] Nel 2010, Forbes ha valutato il valore del Real Madrid intorno a 992 milioni di euro (1,323 miliardi di dollari), classificandolo al secondo posto solo dietro il Manchester United, basandosi su cifre della stagione 2008-09.[42][43] Secondo Deloitte, il Real Madrid ha registrato un fatturato di 401 milioni di euro nello stesso periodo, posizionandosi al primo posto.[44]

Insieme a Barcellona, Athletic Bilbao e Osasuna, il Real Madrid è organizzato come un'associazione registrata. Ciò significa che il club è di proprietà dei suoi sostenitori che eleggono il presidente. Il presidente non può investire i propri soldi,[45] e il club può spendere solo ciò che guadagna, principalmente attraverso sponsorizzazioni, partnership commerciali, vendita di merchandise, diritti televisivi, premi e vendita dei biglietti. A differenza di una società per azioni, non è possibile acquistare azioni del club, ma solo una tessera di socio.[46] I membri del Real Madrid, chiamati socios, formano un'assemblea di delegati che è l'organo di governo più elevato del club.[47] Nel 2010, il club aveva 60.000 socios.[48] Alla fine della stagione 2009-10, il consiglio di amministrazione del club ha dichiarato che il Real Madrid aveva un debito netto di 244,6 milioni di euro, 82,1 milioni di euro in meno rispetto all'anno fiscale precedente. Il Real Madrid ha annunciato di avere un debito netto di 170 milioni di euro dopo la stagione 2010-11. Dal 2007 al 2011, il club ha realizzato un utile netto di 190 milioni di euro.[49][50]

Durante la stagione 2009-10, il Real Madrid ha guadagnato 150 milioni di euro attraverso la vendita dei biglietti, il più alto tra tutti i club di calcio di prima divisione.[49] Il Real Madrid ha il maggior numero di vendite di maglie per stagione, circa 1,5 milioni.[49] Per la stagione 2010-11, il monte salari del Madrid ammontava a 169 milioni di euro, il secondo più alto in Europa dietro al Barcellona;[51] inoltre, il rapporto tra il monte salari e il fatturato era il migliore in Europa al 43 percento, davanti a Manchester United e Arsenal rispettivamente al 46 percento e 50 percento. Nel 2013, Forbes ha elencato il club come la squadra sportiva più preziosa al mondo, con un valore di 3,3 miliardi di dollari.[52] Nel 2018, il valore del Real Madrid è stato stimato a 3,47 miliardi di euro (4,1 miliardi di dollari), e nella stagione 2016-17 è stato il secondo club di calcio con il più alto guadagno al mondo, con un fatturato annuale di 674,6 milioni di euro.[53] Nel novembre 2018, lo stipendio medio del primo team del Madrid era di £8,1 milioni (10,6 milioni di dollari) all'anno, rendendolo la seconda squadra sportiva più pagata al mondo dopo il Barcellona.[54][55] Nel 2022, Forbes ha elencato il Real Madrid come il club di calcio più prezioso al mondo, con un valore di 5,1 miliardi di dollari.

Organigramma societario modifica

Staff dirigenziale[56]
  • Presidente: Bandiera della Spagna Florentino Pérez
  • Vicepresidente: Bandiera della Spagna Fernando Fernández Tapia
  • Vicepresidente: Bandiera della Spagna Eduardo Fernández de Blas
  • Segretario: Bandiera della Spagna Enrique Sánchez González
  • Direttore generale: Bandiera della Spagna José Angel Sanchez
  • Direttore di controllo e auditing interno: Bandiera della Spagna Carlos Martínez de Albornoz
  • Capo di Gabinetto della presidenza: Bandiera della Spagna Manuel Redondo
  • Direttore economico: Bandiera della Spagna Julio Esquerdeiro
  • Direttore commerciale: Bandiera della Spagna Begoña Sanz
  • Direttore risorse: Bandiera della Spagna Enrique Balboa
  • Direttore operazioni e servizi: Bandiera della Spagna Fernando Tormo
  • Direttore dell'area comunicazione: Bandiera della Spagna Antonio Galeano
  • Direttore delle relazioni istituzionali: Bandiera della Spagna Emilio Butragueño
  • Direttore sportivo della sezione cestistica: Bandiera della Spagna Juan Carlos Sánchez-Lázaro
  • Direttore della commissione di consulenza legale: Bandiera della Spagna Javier López Farre
  • Risorse umane: Bandiera della Spagna José María García
  • Direttore Fondazione "Real Madrid": Bandiera della Spagna Julio González
  • Direttore dell'area sociale: Bandiera della Spagna José Luis Sánchez
  • Capo del protocollo: Bandiera della Spagna Raúl Serrano

modifica

Abbigliamento tecnico
Sponsor ufficiale

Impegno nel sociale modifica

Il club ha attiva una fondazione, il cui obiettivo è quello di mettere a servizio della società i valori sociali e culturali dello sport, sia in Spagna che nel mondo.[57]

Settore giovanile modifica

Lo stesso argomento in dettaglio: Real Madrid Castilla.

Il club possiede una florida cantera, colloquialmente nota come La Fábrica,[58] che nel tempo ha prodotto calciatori che hanno fatto spesso la fortuna del club. Sono passati da qui tra gli altri i componenti della Quinta del Buitre (Emilio Butragueño, Miguel Pardeza, Manuel Sanchís Hontiyuelo, Míchel e Martín Vázquez), ma anche Gregorio Benito, Chendo, Iker Casillas, Álvaro Arbeloa, Raúl, Guti, Juan Manuel Mata, Kiko Casilla, Borja Valero, Rubén de la Red, Daniel Carvajal, Rodrigo Moreno Machado, José María Callejón, Juan Francisco Torres, Álvaro Morata, Jesé e Lucas Vázquez.

Alla stagione 2018-2019 la seconda squadra del club è il Real Madrid Castilla, che milita in Segunda División B, la terza divisione del calcio spagnolo; fino al 2015 era attivo anche il Real Madrid Club de Fútbol C, in pratica la terza squadra. Il Castilla ha probabilmente toccato il punto di maggior notorietà internazionale partecipando alla Coppa delle Coppe 1980-1981, venendo però subito eliminato dal West Ham Utd. Tra i suoi allori c'è anche il raggiungimento della finale della Coppa del Re 1979-1980, persa 6-1 contro la prima squadra, e la vittoria della Segunda División 1983-1984.

Allenatori e presidenti modifica

Lo stesso argomento in dettaglio: Allenatori del Real Madrid Club de Fútbol.

Per quanto riguarda gli allenatori, quello con il periodo consecutivo più lungo è Miguel Muñoz, restato in carica dal 17 aprile 1960 al 13 gennaio 1974, per un totale di 5019 giorni, mentre tra i presidenti è certamente da ricordare l'ex giocatore Santiago Bernabéu, rimasto in carica dal 1943 alla sua morte, avvenuta nel 1978.

Di seguito è riportata la lista degli allenatori[59] e dei presidenti che si sono succeduti alla guida del Real Madrid in oltre un secolo di storia.

Allenatori
Presidenti

Calciatori modifica

Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Real Madrid C.F..

Nella storia ultracentenaria del club hanno vestito la maglia del Real Madrid oltre milleduecento calciatori, alcuni dei quali hanno scritto alcune delle pagine più fulgide della storia del calcio. Tra i giocatori stranieri che hanno militato nel Real Madrid, oltre duecento, la nazionalità più rappresentata è quella argentina. Il primo straniero a indossare la casacca blanca fu Arthur Johnson, nella prima partita ufficiale della squadra.

L'ex capitano di lungo corso delle merengues, Raúl González Blanco, è il primatista di presenze (741) con il Real Madrid, nonché il secondo miglior marcatore della nazionale spagnola con 44 gol, alle spalle di David Villa (59).[60][61] Il portoghese Cristiano Ronaldo detiene, con 450 gol in 438 presenze, il primato di reti segnate con il Real Madrid. Il difensore Sergio Ramos, che ha vestito la camiseta blanca dal 2005 al 2021, è primo nella classifica dei giocatori con più presenze nella storia della nazionale spagnola. Miguel Porlán Chendo e Manolo Sanchís sono, invece, gli unici calciatori del Real Madrid ad aver compiuto l'intera carriera professionistica nei ranghi del club.[62] Con oltre 600 partite giocate con il Real Madrid, il francese Karim Benzema è lo straniero più presente nella storia del club.[63]

Vincitori di titoli modifica

Campioni del mondo

Di seguito l'elenco dei giocatori che hanno vinto il campionato mondiale di calcio durante il periodo di militanza nel Real Madrid:

Casillas, Arbeloa e Alonso festeggiano la vittoria di Euro 2012 con la nazionale spagnola
Campioni d'Europa

Di seguito l'elenco dei giocatori che hanno vinto il campionato europeo di calcio durante il periodo di militanza nel Real Madrid:

Campioni del Sud America

Di seguito l'elenco dei giocatori che hanno vinto la Copa América durante il periodo di militanza nel Real Madrid:

Calciatori vincitori della Nations League
Riconoscimenti individuali
Bandiera della Spagna Alfredo Di Stéfano (1957 e 1959)
Bandiera della Francia Raymond Kopa (1958)
Bandiera del Portogallo Luís Figo (2000)
Bandiera del Brasile Ronaldo (2002)
Bandiera dell'Italia Fabio Cannavaro (2006)
Bandiera del Portogallo Cristiano Ronaldo (2013, 2014, 2016 e 2017)
Bandiera della Croazia Luka Modrić (2018)
Bandiera della Francia Karim Benzema (2022)
Bandiera del Portogallo Luís Figo (2001)
Bandiera del Brasile Ronaldo (2002)
Bandiera della Francia Zinédine Zidane (2003)
Bandiera dell'Italia Fabio Cannavaro (2006)
Bandiera del Portogallo Cristiano Ronaldo (2016 e 2017)
Bandiera della Croazia Luka Modrić (2018)
Bandiera del Portogallo Cristiano Ronaldo (2013-2014, 2015-2016 e 2016-2017)
Bandiera della Croazia Luka Modrić (2017-2018)
Bandiera della Francia Karim Benzema (2021-2022)
Bandiera del Belgio Thibaut Courtois (2021-2022)
Bandiera dell'Inghilterra Jude Bellingham (2022-2023)

Palmarès modifica

Lo stesso argomento in dettaglio: Palmarès del Real Madrid Club de Fútbol.

Competizioni nazionali modifica

1931-1932; 1932-1933; 1953-1954; 1954-1955; 1956-1957; 1957-1958; 1960-1961; 1961-1962; 1962-1963; 1963-1964
1964-1965; 1966-1967; 1967-1968; 1968-1969; 1971-1972; 1974-1975; 1975-1976; 1977-1978; 1978-1979; 1979-1980
1985-1986; 1986-1987; 1987-1988; 1988-1989; 1989-1990; 1994-1995; 1996-1997; 2000-2001; 2002-2003; 2006-2007
2007-2008; 2011-2012; 2016-2017; 2019-2020; 2021-2022
1905; 1906; 1907; 1908; 1917; 1934; 1936; 1946; 1947; 1961-1962
1969-1970; 1973-1974; 1974-1975; 1979-1980; 1981-1982; 1988-1989; 1992-1993; 2010-2011; 2013-2014; 2022-2023
1985
1988; 1989[16]; 1990; 1993; 1997; 2001; 2003; 2008; 2012; 2017
2020; 2022; 2024
1947

Competizioni internazionali modifica

1955-1956; 1956-1957; 1957-1958; 1958-1959; 1959-1960; 1965-1966; 1997-1998; 1999-2000; 2001-2002; 2013-2014
2015-2016; 2016-2017; 2017-2018; 2021-2022
1984-1985; 1985-1986
2002; 2014; 2016; 2017; 2022
1960; 1998; 2002
2014; 2016; 2017; 2018; 2022
1994

Altre competizioni modifica

1955; 1957

Competizioni giovanili modifica

1990
2019-2020

Statistiche e record modifica

Il Real Madrid detiene il primato di campionati spagnoli vinti (35) e vinti consecutivamente (5, dal 1960 al 1965 e dal 1985 al 1990). Detiene inoltre il record di imbattibilità in partite casalinghe consecutive del campionato spagnolo (121, dal 17 febbraio 1957 al 7 marzo 1965).[64]

A livello internazionale il Real Madrid detiene il primato di vittorie in Coppa dei Campioni d'Europa/UEFA Champions League (14),[65] di finali disputate (17), di semifinali giocate (31), nonché i record di finali giocate consecutivamente (5) e vinte consecutivamente (5). Il Real Madrid è, altresì, la compagine che vanta il maggior numero di partecipazioni e di partecipazioni consecutive sia alla vecchia Coppa dei Campioni, 15 (dal 1955-56 al 1969-70), sia ai gironi della UEFA Champions League, 27 (dalla stagione 1997-1998 al 2023-2024, qualificandosi sempre alla fase successiva).

Il Real Madrid detiene il record di vittorie consecutive (22) in tutte le competizioni, stabilito nella stagione 2014-2015.[66] Nel 2017 ha eguagliato il record del Santos, andando in rete per 73 partite consecutive.[67]

L'acquisto più costoso nella storia del Real Madrid è stato quello di Eden Hazard, prelevato dal Chelsea per 115 milioni di euro nel giugno 2019.[68] La cessione più remunerativa nella storia del Real Madrid è stata quella di Cristiano Ronaldo alla Juventus, avvenuta nel luglio 2018 per 117 milioni di euro.[69]

Partecipazione ai campionati e ai tornei internazionali modifica

Campionati nazionali modifica

Dalla stagione 1928-1929 alla stagione 2022-2023 compresa, la squadra ha partecipato a:

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Primera División 93 1928-1929 2023-2024 93

Partecipazione alle coppe europee modifica

Alla stagione 2023-2024 il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai tornei internazionali:[70]

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione
Coppa dei Campioni/UEFA Champions League 54 1955-1956 2023-2024
Coppa delle Coppe 4 1970-1971 1993-1994
Coppa UEFA/UEFA Europa League 9 1971-1972 1994-1995
Coppa Intercontinentale 5 1960 2002
Supercoppa UEFA 8 1998 2022
Coppa del mondo per club FIFA 6 2000 2022

Statistiche di squadra modifica

  • Miglior posizione in campionato: (35 volte)
  • Secondo posto in campionato: 23
  • Terzo posto in campionato: 7
  • Peggior posizione in campionato: 11º (1947-48)
  • Partecipazioni alla Coppa del Re: 105 (campione)
  • Partecipazioni alla Coppa della Liga: 4 (campione)
  • Partecipazioni alla Supercoppa di Spagna: 15 (campione)
  • Maggior numero di punti in una stagione: 100 (2011-2012)
  • Maggior numero di goal segnati in una stagione: 121 (2011-2012)
  • Maggior numero di goal segnati in una partita di campionato: Real Madrid - Elche 11 - 2 (1959-1960)[71]
  • Maggior numero di goal segnati in una partita di coppa europea: Real Madrid - Boldklubben 1913 9 - 0 (1961-1962)[70]
  • Maggior numero di gol subiti in una partita di campionato: Espanyol - Real Madrid 8 - 1 (1929-1930)[71]
  • Maggior numero di goal subiti in una partita di coppa europea: Milan - Real Madrid 5 - 0 (1988-1989), Kaiserslautern - Real Madrid 5 - 0 (1981-1982)[70]
  • Acquisto più costoso: Eden Hazard - 115 milioni di euro (dal Chelsea)
  • Cessione più remunerativa: Cristiano Ronaldo - 117 milioni di euro (alla Juventus)

Statistiche individuali modifica

Cristiano Ronaldo, miglior marcatore nella storia della società
Primatisti di presenze e gol in tutte le competizioni ufficiali

Nelle competizioni europee il giocatore con più presenze è Iker Casillas con 157 apparizioni, mentre il massimo numero complessivo di gol è stato realizzato da Cristiano Ronaldo (107).[70]

Statistiche aggiornate al 6 giugno 2023.

Presenze
Reti

Tifoseria modifica

Storia modifica

Durante molte delle partite casalinghe la maggior parte dei posti dello stadio Bernabéu sono occupati dagli abbonati, che sono approssimativamente 65.000. Per diventare abbonato occorre essere un socio o un membro del club. Non tutti i membri possono ottenere un abbonamento. In aggiunta ai membri, il club ha oltre 1.800 peñas - i fan club affiliati ufficiali - in Spagna e nel mondo. Il principale gruppo organizzato, nonché a comando del tifo, è quello degli Ultras Sur Madrid (ultras della sud), che occupa la Curva Sud del Bernabéu. Tale gruppo è schierato all'estrema destra, come dimostrano i vari simboli e alcuni vessilli che ricalcano bandiere storiche dove sono raffigurate le lettere dello stemma societario.

Gemellaggi e rivalità modifica

Lo stesso argomento in dettaglio: El Clásico e Derbi madrileño.

Il gemellaggio principale dei Blancos è quello con le Brigadas Blanquiazules dell'Espanyol, stretto in chiave anti-Barça e favorito dalle convergenze sociopolitiche. Sempre grazie alle convergenze, uno dei gemellaggi internazionali più importanti è quello con la Lazio nato durante una partita di Champions League nel 2001, testimoniato da visite reciproche durante le competizioni europee. Segue a ruota quello con gli ultras dell'Hellas Verona.

Una fase di un Clásico della stagione 2008-2009

La rivalità tra Barcellona e Real Madrid è leggendaria, non solo perché si tratta dei due club più titolati del calcio spagnolo. Sin dall'inizio le società furono considerate rappresentanti delle due regioni rivali della Spagna, la Catalogna e la Castiglia, così come delle due stesse città. La contrapposizione raggiunse un livello maggiore durante la dittatura di Francisco Franco, il quale fu accusato di proteggere il Real Madrid.

I tifosi del Real Madrid sostengono che in realtà Franco proteggeva l'Atlético, squadra dei militari e del governo, che prima dell'insediamento al potere da parte del Caudillo militava in Segunda División, mentre dopo il suo arrivo (come dimostrano alcuni scritti) Franco obbligò molti giocatori importanti del campionato spagnolo nell'età del servizio militare a trasferirsi all'Atlético che nel primo anno del franchismo vinse il titolo nazionale. Un'altra argomentazione sostenuta dai madridisti è il fatto che nel periodo del franchismo, dal 1939 al 1975, il Barcellona ottenne un maggior numero di titoli nazionali rispetto al Madrid (64 a 62).

Inoltre, nel 1940 Enric Pineyro, un collaboratore di Franco, divenne presidente del Barcellona. I fatti indicano che durante la guerra civile spagnola a soffrire il regime di Franco furono membri di entrambi i club. Il presidente del Real Madrid Rafael Sánchez Guerra, un eminente repubblicano, fu imprigionato e torturato. I sicari del dittatore arrestarono e assassinarono anche un vicepresidente e tesoriere del Real e un presidente ad interim scomparve. Inoltre, Santiago Bernabéu, nel periodo in cui era presidente, ebbe un conflitto con due franchisti dopo una partita del Real Madrid, fatto che lo pose in inimicizia con il governo di Franco.

La rivalità con il Barça si intensificò dopo la semifinale della Copa del Generalísimo del 1943 tra le due squadre. La partita di andata al Les Corts terminò con una vittoria del Barça per 3-0, ma il ritorno si concluse con un passivo di 11-1. Si è insinuato che sui giocatori blaugrana furono fatte pressioni affinché perdessero la partita e persino Pineyro si dimise per protesta.

La rivalità riaffiorò negli anni 1950 con la questione riguardante l'acquisto di Alfredo Di Stéfano; i diritti sul giocatore erano divisi tra due squadre, il River Plate e i Millionarios. Il Barcellona raggiunse un accordo con i Millionarios ma non con il River Plate, mentre al Real Madrid avvenne l'esatto contrario. Nella controversia intervenne Franco, il quale, tramite un "decreto reale" appositamente emesso, stabilì che Di Stéfano avrebbe dovuto dividere la sua carriera tra le due squadre, giocando una stagione a Barcellona e una a Madrid. Il Barcellona rifiutò tale soluzione in segno di protesta e il giocatore si accasò al Real Madrid, in cui sarebbe diventato uno dei calciatori più forti di ogni epoca.[72][73]

In aggiunta alla rivalità con il Barcellona, il Real mantiene anche una storica rivalità locale con l'Atlético Madrid. Sebbene l'Atlético fosse stato originalmente fondato da tre studenti baschi, a questi si unirono nel 1904 alcuni dissidenti del Madrid FC. Ulteriori tensioni furono create dal fatto che inizialmente i tifosi dell'Atlético provenivano dalla classe lavoratrice, mentre i sostenitori del Real appartenevano alla classe media.

La rivalità tra i due club madrileni guadagnò per la prima volta l'attenzione internazionale durante la Coppa dei Campioni del 1959, quando le due formazioni si incontrarono in semifinale. Il Real vinse 2-1 la gara d'andata al Bernabéu, mentre l'Atlético vinse 1-0 il ritorno al Metropolitano. Il pareggio portò ad uno spareggio che il Real vinse 2-1. L'Atlético ottenne comunque alcune rivincite quando, dopo le dimissioni dell'allenatore del Real José Villalonga, lo sconfisse nelle due successive finali di Coppa del Re del 1960 e del 1961.

Tra il 1961 e il 1980, quando il Real dominò la Liga solo l'Atlético offrì ai blancos una seria sfida vincendo il titolo nel 1966, 1970, 1973 e 1977. Nel 1965, quando finì vicecampione della Liga dopo un'intensa battaglia con i rivali cittadini, l'Atlético divenne la prima formazione dopo otto anni a battere il Real al Bernabéu.

Il bilancio delle ultime sfide con l'Atlético è molto favorevole al Real. L'apice del dominio dei merengues si è avuto nella stagione 2002-03, quando il Real ha conquistato il titolo della Liga dopo aver battuto l'Atlético 4-0 allo stadio Vicente Calderón, oltre che nella finale di Champions League 2013-2014, dove sono state ancora i merengues ad aggiudicarsi il titolo, sempre con 4 gol a favore, nel 4-1 di Lisbona dopo i tempi supplementari, e nella finale di Champions League 2015-2016 a Milano, dove i blancos hanno prevalso ai calci di rigore.

Organico modifica

Lo stesso argomento in dettaglio: Real Madrid Club de Fútbol 2023-2024.

Rosa 2023-2024 modifica

Rosa e numerazione aggiornate al 14 agosto 2023.[74]

N. Ruolo Calciatore
1 Bandiera del Belgio P Thibaut Courtois
2 Bandiera della Spagna D Daniel Carvajal
3 Bandiera del Brasile D Éder Militão
4 Bandiera dell'Austria D David Alaba
5 Bandiera dell'Inghilterra C Jude Bellingham
6 Bandiera della Spagna D Nacho (capitano)
7 Bandiera del Brasile A Vinícius Júnior
8 Bandiera della Germania C Toni Kroos
10 Bandiera della Croazia C Luka Modrić (vice capitano)
11 Bandiera del Brasile A Rodrygo
12 Bandiera della Francia C Eduardo Camavinga
13 Bandiera dell'Ucraina P Andrij Lunin
N. Ruolo Calciatore
14 Bandiera della Spagna A Joselu
15 Bandiera dell'Uruguay C Federico Valverde
17 Bandiera della Spagna A Lucas Vázquez
18 Bandiera della Francia C Aurélien Tchouaméni
19 Bandiera della Spagna C Dani Ceballos
20 Bandiera della Spagna C Fran García
21 Bandiera del Marocco A Brahim Díaz
22 Bandiera della Germania D Antonio Rüdiger
23 Bandiera della Francia D Ferland Mendy
24 Bandiera della Turchia C Arda Güler
25 Bandiera della Spagna P Kepa Arrizabalaga

Staff tecnico modifica

Staff tecnico
  • Allenatore: Bandiera dell'Italia Carlo Ancelotti
  • Assistente allenatore: Bandiera dell'Italia Davide Ancelotti
  • Allenatore dei portieri: Bandiera della Spagna Luis Llopis
  • Preparatore atletico: Bandiera della Spagna Javier Mallo
  • Preparatore atletico: Bandiera dell'Italia Antonio Pintus
  • Preparatore atletico: Bandiera dell'Italia Francesco Mauri
  • Terapista della riabilitazione: Bandiera della Spagna José Carlos García Parrales
  • Terapista della riabilitazione: Bandiera della Francia Bandiera delle Comore Hamidou Msaidie
  • Match analyst: Bandiera dell'Italia Simone Montanaro
  • Nutrizionista: Bandiera dell'Italia Mino Fulco

Altre sezioni sportive modifica

Calcio femminile modifica

Lo stesso argomento in dettaglio: Real Madrid Club de Fútbol (femminile).

Nel 2020 è stata istituita la sezione di calcio femminile del Real Madrid, che nella stagione 2020-2021 milita in Primera División Femenina.

Pallacanestro modifica

Lo stesso argomento in dettaglio: Real Madrid Baloncesto.

Rugby a 15 modifica

Lo stesso argomento in dettaglio: Real Madrid Club de Fútbol (rugby a 15).

Calcio a 5 modifica

Nel 2008 il club unitamente ad altre otto squadre vincitrici di almeno un campionato nazionale, diede vita alla Liga Española de Fútbol Indoor, campionato giocato da veterani dei rispettivi club. Il Real Madrid ha schierato giocatori come Paco Buyo, Emilio Amavisca ed Alfonso Pérez.

Sezioni storiche modifica

Oltre alle sezioni attualmente[quando?] esistenti il Real Madrid ha avuto diverse altre sezioni sportive, attualmente[quando?] scomparse.

  • La sezione di pallavolo maschile, vincitrice di 9 campionati tra il 1972 ed il 1983 e di 12 Coppe del Re.
  • La sezione di pallamano, vincitore di un campionato nazionale nel 1951.
  • La sezione di baseball, fondata nel 1944 e vincitrice di 8 titoli nazionali.
  • La sezione di atletica leggera, attiva tra il 1930 ed il 1980, salvo una fase di inattività nel 1938 ed il 1939.
  • La sezione di rugby, presente all'interno della polisportiva tra il 1925 ed il 1948, vincitrice di un campionato nazionale e diversi titoli regionali.
  • La sezione di tennis aveva tra i suoi tesserati Manuel Santana, vincitore del Torneo di Wimbledon nel 1966.
  • La sezione di nuoto.

Note modifica

  1. ^ Tal día como hoy… en 2000, su realmadrid.com. URL consultato il 4 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2022).
  2. ^ (EN) 1902-1910, in realmadrid.com. URL consultato il 24 agosto 2018.
  3. ^ (EN) Football honours, in realmadrid.com. URL consultato il 24 agosto 2018.
  4. ^ (EN) 1911-1920, in realmadrid.com. URL consultato il 24 agosto 2018.
  5. ^ (EN) 1931-1940, in realmadrid.com. URL consultato il 24 agosto 2018.
  6. ^ (EN) 1941-1950, in realmadrid.com. URL consultato il 24 agosto 2018.
  7. ^ (EN) 1961-1970, in realmadrid.com. URL consultato il 25 agosto 2018.
  8. ^ (EN) 1971-1980, in realmadrid.com. URL consultato il 26 agosto 2018.
  9. ^ Il termine spagnolo quinta è paragonabile all'italiano "leva", nel senso di generazione, gruppo della stessa annata e quindi chiamato assieme alla leva militare.
  10. ^ (EN) 1981-1990, in realmadrid.com. URL consultato il 26 agosto 2018.
  11. ^ (EN) 1991-2000, in realmadrid.com. URL consultato il 26 agosto 2018.
  12. ^ a b (EN) 2001-2010, in realmadrid.com. URL consultato il 27 agosto 2018.
  13. ^ Le migliori squadre di sempre: il Real 1998-2002, in it.uefa.com. URL consultato il 27 agosto 2018.
  14. ^ Tradizionalmente considerata la prima edizione della Coppa del Re, ma non riconosciuta dalla RFEF.
  15. ^ Torneo annullato per l'inosservanza delle norme relative ai campi di gioco.
  16. ^ a b Vittoria automatica del trofeo avendo vinto sia la Liga che la Coppa del Re.
  17. ^ Real Madrid, mejor club del siglo XX, su realmadrid.com. URL consultato il 14 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2011).
  18. ^ (EN) Alvaro Heralta, Corinthian, the reason why Real Madrid dress in white, su realmadridnews.com, 29 maggio 2013. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  19. ^ (EN) Real Madrid turns 106 (V), su realmadrid.com. URL consultato il 21 giugno 2010.
  20. ^ Real Madrid, una maglietta verde, su sportmediaset.mediaset.it.
  21. ^ a b c (ES) Escudo Real Madrid, su santiagobernabeu.com. URL consultato il 29 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2008).
  22. ^ Presidents — Pedro Parages, su realmadrid.com. URL consultato il 18 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2009).
  23. ^ (EN) Hala Madrid y nada más, in realmadrid.com. URL consultato il 3 settembre 2018.
  24. ^ (ES) Estadio, in realmadrid.com. URL consultato il 23 agosto 2018.
  25. ^ a b c d (ES) Viejos Campos del Real Madrid, in realmadridcf-online.com. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2012).
  26. ^ a b (EN) Estadio Santiago Bernabeu, in stadiumguide.com. URL consultato il 23 agosto 2018.
  27. ^ a b (EN) Training Facilities, su realmadrid.com. URL consultato il 23 agosto 2018.
  28. ^ (EN) Alfredo di Stefano Stadium, su realmadrid.com. URL consultato il 23 agosto 2018.
  29. ^ Redazione, Il Real giocherà le gare in casa allo Stadio Di Stéfano, su CalcioeFinanza.it, 2 giugno 2020. URL consultato il 22 ottobre 2020.
  30. ^ Nella Casa del Real: tra i segreti dei Blancos, su sport.sky.it. URL consultato il 23 agosto 2018.
  31. ^ (EN) Previous Ciudad Deportiva, su realmadrid.com. URL consultato il 23 agosto 2018.
  32. ^ Perez si dimette da presidente del Real Madrid, BBC, 27 febbraio 2006. URL consultato l'11 dicembre 2008.
  33. ^ 2001 - oggi — Il Real Madrid supera il secolo, su realmadrid.com. URL consultato il 12 luglio 2008.
  34. ^ Elizabeth Nash, L'UE indaga sulla transazione immobiliare del Real Madrid, in independent.co.uk, Londra, 4 marzo 2004. URL consultato il 14 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2009).
  35. ^ Gli errori sono vietati, CNN/Sports Illustrated, 8 maggio 2001. URL consultato il 14 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2013).
  36. ^ a b Lowe, Sid (2013). "Paura e disgusto in La Liga: La vera storia di Barcellona e Real Madrid". p. 356-357. Random House,
  37. ^ Le squadre di calcio più preziose, in Forbes, 30 aprile 2008. URL consultato il 16 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2012).
  38. ^ Le squadre di calcio più preziose – Manchester United, in Forbes, 30 aprile 2008. URL consultato il 16 marzo 2010.
  39. ^ Deloitte Football Money League (PDF), Deloitte, 20 ottobre 2003. URL consultato il 16 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2013).
  40. ^ Piano del Real Madrid di aprire un proprio parco a tema, su thespoiler.co.uk, 4 settembre 2009. URL consultato l'8 settembre 2009.
  41. ^ Notizie, su upcomillas.es. URL consultato il 23 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2012).
  42. ^ Il business del calcio, in Forbes, 21 aprile 2010. URL consultato il 7 agosto 2010.
  43. ^ Valutazioni delle squadre di calcio, in Forbes, 30 giugno 2009. URL consultato il 7 agosto 2010.
  44. ^ Il Real Madrid diventa la prima squadra sportiva al mondo a generare 400 milioni di euro di entrate e guadagna il primo posto nella Deloitte Football Money League, su deloitte.com, Deloitte. URL consultato il 7 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 5 agosto 2010).
  45. ^ Come il Real Madrid può permettersi la sua spesa folle per i trasferimenti? – ESPN Soccernet, su soccernet.espn.go.com, 12 giugno 2009. URL consultato il 4 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2009).
  46. ^ Peterson, Marc p. 25
  47. ^ Wladimir Andreff e Stefan Szymański, Manuale sull'economia dello sport, Edward Elgar Publishing, 2006, p. 299, ISBN 1-84376-608-6.
  48. ^ (RO) Dramma al Real Madrid. È morto il più anziano sostenitore, su ziare.com, 2010. URL consultato il 21 settembre 2010.
  49. ^ a b c The Swiss Rambler, The Swiss Ramble: Il Real Madrid e il Fair Play Finanziario, su swissramble.blogspot.ie, 21 giugno 2011. URL consultato il 4 luglio 2012.
  50. ^ Real Madrid CF – Sito web ufficiale – Il fatturato annuo del Real Madrid ammonta a 480,2 milioni di euro, registrando un aumento dell'8,6% rispetto all'anno finanziario precedente, su m.goal.com, goal.com, 16 settembre 2011. URL consultato il 4 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2018).
  51. ^ I club di calcio dominano la classifica mondiale dei club sportivi più pagati, in The Guardian, 3 maggio 2012.
  52. ^ Il Real Madrid in cima alla classifica delle squadre sportive più preziose al mondo, in Forbes, 15 luglio 2013.
  53. ^ Deloitte Football Money League 2022, su www2.deloitte.com, Deloitte, 21 marzo 2022.
  54. ^ Il Barcellona diventa la prima squadra sportiva a guadagnare in media £10 milioni all'anno in stipendi, in The Guardian, 25 novembre 2018. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  55. ^ Il Barcellona al primo posto nella lista 2018 delle squadre sportive più pagate al mondo con uno stipendio medio annuo di $13,8 milioni, su Business Insider. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  56. ^ (ES) Comunicado oficial, su realmadrid.com, Real Madrid C.F., 22 luglio 2011. URL consultato il 2 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2011).
  57. ^ (EN) Nature and Objetives, in realmadrid.com. URL consultato il 3 settembre 2018.
  58. ^ Negli ultimi dieci anni, le giovanili del Real Madrid hanno fatto guadagnare tantissimo al club, su rivistaundici.com, 29 luglio 2020.
  59. ^ CRONACA STAFF & DIRIGENTI REAL MADRID CF, in transfermarkt.it. URL consultato il 22 agosto 2018.
  60. ^ (EN) Spain - Record International Players, su rsssf.com. URL consultato il 30 novembre 2008.
  61. ^ (ES) Máximos goleadores de la selección española, su futbol.sportec.es, Fútbol en la Red. URL consultato il 30 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2009).
  62. ^ (ES) Nacho ya suma más minutos que toda la temporada pasada. ¿Será el siguiente 'one club man' del Real Madrid?, su marca.com, Marca. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  63. ^ Benzema, el jugador extranjero con más partidos en la historia del Real Madrid, su realmadrid.com, Real Madrid C.F.. URL consultato il 13 dicembre 2020.
  64. ^ (EN) Unbeaten at Home in the League, su RSSSF.
  65. ^ History, su uefa.com (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2010).
  66. ^ "Real Madrid win Club World Cup, fourth title of 2014", Yahoo Sports, 19 febbraio 2015., su sports.yahoo.com. URL consultato il 16 aprile 2023 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2018).
  67. ^ Real Madrid equal Santos' run of 73 consecutive games scoring, in Marca, 20 settembre 2017.
  68. ^ Hazard: 100 million euros plus variables, su Marca, 7 giugno 2019. URL consultato il 4 luglio 2019.
  69. ^ Cristiano Ronaldo signs for Juventus!, su juventus.com, 10 luglio 2018.
  70. ^ a b c d Real Madrid CF, su it.uefa.com. URL consultato il 21 agosto 2018.
  71. ^ a b PARTITE RECORD, in transfermarkt.it. URL consultato il 29 agosto 2018.
  72. ^ Alfredo Di Stefano: la Saeta Rubia che fece grande il Real, su calciopro.com, 4 luglio 2012. URL consultato il 4 luglio 2012.
  73. ^ Real Madrid: taking down myths, su hala-madrid.livejournal.com, 4 luglio 2012. URL consultato il 4 luglio 2012.
  74. ^ (ES) Real Madrid Primer Equipo, su realmadrid.com.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica