Prese di sottomissione di wrestling

Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.

Le prese di sottomissione del wrestling includono un numero di azioni e controlli utilizzati dagli esecutori per immobilizzare i loro avversari o per giungere ad una sottomissione. Questo articolo copre le varie immobilizzazioni, stiramenti, manipolazioni e costrizioni utilizzate nel ring. Le mosse sono elencate in categorie generiche quando possibile.

Molto spesso queste prese non vengono applicate nei punti in cui l'avversario può rischiare un infortunio, proprio per evitare possibili danni. Lo stesso dicasi per le prese di soffocamento, mai applicate nei punti in cui possono far realmente soffocare l'avversario. Un'eccezione avviene nello shootfighting, dove queste prese molto rischiose vengono regolarmente utilizzate per finire gli incontri.

Sottomissioni alla testa, collo e mentoModifica

CrossfaceModifica

 
Bobby Roode mentre applica una Crossface

CrossfaceModifica

La Crossface viene eseguita afferrando con entrambe le braccia l'avversario, spingendolo al tappeto; si "incastra" un braccio dell'avversario tra le proprie gambe, assicurandosi che non possa scappare. L'esecutore si siede sull'avversario (o immediatamente accanto ad esso) steso a terra prono; infine con gli avambracci forma una croce sul viso dell'avversario (da qui il nome Crossface) per poi tirare all'indietro con forza. La pressione è concentrata sul braccio, sul collo e sulla schiena dell'avversario.

Crossface chickenwingModifica

Versione della Crossface in cui l'esecutore applica contemporaneamente una Bodyscissors.

Omoplata crossfaceModifica

Altra versione della Crossface. Il fine è sempre quello di soffocare l'avversario per mezzo degli avambracci a croce sul suo viso, solo che il braccio viene sì incastrato tra le gambe, però si aumenta la pressione utilizzando il fianco corrispondente.

Cobra clutchModifica

Consiste nel prendere di spalle l'avversario prendendogli un braccio che poi gli verrà piegato intorno al collo con l'esecutore che, a sua volta, effettuerà una presa al collo per infierire maggiormente.

Camel clutchModifica

L'avversario, a terra rivolto a pancia in giù, subisce una torsione innaturale della schiena e del collo con le proprie braccia poste sulle cosce dell'esecutore che, nel frattempo, si "siede" sulla schiena del rivale.

FacelockModifica

Ci sono due tipi di Facelock:

Manovra utilizzata spesso al tappeto dove l'esecutore, posto dinanzi all'avversario, chiude la testa dell'avversario stesso nelle proprie braccia.

Inverted facelockModifica

Con quest'altra variante, l'avversario è in piedi di spalle all'esecutore che gli avvolge un braccio intorno al collo, curvandogli, così, la schiena e subendo, inoltre, una pressione al collo.

Questa manovra prende anche il nome di Dragon Sleeper dal soprannome del suo inventore, Tatsumi Fujinami.

Stepover toehold facelockModifica

Questa presa, detta anche STF, viene eseguita su un avversario che giace a faccia in giù sul ring. L'esecutore afferra una delle gambe dell'avversario e mette la caviglia di quest'ultimo tra le proprie cosce, bloccandogli le braccia attorno alla testa. L'esecutore quindi tira indietro, allungando la schiena, il collo e il ginocchio dell'avversario.

Full nelsonModifica

 
Chris Masters applica la Masterlock su René Duprée.

L'esecutore di questa mossa di sottomissione afferra il proprio avversario da dietro facendo passare le proprie braccia sotto le ascelle dell'avversario per poi incrociare le mani dietro la nuca dello stesso. Da questa posizione applica una dolorosa pressione sul collo dell'avversario. Esistono anche diversi tipi di suplex e proiezioni che iniziano da questa posizione.

GogoplataModifica

L'esecutore, sdraiato supino, mette una propria gamba (generalmente all'altezza della tibia) contro il collo dell'avversario e la blocca afferrando il proprio piede; l'avversario subisce una forte pressione contro il collo o il mento.

HeadlockModifica

Normalissima presa di sottomissione, molto frequente e utilizzata, in genere, all'inizio di un incontro. La Headlock può essere definita anche come una mossa "basilare" che consiste nell'avvolgere il collo del proprio avversario sotto il braccio di colui che la esegue.

Nell'ottica della kayfabe, tale manovra fa pressione sul collo impedendo il regolare flusso sanguigno al cervello.

Mandible clawModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Mandible Claw.

La mandible claw è una manovra di sottomissione che consiste nell'infilare nella bocca all'avversario il proprio dito medio e l'anulare, facendole scivolare sotto la lingua e premendo sul tessuto soffice che si trova sul fondo della bocca. Attraverso l'uso del pollice, posto sotto la mandibola, il wrestler esegue una forte pressione verso l'alto, bilanciando la pressione verso il basso esercitata dal medio e dall'anulare.

Octopus holdModifica

L'esecutore si trova dietro l'avversario e lo aggancia con una gamba sopra la gamba opposta, quindi forza l'avversario su un lato, intrappola una delle sue braccia con il proprio braccio e gli tende la gamba libera sul collo, costringendolo verso il basso. Ciò eleva l'esecutore e pone tutto il suo peso sull'avversario.

Sleeper hold/Rear-Naked ChokeModifica

La sleeper hold è una delle tecniche di sottomissione più comuni nel wrestling.

La traduzione in italiano è "presa soporifera" proprio perché mira a far "addormentare" l'avversario.

Tale manovra si esegue ponendosi alle spalle dell'avversario: con un braccio gli si stringe il collo e con la mano dello stesso braccio l'esecutore afferra l'altro suo braccio che chiude la presa. La presa, a differenza di quanto si possa pensare, non agisce per soffocamento ma agisce bloccando l'afflusso di sangue al cervello provocando uno svenimento.

Stepover toehold facelockModifica

Si esegue bloccando una delle gambe dell'avversario con le proprie (toe hold, "presa alle gambe") e si completa la mossa avvolgendo entrambe le braccia al mento di colui che la subisce (facelock, "lucchetto alla testa"). Esistono molte varianti, tra cui la Regal Stretch o la Inverted STF.

Triangle chokeModifica

Consiste nell'intrappolare la testa e un braccio dell'avversario tra le proprie gambe impedendogli così una regolare respirazione; le gambe dell'attaccante formano una sorta di triangolo, da cui il nome della presa. Comunemente usata nelle federazioni giapponesi e nel mondo della arti marziali miste. È conosciuta nel judo come "Sankaku jime".

TwisterModifica

Viene eseguito da una posizione di cavalcatura grazie alla quale l'esecutore crea un "gancio" con le braccia infilato attraverso le gambe dell'avversario e fissato dietro la caviglia. L'esecutore quindi tira il braccio opposto dell'avversario dietro la propria testa e afferra la testa del suo avversario tirandolo verso la spalla.

Vise GripModifica

Mossa che consiste nello schiacciare con tutte e due le mani il cranio della vittima. Anche se molto dolorosa è una presa dalla quale è facile liberarsi.

Guillotine chokeModifica

Consiste nel prendere la testa dell'avversario sotto il proprio braccio, come per una DDT, agganciarsi alla sua vita con le gambe e stringere le braccia, per provocare una forte pressione al collo e al cranio dell'avversario.

Fish hookModifica

Il wrestler infila le dita in bocca dell'avversario e comincia ad applicare pressione come se chi subisce la mossa fosse stato agganciato da un amo da pesca. Tale tecnica comunque è considerata scorretta ed è vietata negli incontri.

Tongan Death GripModifica

Consiste nell'afferrare il collo dell'avversario con una mano per strangolarlo.

Sottomissioni alle bracciaModifica

HammerlockModifica

La presa consiste nel girare il braccio dell'avversario attorno se stesso e poi piegarlo per portare l'avambraccio dietro la schiena, causando una torsione innaturale del tricipite e dell'articolazione della spalla. Questa presa è molto comune e quasi tutti i lottatori la usano, specie per iniziare gli incontri dopo i primi clinch, è tipicamente usata come tecnica di controllo, per essere usata come tecnica di sottomissione (quindi con lo scopo di far cedere l'avversario) deve essere eseguita da terra ma nel wrestling moderno questa versione della tecnica è molto poco utilizzata.

ArmbarModifica

Con le spalle del lottatore che subisce la mossa a terra quello che la esegue esercita moltissima pressione al gomito del rivale spingendo in direzioni opposte con l'aiuto del ginocchio l'avambraccio e il bicipite. Anche questa è una tecnica molto comune e può essere utilizzata in seguito a una mossa che agisce alle braccia come l'Hiptoss o la Arm Drag.

Cross armbreakerModifica

Variante dell'armbar, dove l'utilizzatore compie un giro di 360°gradi prima di prendere l'avversario in una presa al braccio da terra.

Kimura lockModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Kimura lock.

Consiste nell'afferrare il braccio dell'avversario col proprio braccio sinistro (se la si applica all'arto destro della vittima) facendolo passare per sopra la spalla dell'avversario mantenendo il proprio polso destro e con la stessa mano afferrare il polso dell'avversario esercitando pressione.

SurfboardModifica

Si esegue mettendo un piede sulla schiena di colui che subisce la mossa, tirandogli indietro le braccia, quasi come a cavalcare appunto una tavola da Surf. Oltre che ad agire alla spina dorsale con il piede il portare le spalle verso le braccia provoca dolore ai muscoli superiori del braccio.

Triangle holdModifica

Variante dell'armbar che porta colui che esegue la mossa ad appoggiare le spalle al tappeto, e con l'aiuto delle gambe, a creare un triangolo con il braccio tirato verso di sé, appoggiando le gambe stesse sul collo del rivale che si trova a terra.

Arm triangle chokeModifica

L'esecutore stringe la testa e un braccio dell'avversario, posizionato per terra, facendogli subire una forte pressione.

Lifting arm triangle chokeModifica

L'esecutore applica una Arm triangle choke rimanendo in piedi e sollevando l'avversario.

Sottomissioni alla schiena e alle costoleModifica

Bear hugModifica

 
Chris Masters applica una bear hug su Shawn Michaels

Letteralmente denominata "abbraccio dell'orso", si esegue in questo modo: l'esecutore si posiziona di fronte al suo avversario e lo afferra con entrambe le braccia intorno al torso. Quindi applica una pressione, cercando di stritolare l'avversario. Solitamente l'avversario viene sollevato dal suolo.

Reverse bearhugModifica

Mossa identica alla Bear Hug classica con la differenza che in questo caso l'esecutore afferra l'avversario da dietro.

Abdominal stretchModifica

Mossa che consiste nel mettersi dietro all'avversario e afferrargli un braccio, bloccargli l'altro usando la gamba e infine esercitare una pressione sugli addominali, tale mossa ha reso famoso Hulk Hogan.

CloverleafModifica

Anche conosciuta come Texas Cloverleaf, questa mossa è un ibrido tra una Figure Four Leg Lock e una Boston Crab, ma può anche essere considerata una specie di Sharpshooter, con la differenza che l'esecutore invece di mettere una gamba tra quelle dell'avversario, ci mette un braccio e unisce le proprie mani per chiudere la presa.

Vertical cloverleafModifica

Variante di cloverleaf eseguita rimanendo in piedi e con l'avversario appoggiato al ring solo con le braccia.

Rope hung Boston crabModifica

Conosciuta anche come Tarantula. Uncinando alle corde il rivale con l'aiuto delle gambe, l'esecutore afferra le gambe dell'avversario e creando una specie di cerchio le tira indietro come fosse in una semplice Boston Crab. Essendo attraverso l'attaccamento alle corde la pressione esercitata anche alle spalle la mossa risulta distruttiva e molto difficile da ribaltare. Le regole dei normali match però non consentono di eseguirla per un periodo più lungo di 5 secondi, poiché in caso di contatto con le corde da parte di qualunque parte del corpo anche solo di uno dei due lottatori colui che esegue la sottomissione è costretto a interromperla, pena la squalifica.

Argentine backbreaker rackModifica

Conosciuta meglio come Torture Rack o Human Torture Rack. L'esecutore afferra una gamba, un braccio e la testa dell'avversario (posizione Argentine), per poi tirarli verso di sé, provocando forte pressione alla schiena e al collo.

Sottomissioni alle gambeModifica

Ankle lockModifica

L'Ankle lock è una presa di sottomissione che consiste nell'afferrare la caviglia dell'avversario e, ruotando il piede verso l'esterno, mantenerla bloccata in una posizione innaturale e dolorosa. Questo tipo di torsione si ripercuote oltre che sulla caviglia sull'articolazione del ginocchio. In alcuni casi, per rendere più efficace la mossa, l'esecutore si sdraia a terra immobilizzando con le proprie gambe l'avversario, impedendogli qualsiasi movimento.

Questo tipo di tecnica è usato prevalentemente nel wrestling, in quanto vietata nel Judo e molto poco usata nel Ju jitsu brasiliano.

A volte con il termine Ankle lock ci si riferisce a qualunque presa che agisca sulla caviglia ma, nel wrestling, il termine dovrebbe essere usato solo per le tecniche di torsione e non per quelle di compressione dei tendini o iperestensione dell'articolazione della caviglia.

C'è una variante di questa mossa la double ankle lock in cui il lottatore si sdraia a terra esercitando tramite le gambe la presa anche al piede libero dell'avversario.

Boston crabModifica

L'esecutore si pone in piedi, mentre l'avversario è con la schiena a terra; l'esecutore afferra entrambe le gambe dell'avversario, bloccandole tra le braccia ed il busto. A questo punto costringe l'avversario ad eseguire una rotazione che termina quando questi poggia a terra con il busto; quindi l'esecutore, che durante la manovra ha scavalcato con una gamba l'avversario, si lascia andare all'indietro tirando le gambe di questi.

Single leg Boston crabModifica

Identica alla classica Boston crab solo che viene applicata ad una sola gamba.

Over the shoulder single leg Boston crabModifica

La mossa consiste nel prendere con due mani la gamba dell'avversario e nel mettere, appunto, la gamba dietro la testa, in modo da fare uno spezza gamba con la testa. Questa mossa era usata raramente da Brock Lesnar, che la utilizzava solo e spesso per i wrestler che raggiungevano i 100 kg. Il nome tecnico della mossa è Over the shoulder Single Leg Boston Crab, che significa Boston Crab ad una gamba sulle spalle.

Ropes boston crabModifica

L'esecutore applica una Boston crab mentre l'avversario è intrappolato tra le corde del ring.

Bridging deathlockModifica

Dalla posizione finale della deathLock il lottatore che esegue la mossa afferra la testa del rivale spingendola verso l'alto.

Figure-four leglockModifica

Il wrestler che utilizza la presa è in piedi davanti all'avversario sdraiato di schiena a terra; prende una delle gambe di quest'ultimo, effettua una rotazione intorno a questa, mantenendo la presa alla caviglia ottenuta; afferra la seconda gamba e la incrocia con la prima, gettandosi a terra, applicando pressione sulle gambe dell'avversario (le quali in questa posizione assumono la forma di un "4") con le proprie.

Esiste una versione modificata detta Inverted figure-four.

Figure-eight leglockModifica

Esecuzione identica della Figure-four leglock con la variante che l'esecutore una volta eseguita la mossa esegue un ponte in modo da aumentare la pressione sulle gambe e aumentare l'efficacia della presa.

Indian deathlockModifica

Gioco a incastro con le gambe: colui che esegue la mossa porta a incastrare il piede del rivale al proprio ginocchio facendo compiere al ginocchio dell'avversario, steso per terra supino, una torsione innaturale. Una volta fatto ciò si butta all'indietro e torce ancora di più il ginocchio dell'avversario. La mossa è molto usata nel Puroresu.

Inverted SharpshooterModifica

Nota anche come Edgecator, la posizione di partenza è perfettamente uguale a quella della Sharpshooter, ma durante l'esecuzione l'esecutore resta con il corpo girato dalla stessa parte ed esercita la sottomissione soprattutto sulla parte inferiore delle gambe del rivale, premendole contro il proprio ginocchio.

LeglockModifica

L'esecutore della mossa prende una delle gambe della vittima e la incastra tra le sue, causando una forte pressione nella parte interessata

LiontamerModifica

La posizione di partenza è uguale a quella della Boston crab, con la differenza che in questa versione della mossa l'esecutore non scavalca con la propria gamba l'avversario bensì mentre sta per girare la vittima gli appoggia il ginocchio sulla nuca in modo da esercitare una maggiore pressione sulla schiena e contrariamente alla boston crab anche al collo.

SharpshooterModifica

La Sharpshooter, conosciuta come Sasori Gatame e Scorpion hold, è una mossa di sottomissione tra le più note. Inventata da Riki Choshu, la presa prevede che l'avversario sia sdraiato a terra, supino. L'esecutore, in piedi, afferra le gambe dell'avversario; con una delle proprie gambe attraversa quelle dell'avversario, in modo che questa si accanto al bacino dell'avversario. A questo punto l'esecutore incrocia le gambe dell'avversario all'altezza della propria pancia attorno alla gamba precedentemente spostata. Mantenendo la presa, l'esecutore si gira, costringendo anche l'avversario a girarsi; a questo punto il wrestler si china all'indietro, facendo pressione sulle gambe e sulla parte bassa della schiena dell'avversario.

È conosciuta con molti altri nomi, come reverse figure four, cloverleaf leg-lace crab, grapevine boston crab e grapevine crab.

Trick Trock ToeModifica

Simile all'Ankle Lock ma la differenza sta nel fatto che il dolore si concentra sull'alluce grazie al movimento imposto dal wrestler (quello di volerlo spezzare). È spesso preceduta dalla rimozione della scarpa dell'avversario.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling