Pteropus anetianus

specie di pipistrello
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Volpe volante bianca
Immagine di Pteropus anetianus mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Megachiroptera
Famiglia Pteropodidae
Genere Pteropus
Specie P. anetianus
Nomenclatura binomiale
Pteropus anetianus
Gray, 1870
Areale

     P.a. motalavae

     P.a. banksiana

     P.a. aorensis

     P.a. eotinus

     P.a. pastoris

     P.a. bakeri

     P.a. anetianus

La volpe volante bianca (Pteropus anetianus Gray, 1870) è un pipistrello appartenente alla famiglia degli Pteropodidi, endemico di Vanuatu.[1][2]

DescrizioneModifica

DimensioniModifica

Pipistrello di medie dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 146 e 229 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 114 e 136 mm, e un peso fino a 440 g.[3]

AspettoModifica

La pelliccia è lunga, soffice e lanosa. Il colore del corpo varia notevolmente tra le sottospecie, dal color crema al marrone scuro. Le spalle variano dal giallo-brunastro al marrone scuro. In P.a. anetianus e P.a. aorensis è presente una banda trasversale biancastra tra il mantello ed il dorso. Il muso è relativamente corto ed affusolato, gli occhi sono grandi. Le orecchie sono corte, con l'estremità arrotondata e parzialmente nascoste nella pelliccia. La tibia è ricoperta densamente di peli. Le membrane alari sono attaccate lungo i fianchi del corpo. È privo di coda, mentre l'uropatagio è ridotto ad una sottile membrana lungo la parte interna degli arti inferiori. Il cranio presenta un rostro molto accorciato.

BiologiaModifica

ComportamentoModifica

Si rifugia in piccole e tranquille colonie sugli alberi. È prevalentemente diurna.

AlimentazioneModifica

È prevalentemente un consumatore di fiori, ma è stato visto nutrirsi anche di frutti del genere Ficus e Syzygium, insieme alla specie P.tonganus.[4]

RiproduzioneModifica

Le femmine probabilmente danno alla luce un solo piccolo alla volta tra agosto e settembre. I maschi diventano attivi sessualmente tra ottobre e gennaio.

Distribuzione e habitatModifica

L'areale di questa specie è ristretto alle Isole Vanuatu. La specie si è probabilmente estinta sull'isola di Tanna.

TassonomiaModifica

In accordo alla suddivisione del genere Pteropus effettuata da Andersen[5], P. anetianus è stato inserito nello P. samoensis species Group, insieme a P. samoensis stesso e P. coxi . Tale appartenenza si basa sulle caratteristiche di avere un ripiano basale nei premolari, il rostro del cranio accorciato e gli incisivi superiori di aspetto normale.

Sono state riconosciute 7 sottospecie:

Altre specie simpatriche dello stesso genere: P. tonganus e P. fundatus.

Stato di conservazioneModifica

La IUCN Red List, considerato la frammentazione del suo areale e la perdita continua del suo habitat, classifica P. anetianus come specie vulnerabile (VU).[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Helgen, K. & Hamilton, S. 2008, Pteropus anetianus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Pteropus anetianus, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Flannery, 1995, p. 249.
  4. ^ Micklenburgh & Al., 1992.
  5. ^ Andersen, 1912, p. 92.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi