Apri il menu principale

Rhus coriaria

specie di pianta della famiglia Anacardiaceae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sommacco siciliano
Sommacco.jpg
Rhus coriaria
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Sapindales
Famiglia Anacardiaceae
Genere Rhus
Specie R.coriaria
Nomenclatura binomiale
Rhus coriaria
L.

Il sommacco siciliano (Rhus coriaria L.) è una pianta appartenente alla famiglia delle Anacardiaceae.

DescrizioneModifica

È un arbusto deciduo, che può raggiungere altezze fino a 3 metri. Ha foglie pennate, lunghe 10-20 centimetri, con bordo seghettato. I fiori, di colore giallo-verdastro, sono riuniti in pannocchie. Fiorisce in maggio-agosto. I frutti, sono drupe di colore rosso-bruno; sono velenosi se consumati freschi.

Distribuzione e habitatModifica

Il sommaco pianta nel sistema naturale - natural System si distingue soprattutto per la presenza nel meridione d'italia.

Inoltre, questa specie è diffusa prevalentemente in Europa meridionale e in Medio Oriente.
In Italia è abbastanza diffusa, dal livello del mare sino fino a 800-1000 m di altitudine, spesso come relitto di antiche colture. In Sicilia è diffusa specialmente nelle province di Palermo e di Trapani.

UsiModifica

CulinarioModifica

I frutti, raccolti prima che giungano a maturazione e fatti essiccare, una volta tritati danno vita a una spezia dal sapore acidulo, simile al succo di limone, quasi sconosciuta in occidente ma particolarmente usata nella cucina vicino e mediorientale: Libanesi e Siriani la usano per insaporire il pesce; Iracheni e Turchi la aggiungono alle insalate; Iraniani e Georgiani ci condiscono il kebab. Ideale con lenticchie, ripieni per il pollo, cipolle e salse di yogurt.
Se ne ricava il succo immergendo i semi triturati in acqua per venti minuti (circa 1 dL d'acqua ogni 35 grammi di semi), quindi si scolano e si strizzano.

SalutisticoModifica

 
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Questa spezie ha un potere antiossidante (ORAC) tra i più elevati in assoluto, un indice di valore 312400[2], circa 73 volte più potente di una mela, che notoriamente viene considerata un ottimo antiossidante. Nei paesi mediorientali se ne prepara una bevanda acidula che si somministra per la cura dei lievi disturbi di stomaco.

PelletteriaModifica

Un tempo dalla corteccia e dalle foglie della pianta si estraevano i tannini impiegati in tintoria e nel processo di concia delle pelli.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia, Edagricole, Bologna 1982. ISBN 88-506-2449-2
  • T.G. Tutin, V.H. Heywood et Alii, Flora Europea, Cambridge University Press 1976. ISBN 0-521-08489-X
  • Barbera G., Bazzi M. Il sommacco siciliano (Rhus coriaria L.): aspetti agronomici e qualitativi. Informatore Agrario 1987; 20: 57-61.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica