Rosasite

minerale
Rosasite
Rosasite-291101.jpg
Classificazione StrunzV/C.01-80[senza fonte]
Formula chimica(Cu,Zn)2(CO3)(OH)2
Proprietà cristallografiche
Sistema cristallinoMonoclino
Parametri di cellaa=12,873, b=9,354, c=3,156, Z=4, β= 110,36° V = 356,28[1]
Gruppo puntuale2/m
Gruppo spazialeP 21/a
Proprietà fisiche
Densità4,0-4,2 g/cm³
Densità calcolata4,14[1] g/cm³
Durezza (Mohs)4
Sfaldaturafacile
Fratturairregolare
Coloreverde-azzurro[2]
Lucentezzada vitrea a sericea
Opacitàda trasparente a traslucido[1]
Striscioverde-azzurro[2]
Diffusionepiuttosto raro[2]
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

La rosasite è un minerale, un idrossicarbonato di rame e zinco, che prende il nome dalle miniere di Rosas in provincia di Cagliari dov'è stata scoperta.

Abito cristallinoModifica

In croste o microscopici cristalli.[2]

Origine e giacituraModifica

L'origine della rosarite è secondaria, per cui si trova nei luoghi di ossidazione delle miniere di rame, zinco e piombo.[2]

Forma in cui si presenta in naturaModifica

In cristalli microscopici che formano delle masse globulari o botrioidale[2], cioè mammellonari[3] oppure in croste mammellonari fibrose.[2]

Luoghi di ritrovamentoModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c Dati Webmin
  2. ^ a b c d e f g h i j Autori vari, Scheda Rosasite in "Il magico mondo dei minerali & gemme, De Agostini, (1993-1996) Novara
  3. ^ Definizione di botrioidale sul sito ufficiale della Treccani
  4. ^ Carlo Maria Gramaccioli, Rosasite in "I minerali dalla A alla Z vol.2°" pag. 462-463, Peruzzo editore, 1988 Milano

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Webmin, su webmineral.com.
  Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia